LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Pissarro nascosto sotto un dipinto trovato per caso da un palermitano
PAOLA NICITA
02 aprile 2015 la Repubblica



stato acquistato a Parma dopo cento anni di oblio in una cantina di Como Esposto un giorno alla Gam



UN RITROVAMENTO che un'avventura, che vede protagonista un dipinto, con un lieto fine a coronare una storia rocambolesca: e non si tratta di un quadro qualsiasi, visto che un'opera di Camille Pissarro, tra i padri dell'Impressionismo, le cui opere si trovano nei pi importanti musei del mondo. La storia inizia molti anni fa, e congiunge due isole lontanissime: le Antille - ribattezzate all'inizio del Novecento Isole Vergini americane, note anche con la dicitura di Indie Danesi - dove il pittore nacque nel 1830 - e la Sicilia, Palermo. In mezzo, una sosta lunga un secolo al buio di una cantina in una antica villa di Como, e il passaggio per il mercato antiquario di Parma. qui che nell'autunno dello scorso anno stato ritrovato il dipinto di Camille Pissarro, raffigurante tre figure femminili, datato 1854 e delle dimensioni di cinquanta per trentacinque centimetri. Dipinto realizzato con la tecnica ad olio, firmato dall'artista, e tra l'altro certificato sul retro da uno dei cinque figli del pittore, Paul-Emilie, nato nel 1884 e morto nel 1972. Storia nella storia, la modalit dell'acquisto del dipinto e del ritrovamento: la pittura venduta al mercato antiquario di Parma era un'altra. Ma dietro quest'ultima, durante un cambio di cornice, la rivelazione del preziosissimo tesoro firmato dal padre dell'Impressionismo. Inizialmente stata dunque un'altra immagine a colpire l'attenzione del collezionista palermitano che non vuole assolutamente rivelarsi - e che, avendo acquistato un gradevole dipinto per una cifra irrisoria si trova adesso tra le mani un vero e proprio tesoro. Collezionista che, oltre a voler rimanere anonimo, da ascriversi tra i facoltosi appassionati d'arte dell'Isola, e che, felicissimo dell'inaspettato ritrovamento, non ha alcuna intenzione di disfarsi dell'opera. Nessuna vendita, insomma, almeno non per ora: il quadro si trova in un caveau di sicurezza, e qui rimarr.

Ma chi avr la curiosit di vederlo, ha un'occasione unica: per la prima volta in assoluto, e solo per poche ore, verr esposto dopodomani alle 16,30 nella sala conferenze della Galleria d'Arte Moderna Sant'Anna, nel corso di un incontro dove verranno illustrate nel dettaglio le vicende che hanno composto i tasselli di questa complessa storia.

A presentare il dipinto, Antonella Purpura, direttrice della Gam, il docente di conservazione e restauro Franco Fazzio, il notaio Sergio Tripodo, in rappresentanza legale del proprietario del dipinto, e il giornalista Vincenzo Prestigiacomo, che in questa vicenda ha avuto un ruolo-chiave. Racconta Prestigiacomo: Da oltre un anno sto seguendo e ricostruendo le vicende di questo quadro di Pissarro, che ho incrociato per caso e che si rivelato custode di una storia complicata e affascinante, che mi ha totalmente appassionato. Posso dire che, dell'esistenza del dipinto, certificato dal figlio dell'artista, stato informato anche uno degli eredi, Joachim Pissarro, che vive e New York. Anche lui entusiasta di questo ritrovamento. So che molti tenteranno di non accreditare questa attribuzione, ma d'altronde abbiamo a nostro sostegno anche la convalida di molti esami tecnici e diagnostici di specialisti, che confermano la mano di Camille Pissarro. Tra gli esami e gli interventi di restauro, quelli realizzati a Palermo dal restauratore Franco Fazzio, che ha avuto l'incarico di revisionare la pittura di Pissarro.

La storia di questo dipinto e la vita dell'artista si intrecciano fin da subito: Camille - nato Jacob-Abraham Camille Pissarro nel 1830 - da padre francese di origini ebraico sefardite e portoghesi e da Rachel Manzana-Pomie, della Repubblica Dominicana, vive i primi anni della sua vita nella cittadina di Charlotte Amalie, nelle isole Antille, dove la famiglia possedeva la bottega pi importante dell'isola. A soli dodici anni, per assecondare il suo precoce talento artistico, la famiglia lo manda a studiare a Passy, nei pressi di Parigi, dove Camille disegna molto e ha l'occasione di vistare il Louvre per ammirare i capolavori della collezione. A diciassette anni ritorna nelle Antille, aiuta i genitori nella bottega di famiglia e quando l'anziano pittore danese Fritz Melbye visita l'isola, nel 1852, decide di seguirlo alla volta del Venezuela. Arriva a Caracas ed esegue i primi dipinti, dedicati alle scene di vita quotidiana per le strade della citt. Ma nell'agosto del 1854 l'artista torna nell'isola nata: ed proprio questa la data che coincide con la realizzazione del dipinto inedito, raffigurante le tre figure femminili. Camille Pissarro aveva dunque ventiquattro anni quando realizza il dipinto oggi "ritrovato", ed una data particolarmente importante perch esattamente il momento che precede la formazione francese: Pissarro al ritorno dal viaggio in SudAmerica ha avuto la possibilit di allenare la sua esperienza tecnica e compositiva, ma al ritorno nelle Antille non dimentica la sua parte creola- di ascendenza materna, d'altronde- insieme alle suggestioni esotiche. E' questo il periodo "negresse" dell'artista, tema che del resto caratterizzer la sua intera produzione, incentrato sulle raffigurazioni femminili e influenzato dalla forte presenza della natura.

Dopo questa data, l'anno seguente, nel 1855, Camille Pissarro si trasferir definitivamente a Parigi, dove frequenta l'cole des Beaux-Arts e studia le opere di Gustave Courbet, Charles-Franois Daubigny, e Jean-Baptiste Camille Corot, che lo colpiscono in modo particolare, conoscendo nel frattempo il gruppo che costituir il cuore degli Impressionisti: Claude Monet, Paul Czanne, Pierre-August Renoir, Alfred Sisley. Nei primi anni della sua presenza a Parigi, Camille Pissarro non dimenticher paesaggi e protagonisti della sua isola d'infanzia, proseguendo per qualche tempo a dipingerli a memoria, con temi e modalit che saranno centrali per lo sviluppo dell'Impressionismo.




news

24-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news