LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - PAESAGGIO. I sindaci dell'Alta Versilia hanno bocciato l'ultima versione del Piano paesaggistico della Regione Toscana.
di ANNA MARSON
IL TIRRENO 14 gennaio 2015


Un piano che a loro avviso mette a repentaglio la sopravvivenza dell'industria lapidea sulle Apuane. Sull'argomento interviene l'assessore regionale all'urbanistica, pianificazione del territorio e paesaggio.



L'obiettivo del Piano paesaggistico è per definizione la tutela del paesaggio. Per questo riteniamo quanto affermato dai sindaci e dagli imprenditori dell'Alta Versilia nelle cronache locali del "Tirreno" concettualmente assai lontano dall'attenzione con cui la Regione ha inteso trattare il tema e dagli effettivi contenuti della proposta di controdeduzioni alle osservazioni pervenute sul Piano approvato dalla giunta nello scorso mese di dicembre. Per ciò che concerne le Apuane il Piano ha ricercato faticosamente, nel rispetto dei vincoli paesaggistici statali presenti e fra i molti conflitti sul tema, una sintesi il più possibile avanzata fra istanze della tutela ambientale e paesaggistica da un lato e istanze dell'occupazione dall'altro, garantendo maggiore occupazione a fronte di una medesima quantità di marmo estratto. L'economia locale non è quindi affatto messa a repentaglio. Si punta anzi a mantenere all'interno di filiere locali una quota maggiore del valore aggiunto ottenuto con l'estrazione del marmo pregiato, risorsa notoriamente non rinnovabile, ferma restando la necessità di tutelare vette, crinali e zone protette. Il testo finale approvato ha chiarito una serie di possibili ambiguità interpretative, a partire dal fatto che valutazioni paesaggistiche introdotte non richiedono nuove procedure, ma vanno a integrare quelle già in essere. Sulla disciplina dei beni paesaggistici di cui all'articolo 9 (montagne eccedenti i 1.200 metri) si è inteso precisare che, per le aree estrattive ricadenti nelle aree contigue di cava del Parco delle Alpi Apuane, le vette e crinali da sottoporre a tutela sono quelli specificatamente individuati nell'Allegato 5 (nel piano di indirizzo territoriale con valenza di piano paesaggistico, l'Allegato 5 contiene le schede dei bacini estrattivi delle Alpi Apuane, suddivise inoltre in quadro d'unione e Schede dei bacini, ndr). Analogamente per le norme relative all'apertura di cave nei territori di protezione esterna dei parchi, il generico divieto di apertura di nuove cave o l'ampliamento di quelle autorizzate è stato modificato con l'introduzione di uno specifico riferimento alle vette e crinali di cui all'Allegato 5. Infine, per quanto riguarda il tema delle cosiddette aree integre ricomprese nelle aree contigue di cava del Parco delle Alpi Apuane si è inteso di estendere la tutela delle aree integre anche alle montagne per la parte eccedente i 1.200 metri(una scelta, come peraltro richiesto dalla copianificazione con il Mibact - il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - che ha qualificato sin dall'inizio la proposta di piano paesaggistico). Il percorso intrapreso all'interno della commissione consiliare competente è quello di approfondire con attenzione la pertinenza e coerenza delle risposte date alle diverse e spesso contrastanti osservazioni pervenute in merito al tema delle cave. Personalmente ritengo fondamentale mantenere più alta possibile l'attenzione sugli effettivi contenuti del Piano, e su come sia eventualmente possibile migliorarli ulteriormente, senza allarmi ingiustificati che in questo caso sembrano lanciati appositamente per rompere quella relazione positiva fra ambiente e lavoro pervicacemente ricercata dalla Regione ma che ovviamente non soddisfa altri interessi in gioco.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news