LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per le opere strategiche debutta l'archeologia preventiva
Valeria Uva
Sole 24 ore Edilizia e Territorio


Nel decreto con le regole per i progetti dei general contractor si sperimenta la valutazione anticipata delle aree

Saranno le grandi opere della legge obiettivo a sperimentare per prime l'archeologia preventiva, ovvero quel meccanismo che, fin dal progetto preliminare, analizza la possibilit di trovare reperti archeologici nell'area attraversata dall'infrastruttura. Il tutto con l'obiettivo di evitare il rischio di ritrovamenti imprevisti e quindi di sospendere i lavori, spiegano dall'ufficio legislativo dei Beni culturali.
Nel decreto con le regole di progettazione e validazione per i general contractor approvato in prima lettura dal Consiglio dei ministri 13 maggio debutta la Viar (valutazione di impatto archeologico). Le norme sono il frutto di un'intesa e di una stretta collaborazione tra il ministro delle Infrastrutture, Pietro Lunardi, e quello dei Beni culturali (avviata da Paolo Urbani e confermata da Rocco Buttiglione). Una prima traccia - seppure con qualche differenza - la si ritrova anche nella bozza del nuovo Regolamento appalti messa a punto dalla commissione Arredi. L'idea di partenza quella di un dialogo preventivo tra general contracior e Sovrintendenza. Vediamo in sintesi le varie fasi.
L'avvio
Prima dell'approvazione del progetto preliminare, il general contractor deve farsi carico di raccogliere una serie di informazioni sull'area (indagini geologiche e archeologiche preliminari, dati di archivio e bibliografici, osservazioni dei terreni e lettura della geomorfologia del territorio).
In prima battuta queste informazioni non verranno trattate direttamente dalle Sovrintendenze, ma saranno raccolte, elaborate e validate da esperti. Il decreto istituisce un albo di professionisti dell'archeologia riservato ai dipartimenti archeologici dell'Universit, ai laureati e dottori di ricerca in materia. A loro il compito di fornire un giudizio preventivo al Sovrintendente dal quale dipenderanno le fasi successive.
Due strade
Se dalla documentazione da esaminare in 30 giorni non emerge un interesse archeologico dell'area, il Sovrintendente chiude la procedura. Da notare che a questo termine non consegue un esplicito silenzio-assenso. Comunque, una volta archiviata la Viar pu sempre capitare di dover eseguire saggi archeologici a cantieri aperti sia se si trovano dei reperti sia se emergono nuove informazioni sull'importanza archeologica dell'area.
Se, invece, a conclusione dell'istruttoria spuntano elementi di interesse il Sovrintendente pu ordinare carotaggi, prospezioni geofisiche e geochimiche e saggi a campione. Durante il progetto definitivo ed esecutivo poi possono essere svolti veri e propri sondaggi e scavi in estensione.
Solo dopo questo supplemento d'indagine il Sovrintendente conclude la procedura. Sono tre gli esiti possibili:
- nessuna tutela dopo gli scavi e dunque la procedura definitivamente chiusa;
- area archeologica di scarso interesse i cui reperti possono anche essere trasportati altrove in musei. In questo caso la Viar si conclude con le prescrizioni per conservare il materiale ritrovato;
- area di grande importanza e dunque soggetta a vincolo archeologico. La Sovrintendenza dichiara l'interesse culturale dell'area.
Ora il decreto dovr passare al vaglio delle commissioni parlamentari e della Conferenza unificata.



news

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

25-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

Archivio news