LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, la Tac svela i segreti dei calchi "Una ricerca unica"
ANTONIO FERRARA
30 settembre 2015 la Repubblica




I"PAZIENTI" sono stati sottoposti alla Tac al calar del sole, quando la mostra dove sono esposti "Rapiti alla morte", allestita nell'anfiteatro di Pompei, chiudeva al pubblico. Ogni sera gli specialisti dell'impresa Atramentum hanno prelevato i calchi dall'interno dell'anfiteatro e li hanno trasportati su una speciale barella fino alla baracca allestita a ridosso delle mura, alle spalle della biglietteria di piazza Anfiteatro. Sedici in tutto, 14 resti umani, due animali.

L'ultimo a entrare all'interno della Tac da 16 strati, il potente macchinario della Philips Spa Healthcare dal peso di due tonnellate che per alcune settimane stato ospitato all'interno degli scavi, stato il calco in gesso realizzato su uno scheletro di maiale durante lo scavo di Villa Regina a Boscoreale. All'interno, la Tac ha rilevato la presenza di due lunghi ferri uncinati all'estremit, pi altri fili messi in opera al momento della rilevazione del calco. Ma la sorpresa pi grande riguarda il calco del cane rinvenuto nel 1874 nella Casa di Vesonius Primus a Pompei. Il cane conserva il collare con il quale era legato ad una catena, che gli imped la fuga durante l'eruzione. Ma all'interno la Tac non ha trovato tracce di ossa: i due cerchi di metallo che si vedono sono quasi certamente i fori di versamento e di areazione del gesso ottocentesco. Stesso risultato per un altro calco, quella della donna incinta. Niente ossa all'interno, solo gesso ben modellato e l'impronta dei corpi. E niento resti di feto, quindi. Per me crollato un mito confida Stefano Vanacore, il responsabile del laboratorio di restauro della soprintendenza. Forse toglievano le ossa prima di colare gesso liquido nel vuoto lasciato dalla decomposizione dei corpi, una forma di rispetto per la vita - ipotizza il restauratore - i due calchi sono coevi.

Non tutti gli 86 resti delle vittime dell'eruzione sono state sottoposti a tomografia assiale computerizzata multistrato: l'apertura massima del tubo di scansione di 70 centimetri e molti calchi hanno gli arti aperti. Questo potente macchinario - spiega Roberto Canigliula di Philips - pu realizzare scansioni volumetriche total body in soli 100 secondi. Dopo l'acquisizione c' il post processing con circa 2000 slide, cio fette acquisite con la Tac, che vengono elaborate da un potente software e danno la ricostruzione in 3D. Ogni calco ha richiesto almeno 8 ore di elaborazione. Canigliula aveva gi fatto la Tac ad alcune mummie del museo Egizio di Torino, ma le portammo in laboratorio, qui diverso. E poi con le mummie pi semplice, ci sono solo aria, fasce e ossa, non gesso come a Pompei.

Il radiologo Giovanni Babino non nasconde la sua soddisfazione per i risultati straordinari ottenuti. L'unica differenza tra i vivi e i morti - spiega - la mancanza di protocolli per le Tac che abbiamo eseguito. Non ne esistevano al mondo, e ora Pompei diventa un caso di riferimento. Abbiamo realizzato un sogno che sembrava impossibile. Le prime prove restituivano solo mandibole e denti, le parte cio gi visibili, alla fine ci siamo riusciti . In alcuni casi, le restituzioni grafiche hanno consentito di leggere all'interno dei calchi e vedere, ad esempio, fratture, crani schiacciati, assenza di pezzi di colonna vertebrale, oppure che le ossa inglobate nel gesso si sono depositate tutte alla base della forma. E denti sanissimi, niente carie.

Risultati scientifici, informazioni sula vita dei romani, sulle malattie, sugli stili di vita, sull'alimentazione che per l'archeologo Massimo Osanna, da un anno e mezzo alla guida della soprintendenza di Pompei, costituiscono l'obiettivo principale del restauro finanziato con il Grande progetto Pompei. Non c' nessuna spettacolarizzazione della morte - precisa Osanna - ma un approccio da archeologia globale, che vuole ricostruire nel complesso la societ antica, nel nostro caso quella pompeiana. Un lavoro di squadra con archeologi, restauratori, radiologi, odontoiatri, antropologici fisici, ingegneri, informatici . Un lavoro che, per il soprintendente Osanna, dimostra come la Tac ai calchi dei resti dei pompeiani morti nell'eruzione del 79 dopo Cristo innanzitutto un'operazione scientifica. Mai tentata prima al mondo aggiunge. Perch la conoscenza, come la tutela, sono alla base della valorizzazione spiega e del Grande progetto, con il quale abbiamo potuto restaurare tutti i calchi di Pompei e studiarli come mai accaduto prima d'ora.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news