LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO: Venti mesi di lavori per due milioni di euro ma il monumento rester aperto al pubblico
Laura Nobile
La Repubblica, ed. Palermo, 07/06/2005

UNO dei complessi monumentali pi suggestivi e gettonati del circuito arabo-normanno, frutto di innumerevoli stratificazioni a partire dall'et paleocristiana. San Giovanni degli Eremiti, in via dei Benedettini, stato un edificio pagano, un monastero dedicato a Sant'Ermete nel 581 e poi, tra il 1130 e il 1148, la chiesa cristiana voluta da re Ruggero II, il primo re normanno.
Adesso, per bloccarne il degrado, soprattutto nell'area del chiostro, c' un progetto della Soprintendenza ai beni culturali che prevede entro 20 mesi un completo restyling. Anche in questo caso, la parola d'ordine quella di evitare la chiusura al pubblico, lasciando visitabile la chiesa.
Due milioni 421 mila euro il costo complessivo dei lavori, finanziati con fondi europei, secondo il progetto esecutivo curato dall'architetto Maria Giovanna Tornabene. Il decreto di finanziamento stato appena registrato dalla Corte dei conti e per far partire la gara d'appalto ci vorranno circa due mesi.
San Giovanni degli Eremiti un monumento che non smette di riservare sorprese spiega l'architetto Maria Giovanna Tornabene, progettista e direttrice dei lavori e per il quale abbiamo predisposto un restauro secondo quattro tappe differenti che interesseranno tutti gli spazi di San Giovanni.
Uno dei momenti pi importanti sar il recupero e la manutenzione di un tratto di mura urbane che facevano parte del complesso, e sul quale sar ripristinato il camminamento.
Il primo passo sar la manutenzione e il restauro della struttura medioevale della chiesa: i prospetti esterni, il campanile, la sala araba e finalmente il chiostro. Il secondo momento prevede la dotazione di servizi aggiuntivi da installare nella cosiddetta "Casa del Priore" attigua al chiostro, che risale all'impianto medievale ma ha visto diversi rimaneggiamenti in epoca barocca: una volta ultimati i lavori, a piano terra sar sistemata la caffeteria e, al primo piano, un bookshop.
Il terzo momento sar il recupero del tratto di mura urbane addossate al complesso e poi la manutenzione ordinaria e straordinaria del giardino all'interno del chiostro e nelle aiuole della chiesa.
L'area del chiostro quellache richiede gli interventi pi urgenti spiega l'architetto Tornabene tanto che nel frattempo stato necessario puntellarlo con travi di legno: presenta i fenomeni di maggiore degrado sulla calcarenite degli archi, e poi ci sono le brecce dei capitelli e delle colonnine e l'erosione e il distacco di parti dei materiali originali. La dotazione dei servizi aggiuntivi corrisponde all'intento preciso di offrire alcune strutture di supporto in un punto chiave dell'itinerario storico monumentale che inizia da Palazzo dei Normanni e si conclude proprio qui. E si salda a doppio filo al recupero delle mura. Qui infatti, spiega il progettista, esiste ancora un percorso che va dalla chiesa della Pinta a Porta Maz ara, oggi inglobata nel bastione cinquecentesco di Montalto, prosegue dietro l'abside della chiesa di San Giorgio in Kemonia, che delimita San Giovanni, e si chiude con una terrazza che collegata ad un camminamento sul muro di San Giorgio, senza dimenticare l'Oratorio di San Mercurio adiacente l'ingresso di San Giovanni.
un punto strategicocontinua l'architetto Matteo Scognamiglio, che dirige il servizio Beni architettoniciecco perch pensiamo a una convenzione con le autorit ecclesiastiche, l'Universit e il Genio militare, che permetta di ripristinare un unico itinerario da San Mercurio a San Giovanni, passando per le mura aragonesi.
Dove previsto il diserbamento e il ripristino della pavimentazione, e l'installazione di ringhiere per rendere pi agevole e sicura la visita. Ma le sorprese continuano ad arrivare, anche dalla vicina Casa del Priore: Sono stati portati alla luce la struttura medioevale coeva alla costruzione della chiesa dice ancora Scognamiglio e sono stati trovati materiali di et araba e frammenti di ceramiche medievali e moderne. Con le somme a disposizione contiamo di continuare lo scavo e adibire un locale a un museo del sito.
un restauro che servir alla valorizzazione del sito aggiunge l'assessore Alessandro Pagano e al miglioramento della fruizione di una vasta zona ancora tutta da scoprire.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news