LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Agli Amici della Musica mancano 200 mila euro di finanziamenti
L'Unit, ed. Firenze 07/06/2005

O la qualit o meglio chiudere
La denuncia del presidente Stefano Passigli: Agli Amici della Musica mancano 200 mila euro di finanziamenti

Mantenere una programmazione di livello adeguato, in linea con il passato, o chiudere. l'aut aut annunciato dal presidente dell'associazione Amici della Musica di Firenze, il senatore Stefano Passigli. Mancano finanziamenti adeguati e la programmazione della storica associazione ne risente. In tutto gli Amici della Musica hanno ricevuto 200 mila euro in meno da enti pubblici e privati. Passigli ha illustrato la situazione finanziaria dell'associazione presentando il nuovo programma concertistico della stagione 2005-2006. Le nostre difficolt nel bilancio - ha spiegato - derivano da improvvisi stop dei flussi di finanziamento che negli anni ci eravamo garantiti. Lo Stato, a cusa della Finanziaria, ci dar 75 mila euro in meno. Il Comune di Firenze fermo su un contributo di 35 mila euro, mentre aveva promesso di portarlo in tre anni a 75 mila euro. La Provincia, che distribuisce soldi dalla Regione, quest'anno non ci dar un euro. Da parte privata mancheranno 50 mila euro dellEnte Cassa di Risparmio di Firenze, che ha fatto scendere il suo contributo da 150 a 100 mila euro. Complessivamente avremo 200 mila euro in meno. La situazione, per Passigli, causata dalla politica generalizzata di tagli alla cultura, ma anche dallimprovvisazione con cui si danno finanziamenti a pioggia a nuovi ingressi e non si tutelano adeguatamente le istituzioni pi prestigiose . Le difficolt finanziarie - non mettono a rischio la stagione in corso,ma se non riusciremo a mantenere un livello adeguato di programmazione preferiamo chiudere che non avviarci a un lento declino . L'associazione nata negli anni Venti e si sempre distinta per l'elevata qualit dei concerti proposti. Negli anni Trenta ha contribuito a far nascere il teatro del Maggio musicale fiorentino - ha spiegato Passigli - ma adesso la collaborazione con questa fondazione sembra passata del tutto in secondo piano, visto che la sua programmazione non tiene conto delle nostre esigenze e causa sovrapposizione degli eventi . Sulla vicenda interviene anche lassessore alla cultura del Comune di Firenze, Simone Siliani, precisando che con gli Amici della Musica il Comune si impegnato a non ridurre di un solo euro il contributo erogato a fronte della convenzione in essere. Del resto quello che stiamo tentando di fare con tutte le istituzioni con le quali abbiamo siglato una convenzione. Ma, spiega ancora Siliani, questo irrigidisce il nostro bilancio perch, a fronte di tagli sul bilancio della cultura come su altri settori del Comune, siamo costretti a ridurre la parte libera del bilancio stesso. Passigli non ha torto ma sono i tagli del governo amettere in discussione lattivit delle istituzioni pi prestigiose.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news