LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Magna Grecia terra madre
Paolo Vagheggi
la Repubblica, Catanzaro, 21/6/2005

Catanzaro Riscoprire la civiltà della Magna Grecia, per troppi anni lasciata nell'oblio, raccontando in una mostra la fatica dell'indagine archeologica, il lento e sempre incompiuto risorgere di quelle antiche civiltà. Ecco Magna Grecia, archeologia di un sapere, allestita a Catanzaro, nel complesso monumentale del San Giovanni (fino al 31 ottobre, catalogo Electa). Vasi, statue in terracotta, rare sculture in marmo tra cui il contestato Trono Ludovisi — che per la prima volta ha lasciato Roma— utensili, oreficerie, corredi funerari, iscrizioni, incisioni e quadri provenienti dai principali musei archeologici dell'Italia meridionale e d'Europa — complessivamente circa 800 pezzi — raccontano questa straordinaria epopea. L'esposizione promossa dall'università Magna Grecia di Catanzaro— di cui è artefice e rettore Salvatore Venuta — è curata dal direttore della Scuola Normale di Pisa, Salvatore Settis, con il coordinamento scientifico di Maria Cecilia Parra. Tre le sezioni legate alla storia della Magna Grecia e alla sua graduale riscoperta dal Settecento in poi.
Spiega Salvatore Settis: «Quello che la mostra propone è il racconto dì una scoperta, anzi di una doppia scoperta. Da un lato, la "scoperta della Magna Grecia", prima attraverso i ritrovamenti occasionali e la passione dei collezionisti che li raccolgono e ne promuovono lo studio iniziale; poi attraverso l'opera sul territorio dei pionieri (come Paolo Orsi, Quintino Quagliati, Umberto Zanotti Bianco, Paola Zancani Montuoro), fra l'ultimo Ottocento e il primo Novecento; e infine con il sistematico lavoro delle strutture pubbliche di tutela, le Soprintendenze. Ma con questa scoperta se ne intreccia un'altra, non meno importante: la "scoperta" dei metodi scientifici dell'archeologia, il suo consolidarsi come disciplina, la legittimazione che le viene da importanti risultati conseguiti sul campo dello scavo, ma anche su quello dell'interpretazione. In tal modo l'immagine stessa della Magna Grecia si modifica di continuo. Per fare un solo esempio, gli importantissimi scavi di Rocavecchia in Puglia, a cui è dedicata una sezione, rivelano una frequentazione micenea delle coste adriatiche che crea significative sintonie e sincronie con gli eventi dell'Egeo, dell'assedio di Troia, dei poemi di Omero».
Nelle radici greche ci sono i germi di una comune identità nazionale?
«In realtà, quando si vollero cercare nel passato le ragioni dell'identità del presente, e in particolare quelle di un'Italia unita, i Greci dell'Italia meridionale e della Sicilia non erano dei buoni antenati, perché potevano proporre modelli identificativi solo per una metà del Paese. Non per l'Italia settentrionale, non per le terre etrusche e umbre, non per buona parte dell'arco adriatico, non per la stessa Roma. Perciò si preferirono spesso i Romani: perché sotto di essi l'Italia fu politicamente unitaria, e per giunta con Roma capitale (anche se, dovremmo aggiungere, capitale di un impero ben più vasto dell'Italia). La massima insistenza su questo punto fu naturalmente sotto il fascismo».
E oggi?
«Oggi i Greci possono invece essere una componente essenziale, vitale di una visione pluralistica dell'identità nazionale, aperta a vari apporti (per esempio, anche altri "occupanti" di porzioni d'Italia, dai Punici agli Arabi, dai Normanni agli Spagnoli, dagli insediamenti ebraici a quelli di albanesi, catalani, tedeschi). Va evitato invece, io credo, il rischio di costruire tante subidentità locali e localissime. Le identità culturali vanno individuate e promosse con piena coscienza del fatto che esse, storicamente, non nascono "per distinzione" ma "per confluenza", mediante un processo osmotico di dare e avere. Questo è vero dappertutto, e lo è in massima misura in Italia».
Questa mostra mette in rilievo i problemi di tutela e conservazione del patrimonio archeologico. Qual è la situazione?
«Oggi come sempre, non si dà tutela senza conoscenza, cioè senza ricerca. La progressiva burocratizzazione delle strutture ministeriali — in particolare con l'infelice riforma Urbani — tende a farcelo dimenticare. E una mostra come questa ha fra i suoi scopi di ricordarcelo. Come si potrebbe tutelare ciò che non si conosce? E che senso potrebbe mai avere distinguere, burocraticamente, "tutela" e "valorizzazione", se entrambe devono avere il proprio fondamento nella ricerca e nella conoscenza? La ricomposizione dell'unità concettuale e operativa della tutela dovrebbe avvenire sul campo, ma è oggi fortemente a rischio. L'esposizione, insistendo sull'intimo legame fra ricerca, tutela, valorizzazione, fruizione, dovrebbe invitare tutti a riflettere. Le Soprintendenze territoriali (non solo quelle archeologiche) dovrebbero essere rinsanguate con nuovo personale, e non sottomesse alle burocratiche mediazioni di "direzioni regionali", bensì poste in condizione di operare mediante un'ampia autonomia gestionale. Il rapporto con regioni, province e comuni dovrebbe essere incentrato non sui conflitti di competenza (come fatalmente oggi è in conseguenza della confusa riforma del titolo V della Costituzione), bensì su un tavolo di concertazione, su un "patto per il patrimonio" che desti e attragga la coscienza civile e il senso di appartenenza dei cittadini».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news