LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. San Procolo, crolla il tetto
Giovanni Spano
La Nazione, Firenze, 21/6/2005

Edificata probabilmente prima del 1000 e dedicata in origine ai Santi Procolo e Nicomede, gi nominata nel 1036, di nuovo menzionata nel 1064, al momento in cui il vescovo di Firenze l'ha donata ai monaci benedettini. Cos nel luglio 1991 scrivevano l'allora soprintendente Domenico Valentino e l'ispettore storico dell'arte, Mirella Branca, a proposito della chiesa di San Procolo, tra via dei Giraldi e via dei Pandolfini, in una relazione storico-artistica destinata al ministero per i Beni culturali e ambientali; prove della lontanissima esistenza della chiesetta situata a due passi dal Bargello, e dalla quale prese nome anche uno speciale cenacolo. Prove della sua ricchezza: in special modo dell'altare maggiore, in stucco con colonne corinzie, dei pregevoli dipinti, molti dei quali attualmente in deposito presso la Soprintendenza per i Beni artistici e storici di Firenze. Per Firenze e i Fiorentini San Procolo, pur irrimediabilmente chiusa fin dai tempi dell'alluvione, il portone d'ingresso ancora violato da una fiammata di tre-quattro anni fa, ha sempre conservato un'importanza affettiva. Tra domenica notte e luned, intorno all'una, ben due delle tre capriate del tetto sono crollate all'interno e all'esterno della chiesetta. Mura portanti, travi, intonaci, laterizi per complessivi duecento metri quadri di struttura: tutto marcio, tutto sbriciolato. E' tutto troppo vecchio, secondo i vigili del fuoco, che per l'appunto indicano nella 'vetust' dell'edificio la causa del cedimento. Forse dovuto anche alle raffiche di pioggia della settimana scorsa che hanno dato il colpo di grazia alle capriate. Fatto che pompieri e vigili urbani hanno transennato la zona e parte dei detriti sono stati raccolti. Chiuse al traffico dei mezzi e al passaggio pedonale sia il tratto di via Giraldi che quello di via dei Pandolfini, sui quali sorge l'antichissimo edificio. Per fortuna non si registrano danni alle persone e alle cose attorno. Ma poteva andare decisamente peggio: come sarebbe andata se il crollo si fosse verificato in pieno giorno anzich all'una del mattino? A ogni modo: i vigili del fuoco hanno inviato, gi nelle ore immediatamente successive al cedimento, almeno quattro fax: alla Soprintendenza dei beni artistici e architettonici, al Comune (ufficio urbanistica), al sindaco Domenici e, naturalmente, alla Prefettura.
La chiesa di propriet dei duchi Salviati, che l'acquistarono il 14 luglio del 1786 tramite il cardinale Gregorio Salviati, che la rilev dai monaci benedettini della vicina Badia fiorentina per effetto delle leggi emanate dal granduca Leopoldo per contrastare l'eccessiva concentrazione dei beni nelle mani degli ordini religiosi. Si voleva cos eliminare la 'mano morta', la possibilit per taluni, e segnatamente per i religiosi, di non vendere mai, commenta l'avvocato Raffaello Torricelli, 95 anni, decano dei legali fiorentini, ancora in attivit. Con un solo accorgimento: Ho trasferito lo studio a casa....
Gli eredi Salviati proprietari della chiesa sono, pare ancor oggi, pi d'una decina. Ma vivono tutti lontani da Firenze, alcuni anche fuori dall'Italia. E, ieri pomeriggio, raggiunto telefonicamente, il geometra Roberto Caso, al quale i proprietari hanno firmato una procura per la gestione di questo bene, ha commentato non senza disappunto: Non ci voleva questo crollo. Proprio ora che si dovevano fare i lavori di restauro. I duchi avevano contattato un'impresa. No, non saprei dirvi quando sarebbero dovuti cominciare i lavori. Chiusa nel 1966, la chiesa stata gestita, fino agli inizi degli anni Ottanta, secondo l'istituto ormai superato, desueto, della 'concessione in enfiteusi": la propriet viene in sostanza sdoppiata tra chi la mantiene (diretto dominio) e chi ne gode (utile dominio), pagando un canone all'arcivescovo di Firenze affinch lo devolvesse in beneficenza. Ricevettero il bene secondo queste modalit l'avvocato Carlo Donati (nel '22), poi la consorte, quindi, dopo la morte di quest'ultima, l'avvocato Carlo Torricelli, nel 1934. Che, in data 13 luglio 1994, si affrancato dal bene, riconsegnandolo ai Salviati. La concessione era scaduta gi da molto, il 24 settembre 1980. In tutti questi anni, sembra per la difficolt nel reperire un unico, definitivo interlocutore, sono risultati vani i tentativi di acquisto della chiesa da parte di un albergo di via del Proconsolo e dello stesso Bargello di allargare alla chiesetta i propri spazi museali.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news