LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Demolite il nuovo ecomostro" il comitato cittadino torna all'attacco
FRANCESCA RUSSI
11 luglio 2015 la Repubblica




LA RICHIESTA è secca. «Si demolisca la palazzina abusiva sul mare». Ieri mattina i rappresentanti del comitato "Parco del Castello" sono tornati all'attacco e hanno invocato una seconda Punta Perotti. L'edificio alto 12 metri in costruzione sul lungomare De Tullio e futura sede del provveditorato alle Opere pubbliche, del resto, era stato già definito da cittadini e residenti un piccolo ecomostro. «Una Punta Perotti in miniatura che ostruisce la vista del mare e sorge a due passi dal castello svevo » aveva denunciato il comitato. E così, chiedono adesso le 37 associazioni che compongono il comitato, che ci sia un finale analogo.

«Abbiamo dimostrato inconfutabilmente che i lavori in corso di ampliamento della sede del Genio civile sono abusivi tuona il presidente del comitato Parco del castello, Andrea Calò Guarnieri - così come la palazzina già esistente, risalente al 1955, è stata costruita abusivamente. Quell'area, secondo la perimetrazione della Sovrintendenza che ci è stata confermata proprio in questi giorni, è sottoposta a un vincolo paesaggistico che per troppi anni è stato dimenticato ». La conseguenza di questo ragionamento evoca il finale di Punta Perotti. I cittadini, riuniti nei giardini Isabella d'Aragona accanto al castello svevo, sventolano anche una foto delle saracinesche sul mare abbattute nel 2006. «Chiediamo l'immediato blocco dei lavori e la demolizione di tutte le palazzine, compresa quella del 1955, costruite in maniera illecita - aggiunge Michele Fanelli, presidente del circolo Acli Dalfino di Bari vecchia e componente del comitato - è tutto da demolire per ripristinare la legalità».

Sulla vicenda della palazzina sul mare è in corso un procedimento amministrativo. Il 28 maggio scorso il Tar si è riservato di decidere sulla richiesta, avanzata sempre da residenti e associazioni, finalizzata all'annullamento di tutti gli atti amministrativi, perché ritenuti illegittimi, e all'abbattimento dei fabbricati. E poi la procura di Bari ha iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di concorso in abuso d'ufficio l'ex direttore regionale dei Beni culturali Ruggero Martines, l'ex soprintendente ai Beni architettonici e al paesaggio Nunzio Tomaiuoli e la funzionaria della soprintendenza Emilia Pellegrino: i tre avrebbero certificato nel 2010, al momento della conferenza dei servizi per il rilascio dell'autorizzazione a costruire il nuovo edificio a tre piani sul lungomare, l'assenza di vincoli paesaggisti.

Ma i cittadini non vogliono aspettare i tempi della giustizia. «Le istituzioni prendano atto che la realizzazione della palazzina è un'opera di violenza su un bene monumentale - va avanti Luigi Paccione, il legale che sta seguendo per conto del comitato ricorsi ed esposti - frutto di un'ingiustificabile dimenticanza da parte dell'organo che avrebbe dovuto tutelare quel bene, la Sovrintendenza, che con un parere postumo ha riconosciuto il vincolo e ha reso in via di sanatoria un parere di compatibilità. È in corso un'attività edilizia illecita, un abusivismo di Stato conclamato, le istituzioni ne prendano atto senza aspettare le decisioni dell'autorità giudiziaria ». L'appello è rivolto a Provveditorato, Soprintendenza e Ministero per le Infrastrutture.

Prosegue in parallelo, intanto, il lavoro di progettazione del parco del castello, idea lanciata dal comitato. In settimana c'è stato un incontro in Comune. «Un'idea che ci piace e che appoggiamo - spiega l'assessora all'Urbanistica Carla Tedesco - e che anche il nuovo soprintendente Carlo Birrozzi ci ha detto essere possibile».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news