LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio artistico e naturale dello Stato italiano e finanziamento delle nuove infrastrutture
Laura De Cristofaro
Lofficina dellambiente, rivista informatica mensile, n. 17, ottobre 2002

Lo scorso 15 giugno la maggioranza parlamentare ha approvato la legge n. 112/2002, convertendo il decreto-legge del Governo Berlusconi n. 63/2002, che prevede disposizioni finanziarie e fiscali urgenti in materia, fra le altre, di valorizzazione del patrimonio e finanziamento delle infrastrutture (1).
Ricorderete che il Presidente Ciampi, all'atto della promulgazione della legge, ha richiesto con fermezza che siano garantiti i beni artistici e naturali del nostro Paese.
L'art. 7 della legge prevede che il patrimonio dello Stato sia valorizzato, gestito e ceduto per il tramite di una societ per azioni, la Patrimonio dello Stato S.p.A., il cui capitale iniziale di 1 milione di Euro, quasi 2 miliardi delle vecchie lire.
Il governo e la maggioranza parlamentare che lo sostiene intendono dunque valorizzare, gestire ed alienare il patrimonio artistico e demaniale del nostro Paese, trasferendo tutti i diritti su tali beni alla Patrimonio S.p.a., una societ per azioni di propriet, si badi, non del Ministero dei Beni culturali, ma di quello dell'economia.
Questa competenza esclusiva del Ministero dell'economia gi disvela il disegno, l'architettura del provvedimento, e le sue finalit.
Il ministero dei beni culturali del Paese che possiede il patrimonio d'arte e di natura di valore incommensurabile, nonostante la tutela sciatta, quando apprestata, e la assai scarsa sensibilit degli italiani a tale bellezza, dovrebbe, anche solo a rigor di buon senso, interpretare parte da protagonista nella politica e nell'amministrazione di tale ricchezza, con tutto il gravoso onere delle responsabilit che tale ruolo comporta.
Ai sensi di legge, il Ministero dei beni culturali non avr, invece, che ruolo di comparsa nella valorizzazione, gestione e cessione del patrimonio artistico dello Stato, avendo diritto di parola soltanto qualora i beni da trasferire alla Patrimonio S.p.a. siano di particolare valore artistico e storico.
Quali siano questi beni, non dato sapere, perch n questa n altra legge ha ancora provveduto ad individuarli con precisione.
D'altronde, si detto che il patrimonio artistico e storico talmente vasto che impossibile individuare ogni ricchezza.
E' probabile, dunque, con la complice fatiscenza della nostra pubblica amministrazione, che si vedranno valorizzati, gestiti o, assai pi probabilmente, alienati beni pubblici di cui lo Stato non ha esatta contezza del valore artistico e storico, ma dei quali incasser comunque, nonostante ne ignorasse ex ante il valore, i proventi della valorizzazione, gestione o alienazione.
Tutta la ricchezza artistica e storica dello Stato viene infatti trasferita, ai sensi dell'art. 1 della legge 112/2002, alla patrimonio s.p.a..
Al Ministero dell'ambiente, invece, non viene assegnato nemmeno diritto di parola, figuriamoci quello di veto.
La legge, ricordiamo, non ha per oggetto la tutela del patrimonio naturale e artistico dello Stato, ma esclusivamente la sua valorizzazione, gestione ed alienazione.
L'art. 11 prevede infatti che la Patrimonio S.p.a. possa effettuare operazioni di cartolarizzazione, che possa cio trasformare l'enorme e ricchissimo patrimonio artistico e naturale in denaro pubblico spendibile.
Oltre alla patrimonio S.p.A., l'art. 8 della stessa legge prevede l'istituzione di una seconda societ per il finanziamento delle infrastrutture, la "Infrastrutture S.p.a." La societ potr finanziare, in qualsiasi forma, le infrastrutture e le grandi opere pubbliche, nonch gli investimenti per lo sviluppo economico. Vi di pi: la Infrastrutture S.p.a. potr anche concedere garanzie per tali finanziamenti.
Dunque: la "Patrimonio S.p.a.", facente capo al Ministero dell'economia, disporr dell'intero patrimonio naturale, artistico e storico del nostro Paese. Si tratta di un'enorme ricchezza pubblica che potr, come prevede espressamente l'art. 7, essere "smobilizzata", mediante la vendita o la cartolarizzazione, trasformata in risorsa finanziaria. Ancora: il patrimonio dello Stato potr fungere da garanzia per ottenere la concessione di finanziamenti.
Siamo di fronte, dunque, ad un'innovazione degli strumenti a disposizione della finanza pubblica: sino ad ora, infatti, lo Stato aveva finanziato gli investimenti mediante l'antico strumento della tassazione e della emissione dei titoli del debito pubblico.
Ci sar permesso dire, nella nostra assoluta incompetenza, che tale innovazione ci sembra, come dire, assai rischiosa.
Il nostro un patrimonio di valore incommensurabile gi assai trascurato e malamente tutelato. Disfarsene sarebbe un delitto.
Gi non sono trascurabili gli ettari di preziosissimo terreno d'uva acquistato dai cittadini stranieri, ben pi consapevoli degli italiani, fuggiti a gambe levate dalla terra verso il progresso industriale e post-industriale delle citt, della fertilit del nostro territorio, delle potenzialit produttive delle campagne, della tradizione e della cultura che la stessa terra ci tramanda.
Sino ad ora, le nuove opere e le infrastrutture sono state s finanziate, rimpinguando le casse delle imprese edili, anche quando erano riconducibili alla criminalit organizzata, e pi di qualche tasca di amministratori pubblici corrotti, senza che i cittadini ed il Paese, soprattutto le regioni del sud, ne abbiano tratto gran beneficio. Quante sono le opere pubbliche - ponti, strade, acquedotti - sospesi, mai terminati, congelati?
Non ci rassicura certo la colpevole, mai casuale, inefficienza della nostra pubblica amministrazione. Uno Stato che non in grado di individuare ogni bene di valore artistico, storico, naturalistico, sar capace di non sperperare denaro pubblico cos rischiosamente procacciato?
NOTE
1. Il testo della legge di conversione, entrata in vigore il giorno successivo alla sua approvazione, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 15 giugno 2002. Lo stesso testo disponibile sul sito www.parlamentoitaliano.it.

www.officinadellambiente.com


news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news