LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - San Vito, scogliera distrutta per aprire un varco a mare
la Repubblica 18 gennaio 2015



C'è, invece, uno sfregio perpetrato in quella che è un'area "marina di reperimento" e zona a protezione speciale, equiparata cioè a una vera e propria area protetta e dove qualunque opera va sottoposta alla procedura di valutazione di incidenza. "Il danno - dice Silvano Riggio, ex ordinario di Ecologia all'Università di Palermo - è molto più grave di quello che si possa credere dal punto di vista paesaggistico estetico e ambientale. Spero che vi sia una punizione esemplare che scoraggi altre operazioni del genere. Finora Macari, zona costituita da un'unità biologica e geologica di primaria importanza, era tra i pochi tratti di costa, della Sicilia occidentale rimasta intatta. Si tratta di una scogliera di calcarenite e di massi calcarei che si allarga sul litorale in una piattaforma di roccia vivente, che si estende fino alla battigia, costituita dall'agglomerato di milioni di conchiglie di un mollusco che vive in mari che hanno affinità tropicali. E' una formazione segnalata come una delle più importanti non solo del Mediterraneo e rappresenta l'anticamera delle barriere coralline. La piattaforma di Macari ha anche importanza climatologica perché è uno dei depositi di anidrite carbonica. Ci vorranno più di 50 anni prima che il tratto deturpato ritorni come prima".

Ma c'è anche l'ira degli ambientalisti che negli anni Settanta si mobilitarono insieme ai cittadini contro un insediamento petrolchimico che doveva sorgere proprio a Macari e che oggi sono rimasti basiti dalla furia devastatrice della ruspa. Franco Russo, padre storico delle riserve siciliane ed ex presidente regionale del Wwf parla di "un atto barbaro e selvaggio e di un attacco alla nostra identità che ci pone davanti alla mancanza di civiltà". "Le reazioni di rabbia che si stanno registrando da parte di tutti - dice - non erano scontate e rincuorano. E' importante mantenere alta l'attenzione e recuperare l'area sperando che la ricucitura avvenga in modo da far vedere la cicatrice il meno possibile. Credo, però, che sia importante che questo atto di inciviltà venga ricordato con una targa che indichi che in quel luogo è stato compiuto un attentato nei confronti dell'ambiente".

Per Luigi Culmone, presidente della sezione Legambiente di Alcamo , "è l'esito dell'abbrutimento e della faciloneria di questa terra in cui si scavano le montagne, si aprono accessi e dove ognuno è convinto di poter fare ciò che vuole". "E' necessario - dice - educare all'unicità della bellezza e incidere sulla psicologia dei siciliani facendo capire loro che investire sulla tutela dell'ambiente conviene a tutti. I cittadini devono essere i primi alleati delle forze dell'ordine nel segnalare i casi di violenza sull'ambiente. Dobbiamo tutti insieme sostenere una campagna per sistemare la zona e impedire che venga sfregiato il volto della Sicilia".



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news