LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Croff e la formula Wimbledon, per gli italiani ci sar spazio
il Riformista, 09/06/2005

Una Biennale che vuole allargare i suoi confini: sia sessuali, con due curatrici donna, che geografici, aprendo anche alla Cina. E allo stesso tempo vuole stringere le maglie: meno autori e pi opere. Per rilanciale l'arte italiana, inoltre, lanno prossimo la Biennale si munir di un padiglione strapaesano, ma nessuna battaglia del grano (che alcuni hanno visto nella nomina, annunciata da Muller a Cannes, dello scenografo Dante Ferretti alla presidenza della giuria del festival del cinema di Venezia). Il modello quello, tennistico, dello stadio di Wimbledon: Venezia il miglior torneo d'arte internazionale, per il setting, le teste di serie straniere e la tradizione. A prescindere dal minore o maggiore successo gli artisti italiani. Ne convinto il neopresidente Davide Croff, contattato al telefono ieri, durante il vernissage della 51 Esposizione internazionale dell'Arte (apre al pubblico il 12 giugno). Ha le idee molto chiare sulla gestione della Biennale (noi scegliamo i curatori in base a una committenza progettuale, gli diamo spazio e autonomia e poi offriamo la macchina, che costa 8 milioni di euro) e respinge al mittente le critiche per una Biennale vetero-femminista, anti-italica e poco occidentale: Se guardiamo alla storia della Biennale degli ultimi decenni, il padiglione Italia non pi il padiglione degli italiani: un'anomalia consolidata - dice Croff, in merito alle dichiarazioni del ministro Rocco Buttiglione, che ha lamentato una scarsa presenza italiana alla Biennale - per questo dall'anno prossimo ci sar un padiglione tutto italiano, la cui curatrice sar Ilda Giannelli, gi alla guida del Castello di Rivoli, che abbiamo scelto con il Darc (Direzione generale per l'architettura e l'arte contemporanee dei ministero per i Beni e le attivit culturali), per dotare anche gli italiani, come gli stranieri, del doppio spazio della rassegna internazionale e dei padiglioni nazionali.
Una donna, dunque, alla guida della prossima rinascita italiana, come due donne sono le curatrici della 51 edizione, all'insegna del vintage femminista secondo alcuni, tra cui Caterina Soffia, che sul Giornale ha titolato Biennale, speriamo non sia femmina. Sotto accusa alcune scelte provocatorie. Come il video imenoplastica delle Guerrilla Girls e i lampadari con assorbenti interni al posto dei cristalli di un giovane artista portoghese. La Biennale non ha mai avuto la direzione di due donne - continua Croff - questa era un'altra anomalia, perch il mondo dell'arte, tra critici e curatrici di gallerie molto femminile. E' assurdo che la Biennale, un'istituzione che ha attraversato due guerre mondiali, la contestazione, non registrasse anche il nuovo molo storico delle donne. Il nostro un segnale molto importante: le spagnole Maria de Corrai e Rosa Martnez hanno fatto un lavoro eccellente.
La sezione curata da Maria de Corrai, L'esperienza dell'arte, allestita nelle 34 sale del Padiglione Italia nei Giardini della Biennale, presenta 42 artisti internazionali caratterizzati da una dimensione atemporale e spettacolare dell'arte. Il trapano appeso con un lampadario della Bonvicini, il pavimento multicolor di Maider Lopez, la scala in gesso alta quasi sette metri di Rachel Whiteread, il volo sintetizzato di Thomas Ruff sospeso alle pareti da una sequenza fotografica "in pixel" ingranditi. Spettacolari anche gli interventi di Thomas Schtte, Francis Bacon, Philip Guston, Marlene Dumas e Antoni Tpies. Nel grande labirinto museale, i dipinti di Agnes Martin a confronto con quelli del pittore, da noi fissai poco noto, Juan Hernandez Pijuan, senza dimenticare William Kentridge, Jenny Holzer o Bruce Nauman che quasi fanno sparire giovani speranzosi come Tacita Dean o Francesco Vezzoli, che presenta un video-trailer sulle orme del Caligola di Tinto Brass, dove la vedova Kurt Cobain, Courtney Love.
Sempre un po' pi lontano invece la sezione curata da Rosa Martnez, che nelle Corderie e nelle Artiglierie dell'Arsenale ha dato spazio a 49 artisti internazionali, prendendo spunto, gi dal titolo, ad uno dei libri di Corto Maltese, personaggio di avventure ideato dallo scrittore e disegnatore di fumetti veneziano Hugo Pratt. Una sezione all'insegna della rottura per il numero degli artisti e l'equilibrio tra uomini e donne, sostiene la Martnez, e continuit con Harald Szeemann e la sua idea di confronto e incontro tra le diverse tradizioni. Ci sono le Guerrilla Girls, il lampadario di Ob, assorbenti interni per le mestruazioni, i dipinti della cantante turca Semina Berksoy, morta lo scorso anno, la Perla a piombo, opera iper-minimale di Bruna Esposito, grande come uno spillo, il video della palestinese Emily Jacir, sulle periferie di Ramallah e New York, l'ippopotamo che sorge dal fango della laguna di Jennifer Allora & Guillermo Calzadilla. Poi ci sono i travestimenti di Leigh Bowery, la drag queen che stato uno dei modelli preferiti da Lucian Freud, l'operazione imenoplastica della guatemalteca Regina Jos Calindo, l'Ufo di Marito Mori, le performance apocalittiche di Micol Assael, le sculture di Louise Bourgeois.
Il tratto comune - sostiene Croff in riferimento alle scelte delle due curataci - la volont e la capacit di fare scelte, sempre in piena autonomia, riducendo drasticamente il numero degli autori presenti: dai 300 dell'anno scorso ai 90 di quest'anno, 40 dei quali donne. Non vogliamo commettere l'errore degli anni passati di cercare di mostrare tutto. L'intento scegliere e provocare. Soprattutto provocare riflessioni sullo stato dell'arte.
Alla riduzione "nominale" degli artisti, corrisponde un allargamento dei confini. Tra i 70 paesi presenti d sono 10 new entries, tra cui l'Afghanistan e la Cina: Con la Cina siamo addirittura riusciti ad anticipare i tempi. Tra l'altro l'anno prossimo, che in Cina sar l'anno della cultura italiana, ci stiamo preparando ad esportare alcune installazioni della Biennale
Nessun ridimensionamento dell'occidente, per, come pure alcuni hanno sostenuto - Gillo Dorfles sul Corriere della sera - gli Usa, che avevano messo in discussione addirittura la loro presenza, non ci hanno disertato in alcun modo, per tacere del fatto che americano Robert Stor, il direttore dell'edizione del 2007 e curatore del Simposio del dicembre 2005, in cui d confronteremo con le biennali di San Paolo, Shangai e Istanbul. Poi l'Inghilterra presente con due pezzi da novanta come George e Gilbert, senza contare che c' Lucian Freud al Correr. Pi che di Biennale globale, Croff, comunque, preferisce parlare di Biennale internazionale, perch mettendo in questione l'identit dell'arte, attraverso scelte e discussioni anche provocatorie, l'afflusso simultaneo di esperienze artistiche provenienti da nazioni diverse non si standardizza in prodotti globali e spaesanti.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news