LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Due fori nel muro? "Tenuit del fatto" scatta l'assoluzione la prima volta
GABRIELLA DE MATTEIS
10 aprile 2015 LA REPUBBLICA

SOTTO processo erano finiti perch avevano praticato due fori su un muro di uno stabile che si affaccia su piazza Mercantile e che sottoposto a vincolo dalla Soprintendenza. Il dibattimento, per, non ci sar. Per la prima volta a Bari, infatti, il giudice monocratico Anna Perrelli ha dichiarato la tenuit del fatto, istituto introdotto con un decreto, entrato in vigore il 2 aprile e voluto per smaltire il carico dei tribunali.

Il beneficio si applica a coloro che hanno commesso reati puniti con pena detentiva non superiore nel massimo a 5 anni qualora venga accertata un un'offesa di particolare tenuit, per le modalit della condotta e per l'esiguit del danno. Il processo in questione riguardava tre imputati, accusati di aver praticato due piccoli fori sul muro di un palazzina, costruita nel 1939 e per questo sottoposta a vincolo, per l'installazione dei tubi di una caldaia. Erano stati i tecnici della polizia edilizia del Comune, dopo una segnalazione della Soprintendenza, a rilevare l'abuso. Gli imputati non avevano infatti alcuna autorizzazione per installare tubi e caldaia e soprattutto avevano violato i vincoli architettonici. Il caso cos approdato in procura e i tre erano stati destinatari di un decreto penale di condanna contro il quale hanno presentato ricorso. Cos la storia del piccolo abuso edilizio finita in un'aula di giustizia. Dinanzi al giudice monocratico Perrelli avrebbe dovuto tenersi un processo. Nel frattempo, per, i tre hanno pagato la sanzione amministrativa e soprattutto hanno ripristinato lo stato dei luoghi, rimuovendo i fori e non installando alcun tubo o caldaia. Circostanze che i legali Gaetano Veneto, Emanuela Sborgia e Marilena Marrazzo hanno rappresentato al giudice e che hanno pesato nella decisione di dichiarare la tenuit del fatto. Prima che il processo entrasse nel vivo, il giudice monocratico ha redatto una sentenza spiegando come nel caso in questione possa applicarsi il nuovo istituto. Nel procedimento era costituita come parte civile un'altra comproprietaria della palazzina che, ora, potr rivalersi in sede civile.

Il nuovo istituto, al centro anche di alcune polemiche, stato introdotto per ridimensionare il pesante numero di procedimenti penali. Al Tribunale di Bari, dinanzi al giudice monocratico, in una giornata di udienze, spesso sono iscritti anche pi di cinquanta procedimenti. Cause diverse che richiedono molto tempo con la convocazione e l'audizione di testimoni ed imputati. E molto spesso al centro dei procedimenti ci sono reati lievi commessi da imputati che non hanno mai avuto problemi con la giustizia. L'entrata in vigore del decreto sulla tenuit del fatto dovrebbe velocizzare la macchina della giustizia, evitando processi per casi non particolarmente gravi. Potr essere lo stesso pubblico ministero infatti a chiedere l'archiviazione per gli episodi che rientrano in quelli previsti dal nuovo istituto.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news