LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AGRIGENTO: Nella Valle dei Templi di nuovo Far West
Sicilia Agrigento 17-GIU-2005


ABUSIVISMO. Dopo gli allarmi dei giorni scorsi i vigili scoprono altre costruzioni in zona A

Tre sequestri al giorno, due dei quali avvengono quasi sempre nella zona A del Parco Archeologico della Valle dei Templi. A conferma di quanto emerso nei giorni scorsi, riesploso ufficialmente il fenomeno dell'abusivismo edilizio nel sito che, per eccellenza, non dovrebbe veder sorgere alcun fabbricato. Giorno dopo giorno si capisce che dietro la faccenda non ci sono solo chiacchiere o illazioni, ma dati di fatto accertati dai vigili urbani della Squadra Edilizia.

Gli agenti della Polizia Municipale, anche dopo le segnalazioni documentali e fotografiche diffuse dall'ambientalista Giuseppe Arnone, sono passati al contrattacco, con blitz quotidiani anche nelle zone meno battute negli anni scorsi, vedi appunto la zona A.

Nella zona in cui le case abusive si continuano a costruire, ma che, rispetto al recente passato, vengono scoperte e segnalate all'autorit giudiziaria, con tanto di denunce dei legittimi proprietari. E non ancora finita, alla luce di nuovi possibili sequestri.

Sono tornati a costruire abusivamente nella zona A del Parco Archeologico della Valle dei Templi.


Sprezzanti del pericolo di essere denunciati, o forse pi semplicemente, ignoranti in materia di leggi, leggine e decreti ministeriali o regionali, gli amanti del mattone selvaggio hanno ripreso alacremente le loro attivit. E, per farlo, hanno scelto proprio la zona rossa, quella in cui, in teoria, non si potrebbe piantare neppure un chiodo nel terreno.
E, invece, altro che chiodi, sono spuntati su e gi nella valle.
Chi pensa si tratti di un piccolo rigurgito di illegalit, fatto di altrettanto piccoli abusi edilizi si sbaglia. I vigili urbani della squadra edilizia, nell'arco degli ultimi dieci giorni, hanno effettuato almeno cinque sequestri tra contrada Mad-dalusa e l'ingresso di San Leone. A destare particolare meraviglia tra le stesse forze dell'ordine stato il constatare che gli abusi erano stati compiuti nella zona off limits per eccellenza. Quella che molti fanno risalire al sito in cui si erge anche un noto albergo e una serie infinita di altre abitazioni, ovviamente abitate dai legittimi proprietari.
Per nulla pavidi delle sanzioni applicate negli anni scorsi a chi alzava case di varia grandezza, i nuovi costruttori hanno ripreso gli attrezzi del mestiere ed eretto fior di villette, alcune anche con giardino annesso.
A rendersi conto della nuova recrudescenza di abusivismo edilizio nel cuore pulsante della Valle dei Templi sono stati dunque gli infaticabili agenti della Polizia municipale i quali sono tornati indietro con la memoria ai tempi in cui nella zona A si registrava una denuncia dietro l'altra, con annesso sequestro del cantiere.
Dopo l'esplosione di provvedimenti risalenti ai primi anni Novanta, cadde il silenzio. Adesso la musica sembra essere cambiata e di molto.
Nei giorni scorsi, come se avesse intuito che la pentola dell'illegalit nel campo dell'edilizia era tornata a bollire,

il vice presidente del Consiglio comunale ed esponente nazionale di Legam-biente, Giuseppe Arnone, disse che nella zona a era tornato l'abusivismo edilizio.

Affermazioni che, come al solito, alzarono un polverone di considerazioni e commenti, avallate per da fotografie scattate dallo stesso Arnone e date in pasto agli organi di informazione.
Qualche giorno dopo - ma in verit anche qualche giorno prima - altre foto le avevano scattate i vigili urbani che con la loro Jeep di fresca immatricolazione avevano passato al setaccio dalla met di maggio le stradine spesso sterrate di contrada Maddalusa e dintorni.

La situazione in continua evoluzione era dunque da tempo presa in debita considerazione dalle forze dell'ordine che giorno dopo giorno hanno trovato conferma ai loro sospetti.

Non manca il risvolto negativo della medaglia. Visto che gli agenti della polizia municipale, procedono al ritmo di due o tre sequestri al giorno sono costretti a tare i salti mortali per depositare in Procura la documentazione del sequestro appena compiuto. Scaduto infatti questo lasso di tempo previsto dalle norme vigenti in materia di contrasto all'abuso edilizio, il lavoro delle forze dell'ordine va inesorabilmente perduto. A rendere difficile e ancor pi disagevole il lavoro dei vigili la mancanza di un supporto aerofotogrammetico.
L'ultimo dato in loro possesso quello risalente al 1998. Tanto, troppo tempo trascorso da quella data. Agrigento e la sua Valle notevolmente cambiata anche nelle zone in cui molti speravano non cambiasse nulla. Vedi appunto la zona A, dove si torna a parlare di Far west edilizio. Tanto che nei prossimi giorni si attendono nuovi colpi di scena.

FRANCESCO DI MARE



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news