LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALERNO - Condono, Legambiente boccia De Luca
di Carlo Pecoraro
05 settembre 2015 La città di Salerno .

SALERNO «Non esiste l'abusivismo che non danneggia. Il presidente De Luca passi dalle parole ai fatti: si abbattano subito gli immobili nelle aree vincolate. Le sue parole altrimenti rischiano di trasformarsi in un implicito assenso ai chi vuole continuare a devastare questa regione». È durissima la nota di Legambiente contro le dichiarazioni che il governatore della Campania ha rilasciato ieri mattina a Radio 24 in merito alla sanatoria che la Regione starebbe studiando per condonare il patrimonio di abusi edilizi della Campania. Per la verità, lo stesso De Luca ha chiarito che non ci sarà alcuna sanatoria per quei fabbricati «costruiti in aree a rischio per la pubblica incolumità» ne tantomeno per quelli «in aree con vincolo paesaggistico» soffermandosi solo sulle due costiere «Amalfitana e Sorrentina» e dimenticando che il rispetto del paesaggio è sancito anche nel Cilento e nelle città; e infine, «nessuna sanatoria per gli edifici che nascondono interessi criminali». Il problema, ha spiegato De Luca riguarda ottantamila alloggi («cresciuti negli ultimi vent'anni») e dunque bisogna «smetterla di fare i finti ambientalisti e non considerare che questi appartamenti producono un danno ambientale perché sversano liquame direttamente nei terreni con il rischio di inquinare le falde acquifere» oltre che «se solo dovessimo immaginare una discarica dove portare il materiale di risulta, già avremmo un problema irrisolvibile». E poi «chi è che materialmente si mette a demolire tutto» intendendo: chi si accollerà i costi. Ecco perché, a parte le "prescrizioni" descritte «se non si crea disagio al paesaggio sarà possibile l'inclusione attraverso piani di recupero da approvare in maniera ragionevole». In questo modo «facciamo ordine sul piano urbanistico, facciamo pagare la Bucalossi dando ossigeno ai Comuni e facciamo gli allacciamenti alle fogne per evitare altri disastri ambientali». Ma per il vice presidente di Legambiente, Anna Savarese,le linee tracciate dal presidente della Regione fanno piacere ma non bastano e, anche senza dirlo esplicitamente, parla di spot perché «vogliamo ricordare al governatore che già il primo condono dava la possibilità del recupero urbanistico degli insediamenti abusivi, entro un quadro di convenienza economica e sociale e tenendo conto della realizzazione di una adeguata urbanizzazione primaria e secondaria». Non solo è «quindi necessario rispettare gli interessi di carattere storico, artistico, archeologico, paesistico, ambientale, idrogeologico ma anche realizzare un razionale inserimento territoriale ed urbano dell'insediamento. Se tutto questo - spiega la Savarese - coinvolgendo i comuni interessati, è possibile da realizzare saremo i pronti a schierarci a favore di quest'azione, ma se il rischio sanatoria tout cour perdura, dando di fatto un implicito assenso agli abusivi di proseguire nella devastazione del territorio, la nostra battaglia sarà ferma e decisa». E ai modesti dati forniti dal governatore ai microfoni della trasmissione condotta da Milan, Legambiente sfodera i suoi. «In Campania - continua la nota del vice presidente Savarese - come dimostrano i dati dell'ultimo rapporto Ecomafia di Legambiente, l'intreccio tra camorra e politica è infatti ancora un impasto di cemento. La Campania si conferma a livello nazionale la regione più sfregiata dal mattone selvaggio con 835 infrazioni, il 14,5% sul totale, con 1020 persone denunciate, tre arresti e 260 sequestri. Licenze edilizie fantasma, ordinanze di demolizione nascoste nei cassetti, piani regolatori e appalti truccati, abusivismo: un assegno in bianco da mettere nella cassaforte dei clan e una manna per i colletti bianchi del mattone». Peccato però, che Legambiente, proprio sulla cementificazione salernitana e sulla battaglia ingaggiata da settori amientalisti della città (Italia Nostra, ndr) sull'edificazione del Crescent, non abbia mai fatto sentire forte la sua voce.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news