LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Apre la Biennale "degli stranieri". Venezia off limits per l'arte italiana
Antonella Ambrosini
Secolo d'Italia, 8 giugno 2005


Biennale di Venezia senza Italia: lo sconsolante e sconcertante spettacolo che riserva, contraddicendo il suo stesso nome, l'ultima edizione della Biennale d'arte italiana che si inaugurer venerd nella citt lagunare. E non la prima volta che il Padiglione italiano assente. Ecco perch alcuni artisti, critici e curatori, con il sostegno di Philippe Daverio, hanno deciso di dare vita a un Padiglione Italia esterno alla Biennale, una sorta di contro-Biennale: nella chiesetta sconsacrata di San Gallo, dietro San Marco, ognuno porter una sua opera.
Polemica la rassegna che ha "scaricato" i nostri artisti: i quali aprono una contro-mostra
Biennale senza Italia

Forte e chiara si levata la voce del Ministro di Beni Culturali Rocco Buttiglione che ben delinea un vizio che va avanti purtroppo non da oggi: Spiace davvero l'idea di una Biennale che non tenga nel dovuto conto il lavoro degli artisti italiani. Ha quindi aggiunto, confermando la sua presenza all'inaugurazione del 10 (l'apertura al pubblico ci sar il 12 giugno): Devo dire che in Italia abbiamo artisti di grandissima qualit. Spiace davvero l'idea di un Biennale che non tenga nel giusto conto il loro lavoro. Con la considerazione, aggiungiamo noi, che si tratta del maggiore evento culturale espresso dall'Italia ed per oltre il 90% finanziato da soldi pubblici italiani.
Eppure da varie edizioni che il Padiglione italiano assente. Il presidente della Biennale Davide Croff che a parole si detto d'ac-cordo con il ministro, parlando di una situazione in qualche modo ereditata, non si sforzato poi troppo per raddrizzare la situazione di esclusione italiana, visto che ha affidato la direzione di questa edizione a un americano, Robert Storr, il quale ha affidato l'allestimento della rassegna a due critiche d'arte spagnole, Maria de Corrai e Rosa Martinez. Le quali si sono cos poco calate nel ruolo di curatrici di una Biennale d'arte italiana da affermare in modo sprezzante: Ci hanno chiesto un'esposizione internazionale; della politica dell'arte in Italia si deve occupare il vostro governo. Tralasciamo ogni commento per constatare che il Ministro Buttiglione dovr lavorare molto per ottemperare alla sua promessa: Credo di potere e dover prendere l'impegno - ha detto- che la prossima Biennale dar invece il posto che giusto che abbia all'arte italiana, che in Europa e nel mondo uno dei fenomeni pi significativi.
Certo, non per noi gratificante quello che stata capace di fare la de Correi, che nelle 34 sale dell'ex Padiglione Italia, dovendo ripercorrere l'esperienza dell'arte degli ultimi 50 anni ha inserito 42 opere, nessuna delle quali di un italiano. Sappiamo tutti che nell'ultimo, mezzo secolo artisti di valore ne abbiamo avuti eccome e dunque non improprio cogliere una precisa intenzionalit in tutto ci, come ci segnalano molti critici d'arte.
Il fatto che ormai da diverse edizioni stato chiuso il Padiglione italiano, conservando quello riservato alle altre nazioni: una vera e propria follia autolesionistica, alla quale Croff ha promesso di rimediare per la Biennale successiva del 2007. E da dove dovrebbe iniziare la rinascita italiana? Da colei che stata gi nominata da Croff prossima direttrice, dalla signora Ida Giannelli, potente esponente dell'art-System, grande manager ma piuttosto anonima quanto a curriculum critico ed estetico.
Direttrice del Museo Castello di Rivoli, la Giannelli riuscita nell'impossibile impresa di trasformare il museo forse meno visitato d'Italia (molte sono state le polemiche a riguardo) in uno dei caposaldi dell'art-system internazionale, funzionale soltanto, nella sua politica di acquisizioni fatta d'intesa con alcuni enti locali, al grande collezionismo internazionale. Un Museo che un po' lo specchio di quel che accade anche altrove: dietro molte mostre-Hop, pompate da sponsor pubblici e privati, si celano operazioni funzionali non al grande pubblico o alla promozione dell'arte italiana, ma al collezionismo: banche, istituzioni, musei sovvenzionati dal pubblico denaro
Ecc.
Di riflesso, dunque, anche la Biennale d'arte italiana si ridot-ta a una grande mostra-mercato dove l'Italia, giocoforza, diventata marginale o peggio ancora, funzionale a interessi altri e privi di una valenza estetica.
Del resto constatiamo che l'art-system di casa nostra ha da tempo bandito negli snodi direzionali che contano figure dal chiaro indirizzo estetico, addetti ai lavori capaci di imprimere una linea culturale purchessia. Lo stato deprimente per l'Italia di questa Biennale la dimostrazione che con i soli manager e con le consulenze stranieri altisonanti l'Italia e l'arte italiana non vanno da nessuna parte che si rispetti.
Ecco perch alcuni artisti, critici e curatori, con il sostegno di Philippe Daverio ha deciso di dare vita a un Padiglione Italia esterno alla Biennale, una sorta di contro-Biennale: nella chiesetta sconsacrata di San Gallo, dietro San Marco, ognuno porter una sua opera. Si tratta di un segnale, di un movimento spontaneo di indignazione al quale hanno gi aderito, tra gli altri, Kounelis, Sandro Chia, Gilberto Zorio, Isabella Ducrot, Leone Bruno Bozzetto, Giosetta Fioroni, Luigi Serafini, Gaetano Orazio e molti altri ancora
Un segnale, una provocazione, di cui tenere conto. Ma la preoccupazione espressa da molti critici che non si arrivi a una sorta di ghetto del ghetto, visto che gi l'Italia fuori dall'art-system internazionale, grazie a scelte anonime sotto il profilo delle linee-guida culturali che ci penalizzano.
Viste le premesse, Buttiglione avr il suo bel da fare a cercare di invertire una tendenza rovinosa e ci auguriamo sinceramente che possa e voglia dare seguito immediato alle sue parole.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news