LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bonami: la mostra pi che Wmbledon sembra il Queens
Luca Mastrantonio
ilf Riformista 10-GIU-2005

La formula di Davide Croff giusta ma viene applicata con troppi errori. Innanzitutto il timing e certi eccessi di italianit nelle nomine, oltre a una predominante visione museale e un'eccessiva riduzione del numero degli artisti. Cos quello che dovrebbe essere il torneo di Wimbledon per quest'anno assomiglia pi a quello di Queen's, una specie di riscaldamento. E pazienza se le signore trovano molto confortevoli toilette e distributori dei caff, la Biennale non il politecnico dei servizi pubblici, ma una piattaforma dove riflettere sullo stato contemporaneo dell'arte. E invece si consolidano persino fenomeni di parassitismo artistico che un maggior dialogo tra la Biennale e la citt potrebbe risolvere. Cos Francesco Bonami, curatore della scorsa edizione delia Biennale, ha commentato la 51esima edizione della esposizione internazionale d'arte della Biennale di Venezia, al cui vernissage, oggi, interverr anche il ministro Rocco Buttiglione. Molte scelte sono giuste, ma sono state realizzate in modo sbagliato. Anche questa sbandierata designazione al femminile ha diverse pecche. Innanzitutto sono state scelte due curatori che, pur avendo fatto un ottimo lavoro, si sovrappongono inevitabilmente. Il padiglione Italia, curato da Maria de Corral, offre un percorso chiaro e lineare dell'arte contemporanea, l'altra mostra, curata da Rosa Martnez, all'Arsenale, pi da trincea. Ma a parte questo umore diverso, non sono n assimilabili n distinguibili. Ma io sono del parere che un romanzo vado scritto con meno parole a caratteri pi grossi.
Uno sdoppiamento che a molti critici d'arte non piaciuto. Bonami lo spiega con semplicit: Le due spagnole sono state costrette a organizzare due rassegne in pochi mesi. Sono subentrate dopo il no di Robert Storr che ha preferito avere pi a tempo a disposizione per la prossima edizione. Anche sulla tanto sbandierata continuit del progetto che avrebbe avuto la supervisione di Storr, che ha scelto le due curatrici, fino al 2007 non siamo ai livelli di Szeeman, che l'allora presidente Baratta volle alla Biennale nel 1999 e nel 2001. Se proprio si voleva dare un segnale forte, di rottura e durata alio stesso tempo, non si poteva scegliere una donna da tenere fino al 2007? Inutile perdersi in una comunicazione spicciola. Il botto mediatico lo fai quanto punti su figure come il nigeriano Okwui Enwezor nel 2002, il primo direttore non europeo.
Nonostante le critiche, dallo spirito costruttivo, alla parte organizzativa, Bonami difende la qualit delle presenze internazionali alla Biennale, che secondo alcuni critici, invece, avrebbe ricevuto contributi deboli e svogliati da parte di alcuni paesi: Non direi proprio, l'Inghilterra ha portato Gilbert
e George, ma anche Rachel Whiteread, la presenza tedesca, olandese e americana molto sostanziosa. I momenti pi forti di questa Biennale sono i quadri dell'americano Philip Gustali al padiglione Italia, mentre all'Arsenale mi hanno colpito la performance del tedesco John Bock. Meritano anche i video di Beckett, la scultura di Whiteread, i film del sudafricano William Kentridge. Tra i bocciati, invece, l'opera tanto decantata di Franco Vezzoli, che ha rielaborato il Caligola di Tinto Brass con la partecipazione straordinaria di Courtney Love, Gore Vidal e altri vip, praticamente a parametro zero. Non sono un appassionato di Vezzoli, ha fatto gi un'opera blasfema sui Comizi d'amore di Pasolini. Le sue idee sono buone per svolge il tema male, sempre a caccia di nomi, un mini, ma veramente mini Tom Wolfe, che rinfocola il "fal delle vanit".
Bocciata anche la colonna davanti ai giardini, a me non piace come lavoro e poi un'opera che per la collocazione rischia di diventare il simbolo della Biennale quando non lo . E' stata scelta dal ministero degli Esteri, non dalle curatrici della Biennale. Un fenomeno che rientra in quella forma di parassitismo che secondo Bonami caratterizza la Biennale, con iniziative che vivono a sbafo mediatico e danneggiano la mostra, con il risultato di confondere il visitatore: Non riesco a capire questi pinguini rossi messi sui balconi e in altri luoghi assai visibili della citt. C' un disordine ottico assai fastidioso. Una tendenza a sfruttare come parassiti la Biennale. Io fui costretto a mettermi sui binari per protestare contro la mostra di Boter in contemporanea con l'apertura della Biennale. Su questo l'amministrazione della citt dovrebbe vigilare, ma credo che sia mancato il dialogo tra la ritta e la Biennale.
Per quanto riguarda la querelle sulla presenza degli
autori italiani, Bonami plaude alla scelta di destinare un padiglione agli italiani, per non sentiamoci come un nido di talenti sacrificati, se le curatrici hanno selezionato poca Italia ci sar un motivo. Bisogna semplificare, non complicare la situazione: Avevo proposto -ricorda - di realizzarlo ai Giardini dei padiglione Italia, dove ha pi senso, lasciando all'Arsenale la dimensione internazionale. Invece il padiglione italiano verr collocato nell'Arsenale, assieme a quelli stranieri. Per i quali, vale la pena ricordarlo, la Biennale non mette bocca, mentre per questo padiglione del 2006 affidato a Ilda (Mannelli la scelta non stata esclusivamente dettata dalla Dare, del ministro dei Beni e le attivit culturali, ma anche dalla Biennale.
Duro il commento sulla scelta dello scenografo Dante Ferretti a capo della giuria del Festival del cinema di Venezia: Risponde a un'ottica conservativa e protezionistica che non mi piace. L'anno dopo Monicelli ecco Dante Ferretti. Tra l'altro, le colonne di Leoni d'oro realizzate da Ferretti per il Palazzo del Cinema sono costate tanto ed erano un obbrobrio, sembravano uscite dall'allestimento di un Olhello al Comunale di Firenze. Non che se il presidente della giuria straniero gli italiani vengono maltrattati. In questo la formula Wimbledon dove sta?.
Un altro punto, infine, su cui Bonami toma a frenare gli entusiasmi di Croff riguarda la macchina organizzativa, elogiata da Natali a Aspesi su Repubblica (dove ha salutato la benedetta proliferazione delle toilette, ristoranti ben arredati e angolini con distribuzione per acqua e caff per la salvezza dei pellegrino biennalico). Va bene far funzionare meglio la macchina organizzativa - conclude Bonami - ma non perdiamo i contenuti: a treni che arrivano in perfetto orario ma in citt anonime o degradate, preferisco un po' di ritardo ma una destinazione interessante.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news