LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La storia del Patrimonio in vendita
Giacomo Vaciago
Il Giornale dell'Arte 22/10/2002


Giacomo Vaciago, ordinario di Politica Economica alla Cattolica di Milano, raccomanda sense of humour a chi vuole ripercorrere con lui 10 anni di progetti di vendita, prima di Carli, poi di Ciampi-Visco e ora di Tremonti

Roma. Negli ultimi dieci anni, la legislazione relativa agli immobili pubblici stata continuamente, in pratica da ogni Governo, modificata. Lattuale Governo si adeguato a questa tendenza, con la Legge 410 del 23 novembre 2001 e la successiva istituzione di Patrimonio dello Stato spa. E come tante volte in passato, ha gi posto le premesse per nuove modifiche in futuro, avendo trascurato che nel frattempo era entrata in vigore una nuova Costituzione (Legge costituzionale 3 del 18 ottobre 2001) che allart. 117 riserva allo Stato le competenze della tutela dei beni culturali, mentre attribuisce alla legislazione concorrente Stato-Regioni il compito della loro valorizzazione. Sembra dunque riproporsi per lennesima volta il problema che osserviamo da dieci anni: la legislazione non sta ferma, mentre gli immobili pubblici restano per lappunto immobili!
Proviamo allora a chiarire, ancora una volta, i termini della questione, ribadendo e articolando meglio un giudizio che ho gi espresso tante volte: lItalia il Paese al mondo che ha il maggior patrimonio storico-artistico; che ne ha la maggior quota in propriet pubblica; e che ci nonostante (o forse, proprio per questo?) ne ha tanto in abbandono e degrado.
Il paradosso che nei giorni pari c sempre qualcuno che lamenta il degrado in cui il settore pubblico tiene questo grande patrimonio, che interessa tutta lumanit. E poi nei giorni dispari c sempre anche qualcuno (a volte lo stesso) che protesta contro i tentativi di porvi rimedio, ad esempio coinvolgendo di pi i privati cittadini per ci che riguarda valorizzazione e gestione di quei beni. Un giorno si parla male del Governo, il giorno dopo si parla male dei cittadini. Come si esce da questo circolo vizioso?
Il punto su cui si concentrano le polemiche anzitutto quello della propriet: chi dovrebbe essere il proprietario del nostro patrimonio storico artistico? In un paese di azzeccagarbugli come lItalia, la questione di sostanza, cio politica, o ancor prima la si vuole solo formale, cio di norma giuridica?
La supposta necessit di una propriet pubblica degli immobili di valore storico-artistico stata spesso dedotta dalla nostra Costituzione, che allart. 9 stabilisce che la Repubblica tutela il patrimonio storico e artistico della Nazione. In quale Paese, tutela significa propriet pubblica? Ovviamente, ci non succede da nessuna parte, perch chiaro, anche in italiano, che tutela di pi, e di meno, di pubblica propriet. Non a caso, la nostra legge fondamentale, la legge 1089 del 1939, che sempre stata giudicata una buona legge, nonostante lanno in cui fu emanata, agli articoli 23 e 24 contemplava sia la propriet pubblica del patrimonio storico artistico sia la possibile sua alienazione. Ma proprio perch quella era una legge dove era essenziale la finalit della tutela, lalienazione era condizionata al rispetto di due circostanze: del bene eventualmente venduto era da garantire comunque sia la conservazione sia il pubblico godimento. A conferma che questi erano anche gli scopi della tutela stessa, indipendentemente da chi avesse la propriet di quei beni.
accidente della storia che nel successivo Codice Civile (del 1942) queste disposizioni non fossero riprese (negli articoli 822-4, dove si regolamenta il demanio pubblico), e che pertanto la successiva prevalente interpretazione sia stata che nel 1942 si era realizzata limplicita abrogazione dei criteri della legge Bottai relativi alla di-smissione del patrimonio storico e artistico. Il paradosso che mentre il patrimonio pubblico di valore veniva considerato come inalienabile, ci si dimenticava che scopo principale di tutto ci erano la conservazione e il pubblico godimento. In altre parole, la propriet pubblica da strumento diventata obiettivo, se ne trascurava la finalit.
Non si spiegherebbe altrimenti la lunga storia di degrado, contenzioso, morosit e abusivismo che caratterizza tanto patrimonio pubblico. E non si spiegano altrimenti le incredibili difficolt che hanno incontrato tutti i Governi degli ultimi dieci anni nel tentativo, finora mancato, di mettere ordine negli immobili pubblici e garantirne la tutela-valorizzazione-gestione con la finalit del pubblico godimento.
Da Immobiliare Italia a Patrimonio dello Stato spa
bene che chi si occupa di questo problema e chi rilegge tutto ci che negli ultimi dieci anni Parlamento, Governo, Corte dei Conti e Consiglio di Stato hanno scritto in proposito, sia dotato di sense of humour. Come altrimenti reagire quando si legge nelle Relazioni della Corte dei Conti che lamministrazione spesso ignora tanto il valore di ci che amministra quanto lesatta individuazione dei beni? Perch questo stato il primo problema che si incontrato, in dieci anni di tentativi di valorizzare e/o alienare immobili pubblici non utilizzati per usi governativi, e presumibilmente in degrado. Il problema preliminare stato quello dellesauriente individuazione dei beni stessi. E se questo gi non bastasse, un secondo aspetto risultato di fondamentale importanza: invece di cooperare alla realizzazione di quanto di volta in volta previsto dalla legge che si cercava di attuare, le molte amministrazioni coinvolte hanno messo in atto comportamenti tipicamente dilatori, quasi sempre chiedendo chiarimenti o proponendo la necessit di interpretazioni e pareri. A sua volta, ci ha anche determinato la continua modifica della legislazione stessa nel tentativo di superare ostacoli o di semplificare procedure operative troppo complesse.
Il risultato che finora di tutti quei tentativi s visto ben poco. E ogni anno, ci accontentiamo di leggere le relazioni della Corte dei Conti che riportano i risultati di stime campionarie (dellintero complesso del patrimonio pubblico nulla sappiamo). Queste ci dicono, ad esempio, che nel Lazio su 126 campioni esaminati stato accertato un 30% di casi di abusivismo vero e proprio. Nel caso della Campania, su un totale di 3.154 beni appartenenti al Demanio e al Patrimonio dello Stato, un 24% sono risultati occupati sine titulo (dirlo in latino, evidentemente suona meno grave). Ci che ancora pi preoccupante che risulta spesso trattarsi di abusivismo di lunga durata: nel Lazio ve ne sono casi precedenti al 1960, in Molise casi precedenti al 1935!
Sembra allora perfettamente comprensibile perch ogni tentativo di mettere ordine e bonificare questo settore abbia incontrato tante resistenze; ed anche che linconsapevole appoggio venuto dal mondo della cultura possa essere stato strumentalizzato per prorogare lo status quo e i tanti suoi difetti. Abusivismo e carenze di manutenzione hanno determinato una perdita per la collettivit ben maggiore di quella che avrebbe mai potuto essere unordinata dismissione di una parte di questi beni, anche di quelli del Demanio storico e artistico, possibilmente riportati al pubblico godimento.
Ma ricordiamo brevemente i precedenti tentativi e consideriamo le cause del loro fiasco. Il primo a provarci nellautunno del 1991 , memore delle procedure, e del successo, di Quintino Sella.
La strada proposta quella del trasferimento di immobili del Patrimonio disponibile (nota bene: erano quindi esclusi gli immobili del Demanio, di valore storico e artistico) dello Stato ad una societ di apposita costituzione: Immobiliare Italia. Questa societ avrebbe poi dovuto provvedere a quanto necessario per gestione-valorizzazione-alienazione degli immobili stessi. Passano cinque anni di tentativi infruttuosi e poi la pratica viene archiviata.
Ci riprova nel 1996 il Governo Prodi con Vincenzo Visco al Ministero delle Finanze e Carlo Azeglio Ciampi a quello del Tesoro: in questo caso, il progetto principale un modello di cartolarizzazione degli immobili pubblici, cio del loro conferimento a costituendi fondi immobiliari. Anche questo tentativo non ha avuto molta fortuna: i fondi immobiliare pubblici non sono stati neppure costituiti, e gli elenchi degli immobili pubblici da conferire non sono mai stati completati. Anche in questo caso, i tempi previsti dalla legge sono risultati troppo brevi rispetto ai tempi (si fa per dire) della nostra burocrazia; e la cooperazione tra le diverse amministrazioni troppo scarsa per riuscire a realizzare procedure oggettivamente complesse.
Il terzo (per ora) tentativo in corso; e le persone di buona volont dovrebbero sperare che abbia pi successo dei precedenti. Anche perch la situazione continua a deteriorarsi. Dieci anni di tentativi non hanno prodotto risultati positivi, ma hanno certamente avuto una serie di conseguenze negative. Mi limito ad elencare le tre principali.
1. La repressione dellabusivismo non stata affatto potenziata, essendo previste le soluzioni radicali di volta in volta promesse dalla legislazione sulle dismissioni.
2. Anche la manutenzione ordinaria e straordinaria non ha ricevuto limpulso necessario.
3. Daltra parte, sono stati incentivati i comportamenti egoistici delle singole amministrazioni aventi in uso immobili pubblici, nellipotesi, gi verificatasi per il Ministero delle Difesa, che quelle dismissioni potessero servire a finanziare il Ministero stesso (i proventi di Immobiliare Italia erano invece destinati alla riduzione del debito pubblico).
Nel processo ora avviato di cartolarizzazione con valorizzazione e dismissione (iniziato con la Legge 410/2001 e poi con listituzione di Patrimonio dello Stato spa, con il Dl approvato, l11 aprile scorso, dal Consiglio dei Ministri, oggi Legge 112/2002) esplicitamente indicato che gli immobili sono sia quelli del Patrimonio sia quelli del Demanio, e quindi anche gli immobili tutelati perch di valore storico e artistico. Daltra parte, lalienabilit anche di questultimi immobili, con le opportune garanzie e con stringenti requisiti, era stata ripristinata negli anni precedenti. Dopo alcune incertezze, e con qualche giro tortuoso, gi la Finanziaria per il 1999 (Legge 448/98) aveva previsto in merito un apposito Regolamento (da emanare entro il gennaio 2000). questo un Regolamento ( il DPR 283/2000 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 13 ottobre 2000) che non ha suscitato allora la dovuta attenzione. Ed quindi un po paradossale che le polemiche che questanno si sono accompagnate allavvio di Patrimonio dello Stato spa non abbiamo tenuto conto del fatto che molto di quel dibattito era gi stato svolto, e che ripeterlo per lennesima volta avrebbe solo garantito tranquillit agli abusivi utenti di tanti immobili pubblici, ed un altro po di loro degrado.
Conclusioni
In un paese civile, lo Stato e i cittadini fanno a gara per conservare nelle condizioni migliori il patrimonio storico e artistico della Nazione. Una parte sar di propriet pubblica, in funzione del ruolo storicamente svolto da questi edifici e dellimportanza che ne ha il godimento pubblico, cos pienamente assicurato. Una parte sar di propriet privata, fin tanto che si trovano (e il mio auspicio che vi siano sempre numerose testimonianze di questo amore civico) privati cittadini disposti a impegnarsi in analoghe funzioni di pubblica utilit. quanto vediamo in numerosi paesi civili, dove ricco limpegno di cittadini privati, di fondazioni, ma anche di imprese, nella conservazione e valorizzazione di importanti edifici che rappresentano parte del patrimonio della Nazione.
C qualche speranza con riferimento allItalia, che anche il nostro Paese possa avvicinarsi al modello di paese civile che vediamo altrove? Lesperienza degli ultimi dieci anni stata desolante: pubbliche amministrazioni che (devo immaginare per piccoli interessi di bottega) non si vergognano di avanzare pretesti puerili per non fare quanto la legge loro richiede; che costruiscono grovigli di pareri contrastanti, perplessit, richieste di pareri sulle perplessit e perplessit sui pareri
Chi avesse il tempo e la voglia di studiarsi tutte queste carte non potrebbe non condividere i miei tanti dubbi sulla buona fede di quelle persone. Ma allo stesso risultato dovrebbe giungere anche chiunque, visitando le nostre citt e osservando lo stato di degrado in cui si trovano tanti immobili pubblici, soprattutto quelli meritevoli di tutela perch di valore storico e artistico, si domandasse come ci sia stato possibile senza che nessuno mai ne fosse stato considerato responsabile.
C un aspetto fra tutti che merita sottolineare: quando si iniziato a fare elenchi di immobili pubblici da conferire ai costituendi fondi immobiliari (ero il Presidente dellapposita Commissione che lavorava al Ministero delle Finanze), si posto il problema di eventuali loro vincoli come immobili di valore storico e artistico. E si cos scoperto qual era la logica con cui aveva per tanti anni lavorato il Ministero dei Beni Culturali: il vincolo, e quindi limpegno alla conservazione e al pubblico godimento, non veniva affatto previsto per gli immobili di pubblica propriet al cui degrado e utilizzo abusivo non era quindi posto alcun limite! Ma i cittadini le sanno queste cose?

http://www.giornaledellarte.com


news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news