LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - SCIOPERO DELLA CULTURA
VINCENZO PEPE
02 aprile 2015 la Repubblica - NAPOLI

L'ITALIA detiene il pi grande patrimonio artistico del pianeta. Che tali beni siano il nostro "petrolio" capace di portare sviluppo e ricchezza cosa oramai nota tanto che ogni politico lo recita secondo copione in ogni comizio o a ogni apparizione televisiva. Purtroppo per, le azioni dei nostri amministratori sembrano andare in senso diametralmente opposto. Il turismo, sempre secondo i politici, dovrebbe essere il motore di sviluppo dell'Italia, cos come la dieta mediterranea e i prodotti alimentari che oggi sono richiestissimi sui mercati mondiali. Nell'immaginario degli stranieri queste sono le caratteristiche dell'Italia. La realt per differente. Basti pensare ai numeri dei nostri musei e al solo Louvre di Parigi che riesce ad attirare quasi 9 milioni di visitatori l'anno. Ora con il dovuto rispetto per l'eccellente museo francese, credo che quelli italiani abbiano reperti e opere d'arte ben pi interessanti per cui, se il Louvre riesce a essere il museo pi visitato del mondo, penso che lo debba anche al sistema Paese che ha dietro. Sistema Paese che purtroppo in Italia manca. Non monumenti ma vere e proprie testimonianze del passato, come Pompei per esempio, contano poco pi di 2 milioni di turisti l'anno mentre solo 300 mila per la Versailles del Mezzogiorno, la reggia di Caserta che cade a pezzi a causa della scarsa manutenzione e appena 200 mila per Paestum, la citt dei templi.

La grande bellezza italiana esce cos svilita dall'incapacit e dall'incuria degli amministratori pubblici che credono talmente poco in tali potenzialit che nel bilancio della Regione Campania hanno stanziato zero euro per le 1000 biblioteche e i 250 musei regionali. scandaloso, poich la Regione richiede poi severi e onerosi requisiti per rilasciare a tali strutture il riconoscimento di "interesse regionale" (direttore, custode, servizi). La questione ancora pi grave poich va a coincidere con il processo di riforma avviato con la legge del Rio (56/2014) e con la necessit di ridisegnare compiti e funzioni delle province a cui, in Campania, sono state conferite specifiche competenze nella materia di interesse. La mancata adozione di una legge regionale di riordino delle competenze provinciali particolarmente avvertita nel settore di musei e biblioteche, non essendo chiaro chi, e con quali risorse, gestir tali strutture ora affidate alle Province.

In questo caos la Regione ha azzerato tutte le risorse assegnate al settore che conta circa 1000 biblioteche, 250 musei. Strutture gestite da privati comuni, amministrazioni provinciali. Nel frattempo 66 milioni di euro vengono assegnati a Sviluppo Campania, societ la cui utilit quantomeno dubbia. Si passati dai comunque irrisori 900 mila euro del 2012 a 600 mila del 2013, ai 400 del 2014 e al taglio definitivo nel 2015. Un demerito della giunta che in periodo di crisi finisce col tagliare le risorse sociali e culturali pensando che la cultura non porti pane. Io non voglio credere per che gli amministratori campani abbiano fatto ci di proposito, temo piuttosto si tratti di una svista di qualche burocrate. In questo caso sarebbe per ancora pi grave. Ma con l'approssimarsi della campagna elettorale vorremmo sapere qual il destino dei musei e delle biblioteche della Campania. Sono previsti piani di sviluppo o devono chiudere? Vorremmo sapere se nei programmi elettorali dei candidati alla Regione la cultura ricopra un ruolo di centralit nello sviluppo o sia un elemento marginale che serve solo da copertura mediatica.

Non escludo che in campagna elettorale i musei campani potrebbero mettere in atto uno sciopero anomalo, lo sciopero della cultura. Una serrata per protestare contro una grande vergogna. Perch senza cultura non c' futuro. A questo proposito la fondazione Giambattista Vico, che mi onoro di presiedere, in procinto di costituire un comitato tra musei e biblioteche regionali al fine di porre in essere azioni di protesta anche eclatanti per cercare di ridare dignit alla cultura.





news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news