LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nessuna scorciatoia ambientale per l'autostrada A31 Valdastico sud
Carlo Biasi
Italia Oggi 08-GIU-2005





La recente sentenza n. 2234/05 del 12 maggio 2005 del Tar del Veneto, che ha annullato gli atti delle procedure di Va-lutazione di impatto ambientale (Via) e di autorizzazione del tratto autostradale A31 Valdastico (Valdastico .sud), ci riporta indietro nel tempo di parecchi anni, quando dalla volont di tre politici del Nordest, Piccoli, Rumor e Bisaglia, nacque l'idea del collegamnto autostradale da Rovigo a Trento, passando per Vicenza, con un percorso di circa 130 chilometri, che prese anche il nome di Pi-Ru-Bi dalle iniziali dei cognomi dei politici.
E progetto fa realizzato solo per un breve tratto centrale e la prosecuzione verso Trento a nord e verso Rovigo a sud rest nel cassetto per diversi armi per le numerose obiezioni e opposizioni sollevate da associazioni ambientaliste e da una larga fetta delle popolazioni interessate al tracciato legate a motivi di ordine ambientale e paesaggistico nonch a perplessit di ordine finanziario.
L'idea fu rispolverata nel 2002 dalla Societ Autostrada Bre-scia-Verona-Vicenza-Padova spa, concessionaria dell'A31, che nel luglio depositava una proposta di Via statale per il prolungamento della stessa verso la provincia di Rovigo.
Malgrado le successive numerose osservazioni svolte da associazioni e privati circa l'inutilit dell'opera e i suoi dannosi effetti sul paesaggio e sull'ambiente e nonostante il giudizio negativo espresso dal ministro per i beni e le attivit culturali la commissione Via nel dicembre del 2002 esprimeva parere di compatibilit ambientale dell'opera.
Quindi, a seguito della seduta del consiglio dei ministri del 20 dicembre 2002, il dpcm del 16 maggio 2003 pronunciava la compatibilit ambientale, con prescrizioni, della proposta della Societ Autostrade consentendo al ministro delle infrastrutture e trasporti di autorizzare la realizzazione del tratto stradale. Avverso gli atti del presidente del consiglio e del ministro vennero presentati ricorsi da associazioni ambientaliste, da una fondazione culturale, da un comitato intercomunale e da privati proprietari di immobili o aziende agricole attraversate dal tracciato autorizzato, tutti patrocinati dagli avvocati Gianluigi e Matteo Cerati.
Con la suddetta sentenza il Tar del Veneto, accogliendo ben sei motivi di impugnazione svolti dai ricorrenti, ha annullato i provvedimenti impugnati.
Il Tar svolge in merito alla vicenda una prima considerazione di ordine dogmatico osservando che la societ controinteressata affaccia l'idea che- la scelta di realizzare l'opera sia in definitiva scelta politica o di alta amministrazione effettuata dal vertice della pubblica amministrazione (consiglio dei ministri) nei confronti del quale non data possibilit di contrasto e di reale tutela giudiziale.
In sostanza, si legge, mancata un'adeguata comparazione dei rilevanti e contrastanti interessi connessi alla realizzazione dell'opera: da un lato le motivazioni che hanno spinto all'approvazione della stessa, dall'altro le opposizioni, soprattutto per motivi di ordine ambientale, che hanno determinato anche la posizione contraria del ministero per i beni e le attivit culturali, il quale esprimeva, nel corso della predetta seduta del consiglio dei ministri, parere largamente critico, motivandolo sull'impatto paesaggistico e ambientale del nuovo tracciato autostradale.
Il consiglio, si legge nel verbale di seduta, preso atto delle dichiarazioni dei ministri Matteo-
li e Urbani, delibera che debba avere corso il completamento del tratto autostradale A31. Osserva il Tar che, stante il tenore delle osservazioni critiche, occorreva un minimum di motivazione diretta a superare le stesse. Invece nella fattispecie non stata indicata alcuna giustificazione della scelta finale. Nel successivo dpcm si afferma che la necessit di realizzare l'opera prevalente rispetto agli svantaggi di carattere paesaggistico di cui alle osservazioni del ministro dei beni culturali. (...)
La mera affermazione della prevalenza di un interesse su un altro si pone come un'asserzione pressoch arbitraria (anche se espressa al massimo livello), che non da conto del perch dell'affermata prevalenza di un interesse sull'altro. In sostanza, nell'ambito del procedimento di Via e nel provvedimento conclusivo dello stesso dovevano essere motivate le ragioni per esempio di ordine economico o legate a una strategia della viabilit o del traffico che potessero fondare la necessit del nuova tracciato stradale, con una precisa confutazione delle opposte ragioni di tipo ambientale e paesaggistico, in particolare sollevate dal ministero per i beni e le attivit culturali.
Rileva quindi, gi da tali considerazioni, una mancanza di volont di approfondimento, da parte degli organi coinvolti nel procedimento, della complessa e delicata questione legata alla realizzazione dell'opera. Espressione di questa caparbia volont di realizzarla comunque, senza le dovute attenzioni e riflessioni, pure la rilevata patologica accelerazione dell'iter del procedimento di Via con l'intento dell'amministrazione di concludere lo stesso in tempi ristretti e in modo spesso sommario e sbrigativo.
E questo modo di procedere ha consentito ai ricorrenti, come era naturale, di avanzare fondate censure di lapalissiana evidenza relative a vizi di eccesso di potere e violazioni della normativa relativa ai procedimenti di Via.
Cos, per esempio, nella seduta della commissione Via, a seguito della quale veniva espresso giudizio positivo di compatibilit ambientale, il parere negativo sull'opera assunto dal ministero per i beni e le attivit culturali non veniva esaminato. Dieci componenti della commissione si astennero dal voto per non essere stati posti nelle condizioni di conoscere e valutare gli effetti dell'opera sul paesaggio e sul patrimonio culturale e ambientale, valutazione necessaria prevista dalla normativa in materia di Via.
Altro motivo accolto individua una violazione della normativa che disciplina le pronunce di compatibilit ambientale, per la quale la valutazione doveva essere complessiva e cio avvenire non esclusivamente in. relazione al tronco autostradale Vicenza-Rovigo, ma con riguardo all'intero tracciato dell'autostrada di cui alla concessione.
Per ultimo, rileviamo anche la violazione della normativa secondo la quale le osservazioni presentate nel corso del procedimento di Via debbono essere considerate nell'atto definitivo. Anche una tale valutazione mancata.
In definitiva, l'analisi svolta dai ricorrenti e accolta dal Tribunale amministrativo regionale ha evidenziato un percorso procedimentale indubbiamente caratterizzato da gravi carenze istruttorie e motivazionali su questioni che per loro natura rivestono estrema importanza e delicatezza e che non ammettono quindi scorciatoie o impreparazioni.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news