LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ogliastra
Maria Paola Porcelli
Corriere del Mezzogiorno, 08-10-2012

Su quel volto di pietra alto una decina di metri che come un antico guardiano d'argini osserva il letto del fiume resta il mistero. Se sia stato modellato nei millenni dalla natura o scolpito dall'uomo che possa avergli attribuito anche un significato religioso, nessuno sa dirlo.
Siamo a poche centinaia di metri dal nuraghe Alba, sull'altipiano del Golgo, in Ogliastra, a centoquaranta chilometri a Nord est di Cagliari che si percorrono attraversando calanchi e speroni di roccia improvvisi; ci si incunea tra strapiombi e curve che sembrano alpine mentre appaiono improvvise pareti verdi nelle declinazioni d'autunno.
una rara lingua di asfalto quella che penetra questo paesaggio arcaico percorrendo l' Orientale Sarda sino a Santa Maria Navarrese, frazione di Lotzorai affacciata sul Golfo di Arbatax dove il marina ben attrezzato pu ospitare tutto l'anno oltre trecento imbarcazioni. E tra olivastri millenari pregni di salsedine e la bella chiesetta spagnola dell'undicesimo secolo dal tetto in canne di fiume dedicata a san Nicola, capisci subito che sei in luoghi rispettati e tutelati in primo luogo dagli stessi abitanti: gli orgogliosi sardi.
Questa una Terra dove si permette alla modernit lo stretto necessario, quanto domanda quel turismo che o villaggio o superesort o niente; terra dove il tempo ha un orologio diverso e le contaminazioni inutili per lo pi non si fanno attecchire.
Ed ora che la confusione delle vacanze a tutti i costi passata, disponibilit e gentilezza discrete di questa gente sono ancora pi dolci. Lo hanno ben capito i Nord europei in genere che arrivano anche in autunno dall'aeroporto di Cagliari. E li vedi con gli occhi che brillano prenotare settimane di trekking o bianchi come latticini a godersi il litorale di sabbia e ciotoli e calette, solo il rumore del vento tra i rami dei pini e degli olivastri- da cui il nome della nuova Provincia- affacciati sul mare a fare da ombrelloni al piccolo centro presidiato dalla cinquecentesca torre di guardia spagnola.
E' la terra del vino Canonau e del Vermentino (da Santa Maria, in un'oretta si arriva alla Cantina Sociale di Jerzu magari facendo poi tappa alle grotte Su marmuri tra i paesini di Ullassai ed Osini).
Questo il tempo delle grandi braci cui sacrificare maialini da latte e capre che profumano di erbe selvatiche. Che la natura preservata lo capisci dal profumo di ginepro e di timo e di menta, folate di essenze che assalgono al tramonto su questa terra brulla, qualche volta rossa come le rocce di porfido (come Is scoglius Arrubius) che spuntano improvvise nel mare turchese; terra argillosa o bonificata, calcarea. Te ne accorgi dal volo dei gabbiani corsi o delle aquile reali capaci volare in picchiata e rapire capretti. La natura qui non parla ma urla ed un urlo silenzioso. Soprattutto sul Golgo dove si raggiunge questo volto che un po' ricorda le statue dell'isola di Pasqua dopo una discesa impervia, avendo per riparo allo strapiombo rami di ginepro contorti e sbiancati dal sole, ridotti sapientemente ad improvvisati passamano.
Arrivi su questo altopiano incantato risalendo a Nord ovest da Santa Maria Navarrese. Una mezz'oretta per una decina di chilometri sulla statale 125 sino a quel presepe che Baunei che si trova a 480 metri sul livello del mare, magari con il fuori strada guidato da Roberto della Cooperativa Goloritz (cell. 368.7028980; http://www.coopgoloritze.com).
Gente nata e cresciuta nel territorio di cui conosce tradizioni, cultura, lingua (e non dialetto, tiene a precisare!), passo passo ogni sentiero, il pi sterrato e arduo. Li vedi arrampicarsi come stambecchi tra massi, ripidissime pareti calcaree e valli carsiche o salpare per mare a farti conoscere le splendide insenature in cui sfociano i torrenti nati nel Supramonte: Cala Goloritz, Cala Sisine, Cala Luna e Cala Mariolu. E' chiamata cos perch i ponzesi, vedendo sparire di l il loro pescato, avevano pensato ad un mariuolu, ad un ladro, invece che alla foca monaca che viveva nella grotta accanto.
Belle storie che accompagnano chi vuole percorrere questa regione.
Circa cinque chilometri lungo la salita che porta da Baunei all'altipiano del Golgo, poi, stando ben attenti al traffico...di asinelli sardi e buoi, d'obbligo la visita al nuraghe Co' e Serra: domina la valle con la sua struttura che deroga alla conicit per adattarsi alla roccia. Tutt'intorno, ai piedi dell'altura presidiata da queste architetture sarde che furono case e fortezze, ancora visibili le circonferenze delle capanne circolari che completavano il villaggio preistorico. Importante anche la tappa alla voragine carsica Su sterru, Manumento Naturale e tra le pi profonde d'Europa con i suoi 279 metri. La si raggiunge attraversando le pozze d'acqua naturali dette As piscinas, tra cespugli ad albero di mirto, lecci e l'imperante olivastro ora carico di frutti.
Da visitare, ancora nel territorio di Baunei, la chiesetta di San Pietro con i caratteristici ripari per i pellegrini forestieri e le loro greggi mentre una decina di chilometri a Sud ovest di Santa Maria Navarrese, nei dintorni di Triei, degni di una tappa sono il complesso nuragico di Bau Nuraxu e la valle che accoglie la Tomba dei giganti di Osono risalente al 1600 a. C.. Poche centinaia di metri e si pu anche avere idea di sapori antichi ed unici, emozioni del gusto come quelle che offre Piscin'e Janas (cell 340. 4853401): grandi braci, culurgiones (un po' ravioli ed un po' gnocchi di patate al pecorino e menta). Si sciolgono in bocca come i prosciutti ed formaggi tipici. E poi la verdura selvatica, i dolci alle mandorle, i liquori fatti in casa e le seadas: una sfoglia dolce fritta condita con miele e scorzetta di limone ed una farcitura di formaggio acido. Per conoscere la pi autentica cucina sarda e non dimenticarla pi.

Maria Paola Porcelli



news

24-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news