LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ennesimo colpo di mano sui beni culturali e paesaggistici
Newsletter Venezia Cinquecento
Newsletter Venezia Cinquecento





La discussione al Senato del cosiddetto decreto sulla competitività (decreto legge 14 marzo 2005 n. 35), è sfociata come è noto nell'approvazione con voto di fiducia lo scorso 4 maggio del disegno di legge n. 3344. Nel testo approvato al Senato sono state introdotte alcune signifcative varianti che mostrano tutti i potenziali pericoli per la tutela del nostro patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico.

Al fine di velocizzare la realizzazione delle grandi opere pubbliche ritenute strategiche per lo sviluppo economico del paese, il testo di legge (art. 5, comma 11) introduce l'ambigua figura del commissario straordinario di nomina governativa, che ha il compito dichiarato di rimuovere gli ostacoli che dovessero emergere nel corso della realizzazione delle opere. Gli enti chiamati a fornire le necessarie autorizzazioni, si vedono a loro volta imposto il termine di sessanta giorni per esprimere il proprio parere, dopo di che il commissario procederà comunque, anche in virtù della potestà del governo di deliberare lo "stato di emergenza" («Per assicurare il rispetto della normativa in materia di tutela ambientale e paesaggistica, il Commissario acquisisce il parere delle competenti amministrazioni, che deve essere espresso entro sessanta giorni dalla richiesta. Decorso tale termine, il Commissario procede comunque nella esecuzione dell’opera. Qualora rallentamenti, ritardi o impedimenti di qualsiasi natura e genere siano tali da non consentire il rispetto dei tempi per la realizzazione completa dell’opera e da determinare un grave pericolo per l’economia e per la sicurezza e incolumità pubbliche, il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri, può deliberare lo stato di emergenza ai sensi dell’articolo 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225, conferendo al Commissario i relativi poteri»).

Dal testo si può ben capire come i principi della tutela dei beni paesaggistici e culturali siano stati sacrificati a favore di mere considerazioni economiche. E questa modifica gravissima introdotta al testo del decreto legge n. 35, decreto ormai in scadenza, deve essere denunciata come un'ulteriore prova che questo esecutivo fornisce circa la sua considerazione non solo del concetto di bene culturale o paesaggistico, ma soprattutto del concetto di tutela stabilito, come ben sappiamo, dall'articolo 9 della nostra Costituzione.

Del resto possiamo anche individuare i pericoli insiti nella cosiddetta dichiarazione di inizio attività che l'articolo 3 (comma 1) del citato decreto legge n. 35 concede come forma di estrema semplificazione amministrativa, in sostituzione di autorizzazioni, licenze o concessioni. Per ora il testo del decreto esclude le autorizzazioni che devono essere rilasciate, tra le altre, dalle amministrazioni preposte alla tutela del patrimonio culturale, del paesaggio e dell’ambiente, e non è stato modificato; e speriamo di non dover attendere con preoccupazione le varianti che potrebbero essere introdotte dalla Camera.

Leandro Ventura
(7 mag 2005)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news