LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piazza San Carlo e le sue sorelle. Chiamparino: "Mai più spettacoli di massa in centro "
la Repubblica, cronaca di Torino, 15 giugno 2005



UN ARREDO essenziale, con poche panchine, «mobili» come in piazza Castello, e un'illuminazione funzionale.

A vivacizzare questo enorme spazio vietato alle auto saranno i dehors, che però dovranno essere particolari, coerenti con la storia clella piazza. È l'aspetto che assumerà piazza San Carlo, al termine dei lavori per il parcheggio sotterraneo da 380 posti, che stanno proseguendo di gran lena: sarà rispettata la scadenza per offrire la definitiva sistemazione superficiale entro novembre.
Anche per piazza Vittorio i patemi sulla fine del cantiere entro fine anno sembrano dissolti (oggi ci sarà il secondo pronunciamento del comitato del ministero dei Beni culturali per i reperti trovati nella parte nord) e non si esclude di poter completare la copertura, seppure provvisoria, in occasione delle Olimpiadi. Le due nuove piazze pedonali, con piazza Castello, formeranno un trittico di aree auliche, da riservare essenzialmente al passeggio e ai dehors, anche se per il «salotto di Torino» i commercianti insistono nel chiedere l'attraversamento delle auto.

Sulla questione ieri è intervenuto il consigliere comunale di An, Agostino Ghiglia, che dopo aver attaccato la giunta Chiamparino, chiede al sindaco di promuovere un referendum per sollecitare l'apertura di piazza San Carlo, almeno fino al completamento della metropolitana.

E mentre Chiamparino e l'assessore alla Viabilità Maria Grazia Sestero non cambiano idea sull'argomento («la piazza sarà pedonalizzata a meno che non venga dimostrato con i fatti che succede un disastro per il traffico, ma non credo», diceil sindaco), si studiano i progetti per i nuovi arredi e le attività che potranno accogliere le tre aree del centro.

Tenendo conto che l'obiettivo è di destinare alla piazza olimpica che sta sorgendo tra piazza d'Armi e il Pala Isozaki gran parte delle manifestazioni estive. Sarà una piazza grande come piazza San Carlo, circondata da decine di migliaia di metri quadrati di parco.
Ma un nuovo punto d'aggregazione sta sorgendo pure su «Spina3», di fronte al villaggio media: sarà uno dei punti estivi per le proiezioni cinematografiche all'aperto.
Il dibattito sull'utilizzo futuro delle piazze centrali è aperto. Certamente ci sarà una selezione fra le tante iniziative che fino ad ieri finivano per occupare, con padiglioni estetica-mente discutibili, il centro storico. La selezione (che riguarderà anche piazza Castello) in alcuni casi lo impone la Sovrintendenza ai beni archeologici che ha richiesto per piazza San Carlo un arredo «minimo» e sollecitato che anche i dehors sistemati debbano essere di pregio.

I tecnici dell'assessorato al Commercio e all'Arredo urbano stanno studiando un progetto.

«Ci sarà indubbiamente una cernita — dice Fiorenzo Alfieri, l'assessore all'Arredo urbano — Piazza Vittorio, per le sue dimensioni, può essere adattata a quelle manifestazioni gratuite di massa».

Spiega il sindaco Chiamparino: «Se servirà una location in cui si deve promuovere l'immagine di Torino, piazza Vittorio è ideale. Bisogna però trovare la migliore soluzione per preservare la pedonalizzazione delle esedre: i fuori strada attuali sono in grado di distruggere qualsiasi dissuasore».E piazza San Carlo? «Sarà il luogo della socializzazione, come ogni piazza pedonale moderna».

Maurizio Baiotti, uno dei commercianti del «salotto», non ha dubbi: «Con i dehors sarà uno spettacolo, non ho dubbi. Noi siamo pronti a dialogare con l'amministrazione per proporre iniziative d'intrattenimento. Ma chiediamo l'attraversamento della piazza, senza possibilità di sosta. Non per interessi di bottega, come pensa qualcuno. Ma proprio per evitare che si formino code e ingorghi all'estremità della piazza. È una questione di buon senso».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news