LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Leone all'artista nascosta al ministro
Davide Scalzotto
Il Gazzettino 11/6/2005

Venezia. La Biennale dei record, la scatola e il giardino dei sogni (come l'ha definita Maria de Corral, una delle due curatrici), ha aperto i battenti con il solito mix di bei discorsi, di ufficialit, di polemiche, di mondanit e di varia umanit. Oggi ancora un giorno di vernice, da domani al 6 novembre giudicher il pubblico. Per ora si pu dire che la Biennale dei grandi numeri: dei 73 Paesi con 30 mostre nei padiglioni dei Giardini e 40 in citt, proiettata a superare le 300mila presenze del 2003 (come ha auspicato il presidente Davide Croff), capace di attirare turisti e vip (come la festa con Elton John, ieri sera a casa di Pierre Cardin) e di dare alla citt visibilit mondiale e ricchezza, se vero che gli hotel sono tutti pieni e che gli appartamenti per turisti si vendono anche a 500 euro a notte.

Questa Biennale , che mescola contenitore e contenuto, che vuole fotografare lo stato dell'arte contemporanea, stata promossa a met dal nuovo ministro della cultura, Rocco Buttiglione. Gi gioved il ministro, dopo una visita alle Corderie, aveva espresso un primo giudizio, davanti a tante provocazioni. Certe cose non provocano - aveva detto - sono solo brutte. Peccato che poi uno dei leoni sia stato assegnato proprio a un'artista che lancia messaggi intensi e provocatori.

Ieri, giornata di inaugurazione, Buttiglione ha ampliato il suo pensiero. Dapprima alla cerimonia ufficiale, davanti al presidente Croff, al presidente della Regione Giancarlo Galan, a quello della Provincia Davide Zoggia e all'assessore comunale Sandro Parenzo, intervenuto a sostituire il sindaco Massimo Cacciari. Citando Herbert Marcuse, ha esordito dicendo che la critica indiscriminata del tutto il miglior sostegno del potere. Poi, visitando i vari padiglioni, ha avuto modo di mostrare il suo... sostegno, anche critico, al presidente Croff. A partire dal rinnovo di un auspicio, quello di una casa dell'arte italiana, in modo da ampliare lo spazio che quest'anno ai Giardini stato ridotto ai quattro artisti della Darc al Padiglione Venezia. Non solo: Buttiglione si augurato che vengano scelti curatori che conoscano e che sappiano valorizzare gli artisti italiani. Come dire: Maria de Corral e Rosa Martinez hanno fatto un gran lavoro, ma in futuro l'Italia deve contare di pi. E Croff, che ha scelto le due curatrici (prime donne in 110 anni di storia della Biennale ) e che ha gi assegnato la direzione per il 2007 a Robert Storr, si accodato al ministro, spiegando che certi problemi lui li ha ereditati e che ha cercato di risolverli d'intesa con il ministero, istituendo nel 2007 un Padiglione italiano affidato a Ida Giannelli. Tutto questo detto e ripetuto nella conferenza stampa alle Tese delle Vergini, davanti alle due curatrici spagnole.Nel pomeriggio, una tempestiva precisazione della stessa Biennale , per rimarcare come Maria de Corral in realt conosca benissimo l'arte italiana, avendo organizzato numerose esposizioni con artisti italiani ed essendo lei stessa collezionista di opere. Poi entrambi, Croff e Buttiglione, hanno avuto modo di fugare i dubbi, chiarendo il loro pensiero: Scegliere curatori e indicare tra i criteri quello della conoscenza e del rispetto dell'arte contemporanea italiana non vuol certo dire imporre certe scelte, ha detto il ministro. Nessun protezionismo di stampo patriottico, ha ribadito il presidente della Biennale , ma solo difesa della libert e del dialogo che hanno ispirato le origini di questa fondazione, assieme alla polifonia dei segni e delle opinioni.

Una polifonia nella quale il ministro ha per trovato qualche voce stonata, pur apprezzando il contesto nel quale questa Biennale stata allestita, con una fastosit e un fermento senza precedenti. Questa una grande Biennale , capace di riassumere in s il travaglio del nostro tempo e di offrire una fotografia dello stato dell'arte. Ma in questa fotografia ci sono alcune idee vecchie, che appartengono ai tempi della mia giovinezza, quando l'arte era provocazione e negativit, negazione dell'esistente in nome di un futuro indeterminato. Un'idea, quella manifestata da Buttiglione, maturata nella visita alle Corderie di gioved e nel giro tra i padiglioni dei Giardini ieri, durante il quale il ministro non stato condotto a vedere alcune delle opere pi provocatorie, come il lampadario fatto di assorbenti o il video di un'operazione all'imene. E non sono mica sicuro che mi abbiano fatto vedere tutto, ha infatti scherzato. Poi per, guarda caso, la giuria ha scelto di premiare con il Leone d'oro un'artista della provocazione, la guatemalteca Regina Jos Galindo, autrice proprio del video choc che non stato fatto vedere al ministro. Ma anche questi contrasti fanno parte della Biennale . Buttiglione, tuttavia, ha detto ben chiaro di preferire l'altro messaggio dell'esposizione, quello positivo.La riscoperta della forma umana una piacevole novit, ha detto citando le mostre di Freud al Correr, la sala di Bacon o la mostra fotografica di Pieter Blum. Penso che questo - ha aggiunto - contenga pi futuro, la riscoperta dell'interiorit umana, di quel "misterium hominis" che un salto in avanti. Un'attenzione alla forma, alla bellezza e alla vita umana che, in questo particolare momento, riguarda anche altri settori della vita sociale, come il dibattito attorno al referendum sulla procreazione assistita, che Buttiglione ha sfiorato solo con una battuta, quando al Padiglione Venezia gli stata messa in mano una cartolina per votare i quattro giovani artisti italiani. notorio che io non voto - ha detto - e in questo caso il modo migliore per non mettermi nei guai.

Infine, dopo l'incontro con il ministro della cultura svedese e con quello francese, un momento di particolare calore nel padiglione di Israele. importante la vostra presenza qui - ha detto il ministro al curatore Sergio Edelsztein - Vi esprimo la mia solidariet per gli attacchi che vengono portati non solo in Israele, ma anche agli ebrei che vivono in Italia per il rapporto che loro hanno con la loro seconda patria.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news