LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capodimonte. L'ultima opera di Caravaggio da ieri è "in prestito" alla Pinacoteca
Anita Pepe
Roma, 21/6/2005

E' il più documentato dei dipinti di Caravaggio, forse l'ultimo. Eppure per anni non venne riconosciuto, tanto da essere attribuito prima al solito seguace non meglio identificato, poi addirittura a Mattia Preti, finché nel 1980 Giorgio Fulco e Vincenzo Pacelli, frugando tra le carte degli archivi, vi impressero in maniera inoppugnabile il sigillo del Maestro, con tanto di data: 1610. Da allora, la "Sant'Orsola confitta dal tiranno" è una star delle rassegne dedicate al lombardo e, senza dubbio, la principale calamità di quanti visitano la sede della Banca Intesa in via Toledo, quel Palazzo Zevallos nel quale la tela, dopo vicissutidini ereditarie snodatesi tra Genova, Napoli ed Eboli, e forse per influenza di un kharma misterioso (l'edificio appartenne anche ai Colonna, protettori napoletani del Merisi), approdò nel 1972, grazie all'interessamento di Raffaele Mattioli. Un "colpaccio" involontariamente messo a segno dall'allora Banca Commerciale (relativamente) a buon mercato e a scopo d'arredamento, entrato poi nelle collezioni di Banca Intesa con un pedigree trionfale, anche se... non è stato amore a prima vista perché « il quadro non "cantava"», confessa Fatima Terzo, responsabile per i Beni Culturali dell'istituto di credito. Si decise perciò di affidare alle cure dell'Istituto Centrale di Restauro questo «malato gravissimo», uscito nel 2004 dalle mani dei coniugi Giantomassi risarcito nella tavolozza e nelle dimensioni originarie, per giunta con una sorpresa: una mano, fino ad allora sconosciuta, che irrompe sulla scena
nel vano tentativo di fermare il martirio della vergine. La scoperta era troppo importante per non organizzare una tournée del capolavoro restituito: tre tappe (Roma, Milano e Vicenza), prima di approdare alla mostra dei record su "L'ultimo tempo" di Caravaggio" tenutasi a Capodimonte e alla National Gallery di Londra. Adesso però, rientrato nella città dove fu eseguito quattro secoli fa, il quadro non può ancora tornare a casa, visto che gli imponenti e necessari lavori di ritrutturazione di palazzo Zevallos prevedono tempi piuttosto lunghi. Che fare, allora? Invece di seppellirlo in qualche caveau, si è pensato di esporre il capolavoro in un luogo ad hoc: così da ieri la "Sant'Orsola", con tanto di esauriente pannello didattico (esempio che molti direttori di musei dovrebbero seguire), è diventata l'ospite d'onore di una stanza della pinacoteca di Capodimonte, con la buona compagnia di Sellitto, Vitale e Battistello, che del Merisi furono contemporanei, imitatori e (senza dubbio nel caso di Caracciolo) pure amici. Si tratta, naturalmente, di una collocazione temporanea, poiché «le opere d'arte, a meno che non intervengano ragioni di tutela, non devono essere strappate dai posti per i quali furono concepite, soprattutto in una città, come Napoli, in cui le testimonianze del passato sono fortemente innervate nel territorio», sentenzia il soprintendente Nicola Spinosa, d'accordo con il responsabile della direzione Sud di Banca Intesa Vincenzo D'Alessio. Uno "svarione" conspevole e perciò perdonabile, quello del Soprintendente Speciale per il Polo Museale (la tela in realtà venne commissionata dal principe genovese Marcantonio Doria), funzionale alla contestualizzazione del dipinto in un'appassionata digressione caravaggesca. Quadro dall'iconografia al solito eversiva, con pochi attori - fra cui il pittore stesso - ad interpretare un martirio che, più che un dramma storico-religioso, è in realtà una tragedia umana, specchio della fragilità psicologica di un fuggiasco braccato dalla giustizia papalina e dagli sgherri di un misterioso cavaliere maltese, che aveva conosciuto nell'autunno precedente la faccia cattiva di Napoli, quella che, ora come allora, sa infierire con espressioni di inaudita ferocia. Quanto è diversa, allora, questa tela in cui c'è poca differenza tra vittima e carnefice, in cui domina l'ineluttabilità della morte, dall'atletico Cristo di quella "Flagellazione" dettata tre anni prima da una concezione ancora "eroica" e rinascimentale. Nelle sale di Capodimonte, basta girare l'angolo per vedere la differenza segnata da questa manciata di mesi: un attimo, una vita intera.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news