LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Se tutela e sviluppo sono un escamotage
DANIELA POLI MASSIMO MORISI
26 febbraio 2015 LA REPUBBLICA


LA TRASVERSALIT maggioritaria con cui gran parte del parlamento toscano contesta il valore normativo del Piano paesaggistico pu scandalizzare o confortare, a seconda dei valori e degli interessi cui si d tutela o rappresentanza.

MA PROPRIO quella trasversalit, al netto di ulteriori aggiustamenti compromissori, pone una questione di "cultura politica" di primaria importanza. Che non riguarda la "destra" o la "sinistra" ma ci a cui serve la Politica e l'azione di governo che ne discende. E' almeno dai tempi di Fiorentino Sullo che essa ripropone un interrogativo drammatico per l'Italia repubblicana. Il territorio o no un bene comune? E il paesaggio, con tutta la vicenda umana che a quel territorio d funzioni, significati e dunque forma, o no il patrimonio di una data popolazione e per ci stesso la fonte del suo futuro e dei suoi discendenti? Si badi, parliamo di "patrimonio" non di "risorsa": ossia di un bene la cui erosione porta sic et simpliciter all'impoverimento culturale ed economico di quella popolazione e dei suoi eredi. Se poi quello stesso patrimonio ben custodito e dunque bene amministrato proprio nei suoi stessi valori patrimoniali allora, e solo allora, pu diventare anche una "risorsa".

Troppo difficile? Troppo astratto? Troppo da professorucoli nullafacenti e a stipendio fisso? Chi ha collaborato alla redazione del Piano abbastanza vaccinato per non offendersi. Ci che conta che si condivida questa idea di patrimonio: di bene non da erodere ma da trasmettere, proprio perch la ricchezza che nel presente ne deriva sia anche ricchezza duratura per i nostri figli e nipoti. Ebbene questa ricchezza costituita da fattori che del paesaggio sono forma, struttura e motore a un tempo: come il sottosuolo, le reti ecologiche, le visioni panoramiche, le montagne, i borghi e le citt, le campagne e le attivit agricole. E tutto l'universo del fare che connota la storia umana. Ma c' un "per" che il Piano pone con chiarezza, a cominciare da quelle "criticit" - di fatto e potenziali - che servono a orientare la sua applicazione nel governo locale. Ossia l'urgente necessit di coltivare nuova ricchezza collettiva tutelando il valore di quel patrimonio nel lungo andare e non erodendolo ad opera di "rendite" di posizione di breve periodo. La questione tutta qui.

Siamo disposti a condividere o no questa consapevolezza e a trarne le logiche conseguenze? Se s, al netto di qualunque preoccupazione elettoralistica e di qualunque contiguit di lobbying, allora serve un Piano del paesaggio con riferimenti certi, direttive efficaci e indirizzi che non siano flatus voci ma il discrimine tra una responsabilit pubblica e sociale e l'arbitrio di chi ragiona nell'oggi per l'oggi tanto domani se la vedranno altri! In mancanza di ci, un Piano esercizio tanto inutile quanto inutilmente faticoso (oltre che costoso).

Emblematico il conflitto delle Apuane. E' vero, si sempre "scavato e sottratto" trasformando montagne, crinali ed equilibri visibili e invisibili. Ma come cambiano le tecnologie e le opportunit di mercato cos cambiano le culture e le sensibilit ambientali. Oggi conciliare "tutela & sviluppo" diventa un escamotage retorico: o il secondo consegue alla prima e si produce nei limiti che da essa derivano, oppure mero opportunismo lucrativo all'insegna del "finch ce n'". Diversamente, inutile continuare a parlare di regole, parchi o enfatizzare lo stesso "Expo" in nome del "pianeta" , cos come potremmo buttare a mare il Codice dei beni culturali e del paesaggio. N vedremmo all'interno della stessa "comunit" apuana, imprenditori, associazioni, liberi cittadini e Comuni che pur sottovoce questa nuova consapevolezza esprimono nelle loro stesse scelte aziendali e nel rigore con cui le sostengono.

Gli autori sono docenti dell'Universit di Firenze



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news