LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - La seconda vita dello "sceriffo". Arnone legale degli abusivi nella città che abbatte
08 settembre 2015 LA REPUBBLICA



C'è la giustizia fai da te, alla Tex Willer, dell'avvocato che ha annunciato di voler ripristinare da solo la legalità — sostituendosi a sindaco e magistrati — in una città dove lo Stato ha spesso fatto finta di non guardare: vedi proprio gli scempi edilizi nella Valle. E c'è la giustizia ufficiale, oggi rappresentata da istituzioni che finalmente stanno ottenendo i primi risultati nell'atavica e a lungo innocua battaglia all'abusivismo.

Arnone, in questo scenario, è figura fuori dal tempo. Forse anche fuori tempo. Perché ci sono indubbiamente dei fatti nuovi, dalle parti dei Templi: un pm che scioglie il nodo delle competenze sulle demolizioni fra Comune, Parco e Sovrintendenza e pone un ultimatum al sindaco; un primo cittadino che, appena eletto, risponde alla sollecitazione e bandisce una gara per fare le demolizioni; una ditta che, a differenza di quanto accadeva in passato, decide di partecipare. Morale: le ruspe si sono riaccese a distanza di quindici anni e già sei degli otto abbattimenti in calendario sono stati eseguiti. Anzi, due di essi non sono neppure stati necessari perché due famiglie hanno deciso di buttare giù da sole le loro costruzioni realizzate abusivamente. Non sono eroi ma vanno menzionati lo stesso, i signori Brucceri e Ciulla: «Il segnale da loro lanciato — dice il sindaco Calogero Firetto — è fortissimo: le istituzioni oggi arrivano a sanzionare l'illegalità, non ci sono vie di scampo. E allora tanto vale provvedere autonomamente a eliminare gli abusi, anche perché è più conveniente. Insomma, siamo a distanza siderale dalle scene di qualche lustro fa».

È proprio di «inversione di tendenza» parla il presidente nazionale di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, censurando proprio colui che è stato per anni il simbolo dell'associazione ad Agrigento, ovvero Arnone: «I tentativi di bloccare le ruspe non fanno bene al Paese».

E qui bisogna affrontare l'ultimo tratto della parabola di quest'uomo-contro, sempre alla ricerca di una ribalta, da occupare con poster ad altezza d'uomo, da raggiungere a bordo di camper impavesati, da conquistare con il megafono in mano. O, appunto, come nell'ultima trasformazione (che porta con sè pure il travestimento), da riempire con un cappello da cow-boy e una stella al petto. «Sceriffo», così si è autoproclamato Arnone, andando dapprima a sequestrare personalmente — con catena e lucchetto — un parcheggio abusivo. Pubblicando poi su You Tube «una lezione di tecnica investigativa alla Procura ». E finendo per difendere — anche fisicamente — gli abusivi di contrada Maddalusa. Proprio lui, che con coraggio negli anni ‘80 e ‘90 sollevò il tema dell'abusivismo, ora fa da scudo umano contro le ruspe. Asserendo che non ci sia alcun criterio nell'ordine delle demolizioni, che addirittura si sarebbe proceduto a sordeggio nella scelta delle costruzioni da abbattere, che siamo davanti a un "pupiamento" di sindaco e Procura. Scrivendo l'ultimo paradosso agrigentino: legalità è fermare i bulldozer, illegalità cancellare l'abuso. Quando, invece, l'ordine seguito — fa sapere la stessa Procura — è quello della data delle sentenze definitive: dalla più antica alla più recente. Quando proprio Legambiente, l'associazione di Arnone, dice con Cogliati Dezza che «si può e si deve demolire», a prescindere dai sofismi: «È la migliore cura preventiva contro il vecchio e nuovo abusivismo».

Il sospetto, alla fine, è che Arnone sia rimasto vittima del suo personaggio, delle sue stesse battaglie contro la mafia ma anche contro i magistrati (li ha contestati tutti, i vertici della Procura che si sono succeduti negli ultimi anni), contro i sindaci che si sono seduti in quella che per una notte è stata la sua poltrona.

Quella notte del ‘93 in cui i sondaggi lo fecere andare a letto vincitore e si risvegliò invece sconfitto. Da allora, Arnone si è candidato altre due volte per Palazzo dei Giganti: prendendo meno del 10 per cento nel 2012, appena il 3,2 per cento (900 voti) nel giugno scorso. Ma Peppe Arnone, l'ultomo visionario, non è tipo da arrendersi. Lui il sindaco lo fa lo stesso, a dispetto delle urne. Con un cappello da sceriffo e una stella al petto.






news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news