LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO: SCAVI PER IL PARCHEGGIO Piazza Vittorio: arriva il s definitivo da Roma
MARIA GRAZIA GRIPPO
Giornale Piemonte, 19 giugno 2005

Giornale Piemonte 19-GIU-2005

Secondo un verbale del Comitato tecnico le procedure adottate sarebbero state corrette

C' un verbale del Comitato tecnico scientifico che il ministro Rocco Rutti, elione ha incaricato di analizzare il caso delle piazze torinesi San Carlo e Vittorio che assolve le Soprintendenze piemontesi e la direzione generale per i Beni archeologici. La nota da Roma non ancora approdata sulla scrivania dell'assessore ai Lavori pubblici, Maria Grazia Sestero, ma pare che il lieto fine sia la giusta conclusione della vicenda.
Ora immagino che gli scavi potranno ripartire - sottolinea la Sestero - anche se aspetto indicazioni scritte da Roma. Se verr confermato che le nostre procedure sono state corrette, credo che non ci saranno problemi a revocare la sospensione dei lavori. Dalla comunicazione dell'alt sono trascorsi circa venti giorni durante i quali le ruspe hanno continuato a lavorare in piazza san Carlo e in met di piazza Vittorio.



Assolti dall'accusa di irregolarit nelle procedure. Dice pi o meno cos il verbale stilato gioved dal Comitato tecnico scientifico che il ministro Rocco Buttiglione ha incaricato di analizzare il caso dei reperti rinvenuti e rimossi nelle piazze torinesi San Carlo e Vittorio, dove il Comune sta facendo costruire parcheggi sotterranei. Questo il secondo e quasi certamente definitivo pronunciamento del Comitato, che lo scorso 10 giugno si era gi espresso favorevolmente in merito alle scelte compiute a Torino sul fronte archeologico. Stavolta invece la valutazione ha riguardato gli aspetti di natura architettonica. E, nonostante da Roma non sia ancora giunta nessuna nota ufficiale, ritardata dall'assenza del ministro, che in questi giorni in Cina, pare ormai confermato l'happy end dopo il ciclone di polemiche che avevano investito le Soprintendenze piemontesi e la direzione generale per i Beni archeologici. Prima le une, poi l'altra avevano infatti dato il via libera allo smantellamento di buona parte dei resti affiorati dalle viscere della terra durante gli scavi per i parcheggi: li avevano giudicati non idonei al recupero o poco interessanti da conservare.

Ma quando ormai c'era quasi nulla da salvare erano insorti alcuni cittadini e con loro si era schierato il critico e parlamentare Vittorio Sgarbi.
Il suo intervento in aula sulla distruzione arbitraria di memorie del passato, l'interessamento di alcuni colleghi, come il senatore dell'Udc, Maurizio Eufemi, e il polverone sollevato dal caso avevano indotto Buttiglione a fermare i lavori e sottoporre l'intero dossier al Comitato tecnico scientifico di settore
in forza al ministero. Ora immagino che gli scavi potranno ripartire - annuncia Maria Grazia Sestero, assessore comunale ai Lavori pubblici -, anche se aspetto una indicazione scritta da Roma.

Se sar confermato che le procedure adottate sin qui sono state quelle corrette, credo non ci saranno problemi a revocare la sospensione immediatamente. Nonostante il ministro avesse indicato nel 30 giugno il tempo massimo per dirimere la controversa questione.

Dalla comunicazione dell'alt sono trascorsi circa venti giorni, durante i quali le ruspe hanno continuato a operare in piazza San Carlo e in met di piazza Vittorio, poich la sospensione ha avuto effetto solamente nell'area Nord del salotto sul Po, ossia nell'unico punto dove ancora sono presenti dei reperti. Questo disagio a raggio limitato aveva indotto Sestero a liquidare la faccenda con l'adagio shakespeariano molto rumore per nulla. Ma poi davanti ai colleghi della commissione comunale competente aveva cambiato posizione.

Non riusciremo a chiudere il cantiere e garantire una copertura almeno provvisoria alla piazza in tempo per le Olimpiadi, aveva detto.

E si erano scatenate altre polemiche, stavolta da parte dell'opposizione, cui aveva dato voce l'esponente di An Agostino Ghiglia. Ora, il nuovo via libera romano sembra aver restituito l'ottimismo all'assessore, che ieri ragionava: Con l'impresa dovremo ricalcolare i tempi in base al ritardo sul quadrante Nord e quanto questo ci sia costato, ma ancora non dispero di farcela per i Giochi. Avr invece una pavimentazione definitiva per quella data piazza San Carlo.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news