LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Allarme paesaggio - INTERVISTA
Leonardo Servadio
Avvenire 11/6/2005

Il paesaggio, questo sconosciuto.

Ci viviamo immersi, ne siamo circondati, lo modifichiamo imprimendo in esso tracce del nostro passaggio nello scorrere della storia - dai templi megalitici alle ciminiere, dai ponti romani ai terrazzamenti agricoli - ma solo ora sembra si stia formando una sensibilit specifica verso il paesaggio: per via delle minacce da cui lo vediamo oppresso. Oggi il quadro di riferimento per la gestione e la valorizzazione del paesaggio la "Convenzione europea del paesaggio".

L'Italia ha partecipato al processo di formulazione della "Convenzione" che si concluso a Firenze nel 2000. Attorno al tema si costituito un movimento europeo che porter a un grande convegno di Lille, in Francia, nel tardo autunno. In preparazione di questo evento, oggi si svolge a Roma, in Campidoglio, un incontro nazionale: "Paesaggio a Rischio".

stato organizzato dall'Associazione italiana di architettura del paesaggio (Aiapp). La Convenzione europea un documento breve ma dalle implicazioni importantissime - spiega Carlo Bruschi, il presidente dell'Aiapp e organizzatore del convegno in Campidoglio - ricco di implicazioni.

Ma come definire il paesaggio?
Qui sta il punto. Sinora si teso a guardare al paesaggio in prevalenza sotto il profilo estetico. Anche il Codice dei Beni Culturali recentemente approvato in Italia, importante e di grande rilevanza, sebbene avviato nella giusta direzione, ancora stenta a riconoscere al paesaggio tutta la complessit storico/ ambientale/ ecologica/ naturalistica/ sociologica/ economica/ ecc. che ovunque ormai gli viene attribuita. La Convenzione europea, alla cui compilazione ha dato un contributo fondamentale Riccardo Priore, dirigente del Consiglio d'Europa e relatore di apertura al Convegno di oggi, invece ne raccoglie tutte le implicazioni e i variegati aspetti. A partire dal fatto che le popolazioni che vi abitano ne sono parte attiva e integrante. Il paesaggio quindi visto non solo come bene d a tutelare, ma come luogo di vita, con tutte le sue caratteristiche. Si prendano le Cinque Terre: i terrazzamenti oggi tanto ammirati sotto il profilo estetico e storico, derivano dall'uso del territorio per l'industria agricola. Stando cos le cose, la tutela del paesaggio non mira a tarpare o bloccare l'attivit umana, bens a incanalarla in un equilibrio dinamico e rispettoso.

Per esempio...

La tratta ferroviaria ad alta velocit Torino-Lione: sta sollevando obiezioni forti dalla popolazione della Valle di Susa, la quale diffida, malgrado i vari tentativi di coinvolgerla nel progetto di questa nuova infrastruttura. Questa, per quanto in gran parte posta entro gallerie, comporta anche viadotti, prese d'aria, uscite di sicurezza, raccordi ampi a causa dell'alta velocit che terranno i convogli. E la storia delle infrastrutture in Italia pare dare loro ragione. La Convenzione richiederebbe invece una partecipazione consapevole, alla luce di una trasparente e esaustiva valutazione del rapporto costi/ benefici relativo all'opera. Come dicevo, la Convenzione non considera il paesaggio come qualcosa di intoccabile, ma lo assume nella sua complessit stratificata. E parte dal presupposto che tutto paesaggio: non solo un prato o un monte, ma anche la citt, la fabbrica, la strada, la discarica... Il punto come agire, secondo le tre direttrici fondamentali: la tutela di quanto ci viene dal passato, la gestione che mira a governare al meglio il presente e la pianificazione, per preparare il futuro.

Appunto: come agire?

Occorre sollecitare una sensibilit diffusa sul paesaggio, riuscire a comprenderne le caratteristiche profonde, rispettarlo. Non semplice, per questo importante la figura dello specialista, il paesaggista, che una figura professionale particolare, individuata dal dpr 328/01, diversa dall'architetto progettista, o dall'agronomo, o dal geologo, dal conservatore o dal pianificatore; ma che tuttavia deve saper la vorare assieme a tutte queste altre figure professionali.

L'Italia ha ratificato la Convenzione europea?

Non ancora: la Convenzione europea stata ratificata da 17 paesi e altri 13, tra cui l'Italia (ma pare che la ratifica avverr a breve), non l'hanno ancora fatto. Questo potrebbe esser dovuto al fatto che qui la ratifica comporta oneri particolarmente pesanti, soprattutto in relazione agli impegni di grandi opere infrastrutturali che si auspica di realizzare o che si stanno realizzando, spesso secondo procedure d'urgenza. Un'attenta gestione del paesaggio richiede partecipazione e non pu vivere di urgenze soltanto.

Si possono individuare caratteristiche nazionali del paesaggio?

Vi sono caratteristiche regionali, e sul territorio italiano queste variano molto: se dovessimo elencare qui i paesaggi di eccellenza, la lista sarebbe lunghissima. Spesso sono sconosciuti, ma stato avviato un censimento e tra qualche tempo li potremo conoscere tutti e avere un dato reale da cui partire per le azioni di salvaguardia, gestione e pianificazione. Paesi come la Francia o la Germania, tendenzialmente pi pianeggianti, hanno un minor grado di variet. Ma il paesaggio non un fatto nazionale: per natura transfrontaliero. Direi che costituisce un fattore unificante per il continente, non ha confini infatti.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news