LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BIBLIOTECHE CHIUSE - BARI : Biblioteche, scatta il part time
A. Di Giacomo
La Repubblica, ed. Bari, 07/06/2005



Manca il personale, da ieri la De Gemmis chiusa di pomeriggio

Si annuncia un'estate difficile per gli habitu delle biblioteche. La "De Gemmis", ospitata nel palazzo di Santa Teresa dei Maschi a Bari vecchia, inaugurata un anno e mezzo fa, da ieri rimane chiusa nelle ore pomeridiane. Colpa della mancanza di personale, spiega la direttrice Emanuela Angiuli. A rischio anche il cartellone di eventi organizzato sulla terrazza dello splendido palazzo per l'estate. La Biblioteca nazionale, poi, in attesa del trasloco nell'ex Macello comunale che partir a settembre e durer almeno cinque mesi.

MOLTO rumore per nulla. Eppure ad andare in scena non la commedia bens un inedito, ma non troppo: la biblioteca dimezzata. S'era fatto un gran parlare in occasione dell'agognata inaugurazione della biblioteca provinciale di Santa Teresadei Maschi: per Bari, sempre a secco di contenitori culturali, la tanto a lungo sospirata riapertura della De Gemmis fu vista, e non a torto, come un evento. Tanto che, a significare la sua vocazione ad una pluralit di attivit possibili, fu la mostra "II mito di Venere" a suggellarne il vernissage nel novembre 2003, mentre l'apertura dei servizi bibliotecari al pubblico avvenuta a marzo dello scorso anno. E accadde pure, nella gran foga, che qualcuno si scord il nome originario della Biblioteca per la cultura e per le arti, intitolata al barone Gennaro De Gemmis. Poco male: a rimediare all'imbarazzante amnesia intervenne subito la nuova giunta provinciale guidata da Vincenzo Divella.

Ma croce e delizia del sistema culturale barese le biblioteche tornano adesso afarparlaredi s.
E stavolta le prospettive non sono delle pi incoraggianti. Da ieri mattina, infatti, la De Gemmis non funziona pi a regime e la cronica carenza di personale ha costretto la direttrice Emanuela Angiuli a disporre la chiusura pomeridiana della Biblioteca per la cultura e per le arti: da qui sino alla fine di settembre. Altre soluzioni non sono immaginabili: la struttura sotto organico, visto che dispone soltanto di tredici dei diciotto dipendenti previsti invece sulla carta (dei quali, per di pi, soltanto tre addetti all'accoglienza). Ma il problema non pi solo del centinaio di utenti che, in media, frequentavano la biblioteca di pomeriggio e che, da ieri, hanno avuto la sorpresa di ritrovarla chiusa. Una spada di Damocle pende anche sul cartellone di appuntamenti concertistici, performance teatrali e incontri con l'autore che erano stati messi in cantiere per le sere d'estate nella bella terrazza di Santa Teresa dei Maschi, nel cuore della citt vecchia.
Il punto d'interrogativo d'obbligo - dice Emanuela Angiuli - perch in queste circostanze per garantire l'apertura dovrei assumerne le responsabilit ed esservi sempre presente. Ma, beninteso, conia complicit di un volontario per accogliere la gente alla porta: gi accaduto. Con tutti i rischi del caso, visto che appena un paio di persone non possono certo vigilare ad hoc su una struttura cos vasta e preziosa. Dunque discorso in forse pure su quelle attivit che qualcosa in pi avrebbero offerto all'estate culturale barese. Non possiamo, del resto - chiarisce la direttrice - mica negare le ferie a quei pochi dipendenti che abbiamo. Il punto che i servizi di accoglienza dovrebbero essere affidati all'esterno, magari solo in maniera temporanea per la stagione estiva. Facile a dirsi, per: la Biblioteca non ha i capitali sufficienti per farlo.
Ma quali alternative resteranno invece al popolo, diventato nel frattempo nomade, dei lettori dellaDe Gemmis?
Restano pur sempre in attivit la biblioteca Gaetano Ricchetti e quella del Consiglio regionale che tuttavia, come d'abitudine, ad agosto abbasseranno le saracinesche al pubblico. Ci sarebbe, dulcis in fundo, la Biblioteca nazionale ma, per il pi volte vagheggiato "miracolo" del trasferimento nella cosiddetta cittadella della cultura (all'ex Macello comunale, insieme all'Archivio di Stato) c' da attendere ancora qualche mese.
A offrire il polso della situazione Gabriella Ulivieri, direttrice reggente della Nazionale. La Biblioteca rester aperta al pubblico sino alla penultima settimana di luglio - annuncia - per poi riaprire dopo Ferragosto. Quanto all'imminente trasloco direi piuttosto che le cose stanno procedendo abbastanza bene: entro un mese verr portata a termine la
consegna dei nuovi arredi, compresi gli armadi compattabili, comandabili elettronicamente, e l'impianto di movimentazione dei libri: soluzioni cos tecnologicamente avanzate esistono solo alla Nazionale di Roma e alla Biblioteca del Senato. Il trasloco vero e proprio, infine, durer circa cinque mesi e potrebbe iniziare a settembre, fatto salvo che il ministero indica per tempo la relativa gara d'appalto. E la sorte dei lettori baresi d'estate? Non restano loro che le spiagge o i pi refrigerati ma caotici ipermercati. Fuor d'ironia, la scelta sta nell'arte d'arrangiarsi di ognuno.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news