LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ANFITEATRO LECCE: spazzatura, Soprintendenza e Sindaco
Oscar D'Angelo
Nuovo Quotidiano Lecce 12-GIU-2005

Il sindaco infuriato per i rifiuti che rovinano l’ immagine della città: non possiamo intervenire
«Costretti a subire lo sconcio» - Sindaco Poli: la pulizia dell'anfiteatro spetta alla Sovrintendenza

Che i rifiuti nell'anfiteatro romano siano uno sconcio non vi è dubbio, ma il Comune ha le mani legate: parola di sindaco. Adriana Poli Bortone attacca la Sovrintendenza, proprietaria del monumento e quindi tenuta a garantirne la custodia, la pulizia e la fruibilità.
«Abbiamo le mani legate, dice il sindaco, malgrado quello sconcio sia una macchia pesante sul biglietto da visita della città. Più volte abbiamo sollecitato una soluzione, offrendo collaborazione, ma invano».
Il sindaco, però, tornerà alla carica: una soluzione va trovata, quello sconcio deve essere rimosso in fretta.

Le stranezze: ma che serve il custode? «Ingresso vietato ai netturbìni»

Solo pochi giorni: fa l'anfiteatro ha ospitato ì tifosi che hanno festeggiato la permanenza in serie A del Lecce. Nessuno li ha fermati, perché ora dovrebbero fermare i netturbini?
Vita magra di un monumento-simbolo. L'anfiteatro-discarica è quanto di "meglio" la burocrazia (quella con la "b" alta quanto una casa) riesca a offrire in città. Se all'interno i rifiuti si ammucchino - grazie soprattutto, va detto, agli incivili che usano la cavea come un'enorme pattumiera - non si riesce a inviare qualcuno che pulisca. IS Comune spiega che il compito deve essere della Soprintendenza, responsabile del sito archeologico, ma la stessa Soprintendenza non prevede alcun intervento di rimozione della spazzatura. C'è solo un custode, che svolge il suo lavoro in alcune ore della giornata e che da solo non può far nulla.

E allora, con l'amministrazione comunale che non può muoversi e la Soprintendenza che non ne vuol sapere, nessuno interviene.
Formalmente se un dipendente della società che ha in appalto la nettezza urbana a Lecce dovesse scavalcare 'il cancelletto per raggiungere l'interno dell'anfiteatro commetterebbe un reato. Potrebbe giungere un poliziotto o un carabiniere, o un vigile urbano, a bloccarlo. Potrebbe. Però è ben difficile che accada, visto che in ogni momento della giornata e della notte in tanti scavalcano indisturbati quel cancelletto che è di fronte ai portici del palazzo Ina.
Indisturbato lo scavalcò, un paio di anni fa, Gianni Ippoliti con il suo gruppo di volontari che m un pomeriggio raccolsero ogni genere di rifiuti ripulendo il monumento.
Nessuno intervenne per fermare chi stava pulendo. Vuol dire, questo, che la stessa tolleranza verrebbe applicata se a pulire fossero i dipendenti della società della nettezza urbana?
E poi, è stato fatto notare, l'esigenza di tenere pulita quella parte della città e quindi la necessità di garantire il decoro non sarebbero sufficienti a giustificare un "blitz" dei netturbini. Già, ma in tal caso chi pagherebbe visto che nel capitolato d'appalto non è compresa la pulizia dell’anfiteatro? Solo domande, per ora, ma qualcuno una risposta dovrà pur darla.
La settimana scorsa, mutato, è stato ripulito il teatro romano, su iniziativa della Fondazione Memmo (che gestisce il museo attiguo, nella piazzetta dove c'è il monumento a Fanfulla) e della Ecotecnica, quest'ultima la società che gestisce a Lecce (con l'Aspica) il servizio di nettezza urbana. Un destino diverso rispetto a quello dell'anfiteatro, grazie anche a Itersalento che, in collaborazione con la Fondazione Memmo, organizza spesso visite guidate e iniziative per i turisti.

Nuovo Quotidiano Lecce 13-GIU-2005
Il sovrintendente chiede di incontrare la Poli e fa una proposta: «Coinvolgiamo anche i privati nella gestione del monumento»
L'anfiteatro cerca un padrone
di ANNA RITA INVIDIA
Messo "sotto accusa" dal sindaco Adriana Poli Bortone («Se l'anfiteatro romano è sporco non è colpa nostra, la pulizia non spetta a noi»), il sovrintendente ai Beni archeologici Giuseppe Andreassi mette le mani avanti. «Non fatemi fare la parte del cattivo - dice -, io voglio risolvere questo problema almeno quanto lo vuole il sindaco. Anzi, ne approfitto per lanciare una proposta che, a mio parere, rappresenta anche l'unica soluzione reale: istituire un tavolo tra Sovrintendenza, amministrazione comunale e agenzia del demanio, che è la proprietaria del bene».

Già l'anno scorso il problema della pulizia dell'anfiteatro fu sollevato e ci furono anche i primi contatti tra la Poli e
Andreassi. «Fu tu uno scambio di lettere - continua il sovrintendente - ma poi, presi da tanti problemi, non se ne fece niente. L'anno scorso riuscimmo a tamponare con qualche intervento di pulizia strardinaria, faremo la stessa cosa anche adesso: è già nelle previsioni».
Ma non è una pulizia straordinaria - neanche una volta al mese - che può risolvere il problema dell'anfiteatro di piazza Sant'Oronzo. «Il fatto è proprio questo - conferma Andreassi -, se domani noi ripuliamo l'anfiteatro, tra quindici giorni sarà nuovamente sporco. Anche perché come i leccesi sapranno meglio di me, visto che l'anfiteatro ce l'hanno sotto gli occhi, questo monumento si è trasformato in un centro di aggregazione giovanile. Nell'anfiteatro viene gettato di tutto, dalle lattine alle bottiglie e alle cartacce. A Tarante, per un'importante zona archeologica, siamo riusciti a trovare una soluzione sottoscrivendo una convenzione con il Comune che provvede, alla presenza di un nostro addetto, a pulire due volte a settimana».
Il problema è complesso, non riguarda solo la pulizia e il decoro dell'anfiteatro: ormai è arrivato il momento di parlare del futuro di questo monumento (che non è aperto al pubblico da almeno quindici anni) e della sua gestione complessiva che non può non comprendere la fruizione del bene. La Sovrintendenza avvisa: da " sola non può caricarsi dell'onere di portare avanti la gestione dell'anfiteatro. Serve la collaborazione di Palazzo Carafa e - perché no ? - anche dei privati.
«L'anfiteatro - spiega Andreassi - è un bene di difficile gestione. Come sono tutti i monumenti all'aperto, che richiedono una pulizia quotidiana o quasi e una vigilanza continua. Se non ricordo male proprio a Lecce, la scorsa estate, qualcuno sollevò il problema delle chiese che erano aperte solo per poche ore. Non mi sembra che sia stata trovata una soluzione perché l'unica possibile e quella di pagare qualcuno che sia presente durante tutto l'orario di apertura. E' una soluzione costosa. Lo stesso discorso vale per l'anfiteatro: il problema è di presidio umano».
C'era un tempo, prima del '90, ossia prima che iniziassero i lavori nell'anfiteatro romano, in cui la Sovrintendenza ai beni archeologici provvedeva sia alla pulizia che a tenere aperto il monumento.
«Un monumento così antico e all'aperto - aggiunge ancora Andreassi - non può essere fruibile senza controllo, né si può pensare di blindarlo. Forse oggi non lo si riporterebbe nemmeno alla luce. Prima eravamo noi a occuparci di tutto, poi con l'inizio dei lavori, nel '90, l'anfiteatro è stato consegnato alla ditta che a un certo punto è anche fallita. Insomma, in questo lungo periodo di transizione, la situazione si è ingarbugliata ed è diventata ambigua. Oggi la Sovrintendenza non può assumersi l'onere di gestire da sola l'anfiteatro: una volta avevamo il personale per farlo, oggi non ce l'abbiamo».
Da qui la proposta di Andreassi. «Rinnovo il mio invito al sindaco Poli Bortone a istituire un tavolo, a cui dovrà sedere anche l'agenzia del demanio, per trovare insieme una soluzione che non dovrà limitarsi alla pulizia ma riguardare l'intera gestione del bene. Si può decidere di concedere al Comune la gestione diretta dell'anfiteatro o si jpgtrebbei(. pensare di coinvolgere' ì* privati, ai quali però bisogna prospettare una possibilità di guadagno. Le ipotesi di soluzioni non mancano, io non ho la presunzione di poter dare una risposta in 24 ore e nemmeno in 24 giorni, tanto è complessa la situazione. Ma se inibiamo a lavorare adesso, forse a ottobre la convenzione sarà firmata». E magari la prossima estate non staremo qui a scandalizzarci di nuovo perché nessuno pulisce l'anfiteatro».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news