LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fondazioni d'arte: per Buttiglione sono il futuro, per Sgarbi no
Daniela Ghio
Il Gazzettino, 09/06/2005

IL GAZZETTINO


Venezia

II futuro dell'arte italiana nelle Fondazioni d'arte.
Lo Stato non in grado infatti di assicurare la completa fruizione dei Beni artistici, cos come non riesce ad acquisire nuove collezioni d'arte contemporanea per la mancanza di finanziamenti necessari.

La soluzione in una stretta collaborazione tra pubblico e privato.
Ne fermamente convinto il ministro per i Beni e le attivit culturali Rocco Buttiglione che ieri a Venezia, alla Fondazione Giorgio Cini, ha preso parte al convegno "Costruire le collezioni - Fondazioni e banche per l'arte contemporanea", promosso dalla Fondazione Crt di Torino.

Oggi le fondazioni diventano dei partner fondamentali per la nostra politica di preservazione dei beni culturali - spiega Buttiglione -. Noi abbiamo il pi grande patrimonio culturale del mondo, 4 milioni e 700 mila beni culturali registrati, altri 60.000 attendono di essere compiutamente registrati ed iscritti e naturalmente le nostre disponibilit sono ridotte. Noi contiamo molto sulla collaborazione con le fondazioni,
dentro un sistema che vede sempre fondamentale il ruolo dello Stato e vede molto importante anche il ruolo delle Regioni, delle Province, dei Comuni. Stiamo anche cercando di costruire delle joint venture, che sono fondazioni di un altro tipo, con le banche in modo di realizzare il massimo coordinamento degli sforzi.

Importanti le finalit di questa collaborazione: in primo luogo la fruibilit delle opere d'arte.
Abbiamo le opere ma spesso mancato le condizioni che aiutano il pubblico a godere dell'opera - continua Buttiglione - necessario avere un adeguato sistema di informazione, altrimenti manca un contatto, si guarda senza vedere l'opera. Il museo deve divernire una grande e meravigliosa avventura -per il visitatore giovane ed adulto, non deve essere luogo di noia.

Altro problema l'acquisizione dell'arte contemporanea: lo Stato ha ampi spazi da mettere a disposizione, e, attraverso la collaborazione con le fondazioni, Buttiglione spera di reperire le energie necessarie per fare acquisizioni in Italia.

Abbiamo un'arte giovane di grande interesse alla quale manca completamente il mecenatismo pubblico - conclude il ministro - Essere selezionati da un grande museo un importante fattore di promozione nel mondo. In questo senso una prima critica viene alla Biennale: gli italiani selezionati sono troppo pochi. Commenti sulla qualit solo dopo la necessaria visita.

Di ben diverso avviso il critico d'arte Vittorio Sgarbi: Torino, con la fondazione Crt, schiava di una dimensione internazionale dell'arte per cui si devono comprare sempre le solite cose. Non c' niente che corrisponda un'identit. Le fondazioni comprano sempre le stesse cose, merde internazionali. Il Crt di Torino ha il vantaggio di comprare merde italiane. La Biennale sceglie la solita pappa internazionale e non include la mostra di Freud, che il pi grande artista vivente. Con ci la Biennale dimostra di essere fatta dalla solita "mafia" che con i soldi delle delle fondazioni bancarie compra la solita roba, m......



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news