LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Appia antica con i suoi santuari torna ad essere la via dei Pellegrini
Cecilia Gentile
La Repubblica, Cronaca di Roma, 22 giugno 2005


IL PRIMO a percorrerla fu Paolo di Tarso, subito dopo fu l'apostolo Pietro. Entrambi diretti a Roma, dove subirono il martirio. Nei secoli immediatamente successivi, l'Appia Antica divenne il frequentatissimo itinerario dei devoti che si recavano ai luoghi di sepoltura e di persecuzione dei santi.
Adesso, la via ritorner ad essere la strada dei pellegrini. Non solo le catacombe, maanche chiese, santuari e monumenti sepolcrali saranno attrezzati per offrire a turisti e fedeli visite guidate e materiale informativo.
Sar possibile grazie ad un accordo fra l'ente parco e il Pontificio consiglio della cultura, inaltre
parole, il ministero dei Beni culturali della Santa Sede, che il referente sui luoghi di culto dell'Appia.

Ancora: nuovi pieghevoli distribuiti nelle sedi del parco racconteranno la storia della prima via di pellegrinaggio, mettendo insieme le testimonianze storiche e archeologiche diffuse sul territorio e i testi letterari tramandati nei secoli. Toccher ai pannelli illustrativi evidenziare le memorie religiose.
Intanto, l'ente parco stabonificando due tratti compresifraSan-ta Maria delle Mole e via Capanne di Marino, successivamente sar la volta di un'areaalT altezza di via di Fioranello. Al termine di questi interventi, tutto il tracciato compreso all'interno del parco regionale istituito nel 1988, 16 chilometri da porta San Sebastiano a Frattocchie, sar percorribile a piedi o in bicicletta senza interruzioni.

E i visitatori potranno scoprire oltre alla via consolare degli eserciti e dei commerci, anche la strada dei pellegrini.
Un primo passo per dare all'Appia Antica la stessa dignit del Cammino di Santiago di Compostela in Spagna o della via Francigena, altro percorso storico che collegava il centro e il nord d'Europa a Roma - dice Marco Di Fonzo, presidente dell'ente parco -Noi possiamo agire solo all'interno del parco, ma chiediamo da tempo che ilparlamento riprenda la proposta di legge firmata dai rappresentanti di tutto l'arco politico per recuperare e valorizzare l'intero percorso della Regina Varum, che attraversa tre regioni fino a Brindisi.

Del progetto fa parte anche il volume "La Via Appia. Regina via-rum, Via peregrinorum", edito dall'ente parco e scritto da mon-signor Pasquale lacobone, docente alle pontifcie universit Gregoriana e Lateranense, che verr presentato alle 18 di oggi nella sala conferenze di Villa Malta, in via di Porta Pinciana 1.
Sar presente anche il cardinale Paul Poupard, presidente del Pontificio consiglio della cultura. Dal li bro apprendiamo, per esempio, che i pellegrini venivano a Roma il 29 giugno, per la festa dei santi Pietro e Paolo, il 10 agosto e il 13 agosto per celebrare i martiri Lorenzo e Ippolito.


E venivano da ogni parte dell'Impero. Ma sono solo alcune delle occasioni pi famose. Tutto l'anno, in realt, i devoti percorrevano la strada. San Girolamo, a Roma per motivi di studio nel 360 dopo Cristo, racconta che si recava ogni domenica alle tombe dei martiri.

I fedeli si fermavano in preghiera alle Catacombe di San Sebastiano, dove per alcuni anni furono conservate le spoglie di Pietro e Paolo, prima di essere trasferite nelle rispettive basiliche costruite apposta, oppure alle catacombe di San Callisto, dove erano le tombe di santaCecilia e dei papi. O ancora, secoli dopo, alla chiesa del Quo vadis?, il luogo dove i vangeli apocrifi riferiscono che avvenne l'incontro fra Cristo e Pietro in fuga da Roma.

Accanto alle catacombe i pellegrini si fermavano a mangiare dopo l'omaggio alle sepolture dei martiri. Si trattava di refrigeriti, cio di pasti frugali. Lo testimoniano i numerosi graffiti, ne sono stati contati 640, trovati sui muri. Eccone un esempio: Io, Tornio Celio, ho tenuto il refrigerium in onore di Pietro e Paolo.

Alla fine delle persecuzioni, papa Damaso, nella seconda met del IV secolo dopo Cristo, promosse una politica di riscoperta e valorizzazione dei luoghi dei martiri. Per esempio, fece costruire sale di discesa e di salita, passaggi pi agevoli, percorsi orientati. Intanto, l'Appia stava per acquisire un altro ruolo: nel Medioevo sarebbe diventata la strada verso Gerusalemme.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news