LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALERNO - Il giallo dei reperti Vanno solo interrati
di Angela Sabetta
la Citta di Salerno 31 maggio 2015

CAPACCIO I reperti archeologici abbandonati nell'ex fabbrica della Cirio? Devono essere interrati. Secondo quanto sostenuto dalla Soprintendenza di Paestum si tratterebbe semplicemente di scarti di materiale ceramica senza alcun valore che vanno buttati. come dire, possono continuare a rimanere nell'ex fabbrica alla merc di tutti, tanto andrebbero comunque buttati. Resta da chiedersi - se non hanno alcun valore - come mai sono stati catalogati e conservati a tutt'oggi all'interno delle cassette e alcuni raccolti in buste di plastica ognuno con la sua scritta identificativa? Perch non sono stati buttati negli anni scorsi? Vero che, laddove, non si trova una soluzione per la messa in sicurezza dello stabile chiunque pu continuare ad entrare ed accedere facilmente anche alle aree interessate dagli scavi, che hanno portato alla luce parte del tempio di Santa Venera creando magari dei danneggiamenti. Senza contare che pi volte lo stabilimento, che insiste a due passi dai rinomati templi di Paestum, stato utilizzato come dormitorio da gruppi di extracomunitari come dimostrano i materassi, coperte, indumenti ed altri materiali presenti nei locali del piano superiore. Sulla vicenda dei reperti incustoditi nella fabbrica il sindaco di Capaccio, Italo Voza, afferma: La competenza della Soprintendenza. Comunque sia nei prossimi giorni cercher di capire meglio la questione. Il primo cittadino, intanto, annuncia che la bonifica del tempio di Santa Venera si conclusa. La bonifica dopo diversi giorni giunta al termine. Il prossimo passo quello di inserire il Santuario di Santa Venere all'interno del circuito spiega il sindaco Voza - e del percorso creato nell'area archeologica. Questo avverr di intesa con la direzione del museo e del parco archeologico. Inoltre, si provveder alla messa in sicurezza delle sponde del fiume e, come gi avvenuto all'interno dei templi, saranno installati dei pannelli esplicativi che racconteranno la storia del luogo. Tutto questo a carico del Comune sempre nell'ottica del protocollo di intesa siglato con il Ministero dei beni culturali. La bonifica effettuata dagli operai dell'azienda Paistom, anche con l'ausilio del Consorzio di bonifica sinistra Sele di Paestum, ha consentito di riportare alla luce il sito di Santa Venere che, per molti anni, stato ricoperto da rovi ed erbacce. Una pulizia sollecitata anche dalla testata giornalistica di Voce di Strada che il 28 maggio, insieme a tanti volontari, ha promosso una giornata di sensibilizzazione. L'antico santuario, posto subito fuori le mura, era stato dedicato dai Poseidoniati ad una dea dai connotati orientali, protettrice della riproduzione e della morte, identificabile con la dea fenicia Ishtar, la cui versione greca era Afrodite-Urania-Ericinia. In et lucana il santuario aveva conosciuto un altro periodo di splendore e la deduzione della colonia latina non attenu affatto la popolarit della dea, che agli occhi dei nuovi venuti doveva apparire simile alla Venere Troiana, progenitrice di tutti i Latini. La vitalit del culto appare dimostrata, oltre che dal materiale votivo rinvenuto, anche da un'iscrizione dedicatoria a Venere.




news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news