LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sar legittimo far sparire le monete antiche. Legge alla Camera: non si dovranno pi segnalare i ritrovamenti. Gli storici: cos viene cancellata la memoria
Virginia Piccolillo
Corriere della sera, 20 giugno 2005

Oggi il testo potrebbe avere il via libero definitivo. Prevista una deroga soltanto per gli esemplari pi rari

ROMA Dracme, aurei, sesterzi, marenghi, antichi nummi. Monete che hanno segnato la storia e che ora rischiano di diventare caccia libera, per tutti. Fermate quella legge o rischiamo di perdere la nostra memoria storica. E' accorato l'allarme che giunge da studiosi e archeologi per il provvedimento gi passato al Senato e che oggi rischia di avere il s definitivo alla Camera: una norma che toglie ogni tutela alle monete antiche. Compreso l'obbligo di segnalare alla sovrintendenza la scoperta.
Non una questione da poco. E a spiegare il valore devastante di questo undicesimo subemendamento, inserito dal Senato al provvedimento conosciuto come Mezzogiorno e diritto d'autore, sono storici importanti e gli stessi sovrintendenti. Il professor Elio Locascio, docente di Storia romana all'Universit Federico II di Napoli, si dispera: Le monete sono una delle nostre fonti pi importanti per ricostruire la storia. Se passa questa legge non saremo pi in grado di capire la vita quotidiana, gli scambi, i rapporti tra popoli diversi.
Sono molte decine di migliaia le monete ritrovate ogni anno sul nostro territorio, sparse o in gruzzoli. Alcuni ritrovamenti, come quello avvenuto anni fa sulla via Braccianense, hanno rivoluzionato gli studi storici. L'area di circolazione della moneta non si pu capire se non partendo da questi ritrovamenti, perderne le tracce folle aggiunge il professor Locascio.
Un granello nell'ingranaggio fragilissimo della tutela del patrimonio archeologico stato inserito nell'articolo 2 del decreto legge n. 63 del 26 aprile 2005, dopo norme a tutela dei vitigni e sulle controversie sul formaggio. Si parla di archeologia preventiva. Ma si allargano le maglie del codice Urbani. Quella legge aveva liberato da ogni vincolo le collezioni private, ma almeno aveva tutelato quelle storiche, come la collezione dei Gonzaga lamenta Sara Sorda, segretario generale dell'Istituto di Numismatica ora invece si da il via libera a chiunque trovi monete, magari con l'aiuto di un metal detector che in Italia possono acquistare tutti, di mettersele in tasca e portarle via senza dire niente a nessuno.
L'obiezione che il testo preveda una deroga per le monete rare o di particolare valore fa imbestialire gli esperti. Irene Berling, presidente dei funzionari chiamati a tutelare il nostro patrimonio, parla di argomento pretestuoso: Le monete antiche, come quelle moderne, sono di per s "ripetitive" perch battute da una zecca. In realt questa norma resuscita il cosiddetto condono archeologico che Gabriella Carlucci e altri parlamentari tentarono di far passare invano. Ora ci si riprova. E' un'altra arma spuntata denuncia E temiamo che attraverso questo varco aperto dalle monete possa poi passare anche il resto.
Anna Gallina Zevi, sovrintendente di Ostia, ancora pi dura; Chi stabilisce che quella moneta di poco valore? La legge non lo dice ed evidente il riferimento al valore economico. Ma ora di finirla: il passato non deve giustificarsi di esistere. E' e basta. Tutto ha un valore inestimabile e va conosciuto. Se, invece, dobbiamo sempre essere l ad arrabbattarci per arrivare prima di chi vuole sconvolgere un sito archeologico diventa una corsa senza speranza.



news

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

25-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

Archivio news