LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le maglie sono troppo larghe
Alessandra Sallemi
Nuova Sardegna 10-GIU-2005

CAGLIARI. Non ci si aspettava la bomba dell'ufficio paesaggistico decapitato con l'arresto del direttore, accusato di favorire parenti in un'inchiesta cominciata su uno gli abusi pi rilevanti nella costa sud, le ville di Baccu Mandara. Ma che il sistema delle vigilanze edilizie andasse ripensato l'aveva affermato pochi giorni fa l'assessore regionale all'urbanistica, Gian Valerio Sanna.
Sanna ha spiegato che nel piano paesaggistico regionale in corso di elaborazione bisogner andare incontro ai comuni integrando le competenze perch si verifichino assieme le situazioni di abusivismo. Comunque ha detto ancora l'assessore si trover un nuovo regime nel quale la sanatoria dell'abusivismo dovr rappresentare l'eccezionaiit e non, di fatto, l'unica disciplina di contrasto. L'assessore insiste sulla necessit di integrare i sistemi di vigilanza perch nell'attuale suddivisione delle competenze ci sono maglie larghe che lasciano sopravvivere gli abusivismi edilizi. Le maglie larghe cui si riferisce sono quelle che, per esempio, provocano il blocco delle ruspe davanti all'abuso conclamato non sanabile. Spiega Luigi Spina responsabile del servizio vigilanza edilizia per la provincia di Cagliari: La procedura prevista dalla legge urbanistica 23 all'articolo 6 non viene applicata. I comuni devono censire le opere abusive, in consiglio comunale si deve decidere se le opere abusive vadano acquisite al patrimonio comunale perch hanno utilit pubblica o debbano essere demolite. L'ordinanza di demolizione va eseguita entro 90 giorni. Ecco, quasi mai successo che i beni siano stati acquisiti e quasi mai dopo un'eventuale ordinanza di demolizione, che a carico del titolare dell'opera abusiva, i comuni sono andati a verificarne l'esecuzione. L'intervento sostitutivo della Regione ammesso in alcuni casi: se il privato non ottempera e il comune non ha risorse per demolire l'opera abusiva o per ragioni di ordine pubblico. Comunque la Regione pu intervenire solo se il bene stato acquisito al patrimonio comunale. L'inerzia dei comuni sottolinea Spina spesso in questo passaggio perch pu essere difficile che in una piccola comunit il consiglio comunale compia un atto che potrebbe risultare impopolare. E questo spiega perch troppi comuni considerino con favore i condoni: tolgono le amministrazioni dalla necessit di mettere in mora gli amici degli amici. Quel che non si coglie continua Spina la finalit distorsiva del condono: non bisogna valutare i soldi incamerati dallo stato con le sanatorie, ma la reale dismissione di risorse per il comune il quale si ritrova impoverito delle propriet immobiliari che potrebbero essere acquisite. In tutta la Sardegna, fino al settembre 2003, c'erano 18 mila opere abusive censite, sulle quali ci sono i verbali dei vigili urbani e delle guardie forestali. La met di questi abusi era consistente
e, tra questi, c'erano gli abusi insanabili. Un'altra maglia larga che lascia passare l'abuso, forse, la pi volte denunciata distanza tra l'assessorato regionale all'urbanistica che si occupa di concessioni e vigilanza e l'ufficio del paesaggio (inserito nell'assessorato alla cultura) che rilascia i nullaosta paesistici. Nella vicenda di Baccu Mandara sembra emergere con chiarezza il diverso atteggiamento degli uffici della stessa Regione, ma questo argomento sotto attenta valutazione da parte della magistratura. Quel che Spina mette in luce la difficolt di azione in un sistema dove la trincea amministrativa sul fronte dei comuni e questi (succede) non trovano il coraggio necessario. Il funzionario cita le segnalazioni fatte a suo tempo per un villaggio di 60 villette proprio accanto a Baccu Mandara, che ricadono anche queste nel comune di Maracalagonis: tutte abusive perch costruite in terreni destinati a esser conservati, il comune, nonostante le segnalazioni, non risulta abbia mai neppure sospeso i lavori. La Regione conclude Spina non sta a guardare. In questi giorni si sta decidendo di ritirare la concessione edilizia per un edificio tra Cala Regina e Cal'e Moru.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news