LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La stabilit del cemento
Vittorio Emiliani
Left 20/12/2014

Il governo Renzi annuncia lo stop al consumo di suolo, ma con lo Sblocca Italia e con la legge di stabilit va in direzione opposta. I Comuni continueranno a usare gli oneri di urbanizzazione per fare cassa. A danno dellambiente, del paesaggio e dei servizi.
Impermeabilizzato il 7,3 % di suolo italiano. Napoli il Comune con pi cemento e asfalto. Poi Milano. Lombardia e Veneto le regioni pi impermeabilizzate. Restano per questo in superficie in tutta Italia 270 milioni di tonnellate di acqua piovana allanno.

Le buone intenzioni ci sarebbero. In commissione, dopo i recenti disastri alluvionali, il ministro dellAmbiente, Gianluca Galletti, si pronunciato per un immediato stop al consumo di suolo. Misura sollecitata da anni da urbanisti (Salzano, De Lucia, Meneghetti, Berdini e altri) e ambientalisti. Finalmente ci siamo? A parole. Nei fatti si va in direzione opposta con lo Sblocca Italia e con la legge di stabilit. Lo ha denunciato lex ministro alle Politiche agricole, Mario Catania, firmatario di un disegno di legge contro il consumo di suolo: la legge di stabilit consentir ai Comuni di impiegare ancora i proventi degli oneri di urbanizzazione per la spesa corrente. Ledilizia dunque potr essere di nuovo da essi accelerata. In parte soltanto unempia illusione perch ci sono centinaia di migliaia di alloggi e di uffici vuoti e invenduti Ma sar la recessione a rallentare il consumo di suolo e non la volont del governo Renzi espressa con la legge di stabilit.
La svolta decisiva risale alla primavera 2001. Il governo Amato, a sei giorni dalla sua uscita di scena per far posto al nuovo governo Berlusconi, elimina dal Testo Unico per ledilizia su proposta del ministro per la Funzione pubblica, Franco Bassanini (una lunga milizia a sinistra, prima nel Psi , poi nella Sinistra indipendente, nominato nel 2008 da Giulio Tremonti presidente della potente Cassa depositi e prestiti) un articolo-cardine, il n.12, della legge sui suoli n.10/1977 voluta dal repubblicano Pietro Bucalossi. Esso prescriveva che i proventi delle concessioni e della sanzioni dovevano essere versati in un conto corrente vincolato, per essere destinati alla realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, al risanamento di complessi edilizi compresi nei centri storici, nonch allacquisizione delle aree da espropriare per la realizzazione dei programmi pluriennali. Tutto cancellato. Da quel momento i Comuni - ai quali il governo centrale trasferisce sempre meno soldi - sono autorizzati ad utilizzare gli oneri di urbanizzazione per fare cassa, per la spesa corrente.
Una follia perch in tal modo i piani urbanistici vengono stravolti con cento varianti, pur di far correre ledilizia che, non a caso, galoppa dal 2001 al 2008, sino alla gelata della recessione mondiale. A danno ovviamente dellambiente urbano e del paesaggio, a danno dei servizi primari e secondari da fornire ai cittadini. Nel primo caso strade, fogne, luce, gas, illuminazione pubblica, aree a verde, parcheggi, ecc. Nel secondo, asili, scuole materne e poi di ogni livello, consultori, chiese, verde attrezzato di quartiere e altro ancora.
Di pi: quel denaro fresco che entra nella casse comunali col pagamento delle concessioni edilizie ha un effetto positivo effimero. Non nel medio e lungo periodo: fatti i dovuti investimenti nei servizi, al Comune, e quindi, alla lunga, ai suoi abitanti quel vorticare di concessioni edilizie torner in fronte come un boomerang. Con laggravante di ritrovarsi un territorio e un paesaggio degradato dallabbinamento cemento+asfalto. Quel boom dei primi otto anni del nuovo secolo ha almeno sanato la fame di case a prezzo o a fitto equo, medio-basso? Neanche per sogno: si trattava di condominii, di ville e villette di mercato. Molte erano seconde e terze case destinate a sfasciare definitivamente territorio e paesaggio. Quindi la domanda di case economiche o sociali - per giovani coppie, per famiglie immigrate, ecc. - non ha ricevuto da questo boom edilizio risposte di sorta. Cos si creato un enorme stock di alloggi e di uffici vuoti, invenduti, sfitti, in tutte le citt italiane, a fronte del quale fioccano le occupazioni di case, popolari e non.
Non cerano mezzi legali per frenare, per ridurre questa folle corsa? Cera il Codice per il paesaggio che prescrive, da anni ormai, ad ogni Regione di co-pianificare col Ministero dei Beni culturali e di approvare poi quel piano paesaggistico in grado di obbligare gli italiani alla virt e alla saggezza. S, ma soltanto una regione per ora, la Toscana, per merito della giunta presieduta da Enrico Rossi e dellassessore Anna Marson, ha redatto e approvato, fra polemiche roventi di cavatori, immobiliaristi, costruttori, speculatori vari, il piano paesaggistico e con esso la nuova legge urbanistica. E le altre? Pi ombre che luci, a volte buio pesto. La fresca legge lombarda forse riuscir a peggiorare le cose.
Malgrado la crisi, anche nellultimo triennio, secondo i dati dellIspra, il consumo di suolo ha galoppato follemente. Eppure la superficie agricola italiana si era gi ridotta nel quarantennio 1971-2011 del 28 %, circa 5 milioni di ettari in meno, una superficie pari a Lombardia, Liguria ed Emilia-Romagna sommate insieme. Mentre labbandono ormai cronico della montagna fa precipitare a valle acqua, tronchi, fango, terra in quantit inusitate durante le piogge battenti di ogni stagione ormai. In pianura questa fiumana violenta trova terreni gi allagati perch resi impermeabili da asfalto e cemento per superfici immense e che quindi non assorbono pi una massa dacqua enorme: 270 milioni di tonnellate allanno. Milano , dopo Napoli, il Comune pi impermeabilizzato con oltre il 60 % della superficie seguito a ruota col 48 % da Monza. Acqua di sopra e acqua di sotto: la falda sotterranea risalita rapidamente con la chiusura dei complessi siderurgici e tessili. Per cui Seveso, Lambro e altri corsi dacqua straripano sempre pi spesso.
Ultima beffa. Meno soldi da Roma? Si fa cassa con gli oneri di urbanizzazione (fra dieci anni qualcuno pagher) e si alzano le tasse comunali. Dal 1997, cio dalla prima legge Bassanini sul federalismo amministrativo, esse sono state inasprite del 200 %, contro il 35-36 % di quelle statali Se questo il federalismo, torniamo ad un regionalismo, equilibrato e controllato. Lautocorrezione dei vari enti ha prodotto in realt unautocorruzione diffusa, inquinante, insostenibile.





news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news