LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Una Galleria tra passato e futuro
Anita Pepe
Roma, 7/6/2005

Oggi un'intera giornata di festa per salutare la riapertura della Pinacoteca dell'Accademia di Belle Arti

Non fatevi ingannare dal David di Michelangelo o da quella dicitura "Galleria dell'Accademia" che campeggia sui manifesti disseminati per le strade: non siamo a Firenze, ma a Napoli, e quei raffinati cartelloni in scala di grigi si riferiscono ad un patrimonio che, tra furti e negligenze, ha corso seriamente il rischio di scomparire, se non dalle sale dell'edificio a un tiro di schioppo dal Museo Archeologico, sicuramente dalla memoria di una città alla quale, invece, è legato da una lunga e fitta serie di debiti e prestiti.
E, se è vero che anche le unioni più riuscite ogni tanto hanno bisogno di una rinfrescata, quella di oggi per l'Accademia di Belle Arti sarà un'occasione insostituibile per recuperare antichi vincoli col territorio e, perché no, sancire, al di là delle polemiche sulla trascorsa latitanza, una ritrovata concor-dia con le istituzioni, coltivata attraverso esperienze di partenariato e corroborata dai finanziamenti erogati per il restyling di una pinacoteca che, dopo anni di decadenza, stasera alle 18 riaprirà finalmente i battenti... e incrocerà le dita, perché la sua non è propriamente una storia tranquilla. Già nel 1959 Ferdinando Bologna, allora docente di storia dell'arte nell'istituto, aveva provato a "restituire al suo fulgore" le collezioni dell'ex Reale Accademia del disegno, voluta nel 1752 da Carlo III di Borbone e trasferita subito dopo l'Unità nella sede attuale, appositamente ristrutturata da Enrico Alvino. Ma la sorte, purtroppo, non aveva cessato d'accanirsi contro la raccolta, messa insieme con le opere dei più celebri (ex) insegnanti o degli allievi più promettenti, e flagellata soprattutto dai ladri, al punto che nel 1984, dopo il saccheggio di ben 37 tele dell'Ottocento napoletano, apparve necessario un massiccio trasferimento nei depositi della Soprintendenza. Lo shock fu, in un certo senso, salutare, perché, in un momento di crisi di identità, segnò il punto di svolta con una presa di coscienza: per sopravvivere, la Scuola dovevano tornare a dialogare con la città. In una parola, l'Accademia doveva uscire fuori dall'Accademia. Una strategia che si è sviluppata attraverso collaborazioni ufficiali a grandi mostre, quali la ras-segna sulla "Civiltà dell'Ottocento" a Capodimonte, ma anche con azioni più bizzarre e meno irreggimentate, come le incursioni del collettivo "Quartapittura", fino ad approdare alla restituzione di un piccolo museo ormai tristemente iscritto all'elenco delle troppe bellezze negate e languenti sul suolo partenopeo.
Anniversario di matrimonio con la città coronato dal battesimo, quella di oggi sarà comunque una festa alla quale sono tutti invitati, ballo di una gloriosa debuttante che per l'intera giornata trasformerà i propri laboratori in saloni di ricevimento per il pubblico, da conquistare non solo con i fasti del passato, ma anche con una serie di iniziative collaterali decisamente proiettate verso l'avvenire, che vanno da "Futuro-contemporaneo", mostra totalmente autogestita con 80 pittori coordinati da Salvatore Provino, alla nuova interpretazione, firmata da Fausto Falchi, del "Neapolitan Box" proposto da Ciriaco Campus, all'inaugurazione della nuova sezione video, con preziose testimonianze d'artista affidate a supporti multimediali aventi chiare finalità didattiche.
Nessuna operazione-nostalgia, dunque. Semmai, come sottolinea la direttrice della Galleria Aurora Spinosa, la conferma di un progetto: ricordare a tutti, anche a se stessi, come l'Accademia sia un «laboratorio vivo ed attivo di un processo creativo che continuamente si rinnova».
All'inaugurazione di oggi pomeriggio è prevista la presenza del presidente della Regione Antonio Bassolino, del presidente della Provincia Bino Di Palma, dell'assessore alla cultura del Comune Rachele Furfaro, del Soprintendente speciale per il Polo museale napoletano Nicola Spinosa, del Soprintendente ai beni architettonici per il paesaggio, per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico di Napoli e provincia Enrico Guglielmo; a fare gli onori di casa saranno Adolfo Maiello e Alfredo Scotti, rispettivamente presidente e direttore dell'Accademia, insieme alla direttrice della rinata Pinacoteca, Aurora Spinosa.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news