LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sblocca Italia, Realacci perch hai votato s?
di Maria Rita D'Orsogna
IL FATTO QUOTIDIANO | 1 novembre 2014




Incontro I Sindaci dItalia "nellAula di MontecitorioErmete con le sue competenze e la grande esperienza acquisita in tanti anni di importanti battaglie ambientali condotte alla guida di Legambiente, la miglior garanzia perch questo Parlamento sappia raccogliere le tante nuove sensibilit ambientali presenti e sappia imprimere quella svolta che milioni di cittadini si attendono nella qualit della loro vita, nelle prospettive di nuovo lavoro, nella creazione di nuova bellezza nelle citt come nelle aree meno urbanizzate, nel rispetto della legalit ovunque. Siamo certi che con la sua intelligenza e la sua tenacia sapr far valere le ragioni dellambiente e di un sano sviluppo del territorio.
Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente su Ermete Realacci, che ha votato si allo Sblocca Italia, 7 Maggio 2013

Sono sempre convinta che le battaglie per la difesa del territorio hanno successo quando ad essere coinvolti sono i cittadini in prima persona, e quando questi sono informati, tanti, arrabbiati e intelligenti. E quindi che si chiami comitato, o associazione, o movimento, o non si chiami niente, non fa differenza. Limportante che tutti si lavori verso lo stesso obiettivo, ciascuno con i propri talenti ed il proprio tempo e nel rispetto di ciascuno. Non a caso le vittorie pi belle in Italia sono arrivate quando stato dal basso che ci si organizzati, in Sardegna, in Abruzzo, in Lombardia e quando tutti hanno lavorato costruttivamente.

Questo non vuol dire che associazioni con dei nomi importanti non siano di rilievo. Anche se spesso arrivano in ritardo, quando gi le criticit sono note a livello locale, possono fare molto in termini di sensibilizzazione, da amplificatore mediatico e per influenzare le scelte politiche a livello nazionale.

Ed per questo che non capisco Legambiente.

In questi mesi e settimane sono stati molteplici i comunicati di questa associazione contro lo Sblocca Italia spesso attingendo ed ispirandosi a materiale e fonti che diciamo, sono venuti altrove. Ad esempio, qui chiedono labrogazione dellarticolo 38 del decreto Sblocca Italia.

Qui invece il presidente di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, durante un presidio a Montecitorio contro lo Sblocca Italia lo definisce un decreto antiambientale, vecchio e pericoloso aggiungendo che il decreto e carico di interventi sbagliati, allopposto del sostegno ad uneconomia circolare e low carbon e che lo Sblocca Italia ripropone unItalia vecchia, incapace di stare al passo con i tempi, che si limita a fare tana libera tutti contro i lacci e lacciuoli, che imbriglierebbero il sistema.

Anche a livello europeo hanno avuto dure parole di critica al governo che ha mostrato scarsa capacit di leadership e volont politica di investire nello sviluppo di uneconomia europea a basse emissioni di carbonio cedendo alla lobby del fossile in occasione del Consiglio Europeo su Clima e Energia svoltosi a Bruxelles durante lultima settimana di Ottobre.

Ma allora, perch il presidente onorario di Legambiente Ermete Realacci del PD, presidente della VIII Commissione permanente Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati ha votato a favore dello Sblocca Italia? Lha fatto due volte, il 23 ottobre 2014, quando c stato il voto alla fiducia sul governo e poi il 30 ottobre 2014 quando c stato il voto finale.
Come si conciliano le parole del presidente Cogliati Dezza contro lo Sblocca Italia con il voto del presidente onorario Realacci? Non un controsenso?

Notare che sebbene rarissime come le mosche blu, ci sono state dentro il Pd altri voti ribelli, quelli di Giuseppe Civati e di Luca Pastorino che hanno detto no allo Sblocca Italia. Quindi Realacci non pu dire che non poteva fare altrimenti. Aveva una scelta, come ce lavevano Civati e Pastorino, e ha scelto di votare s.

Qualcuno mi dir: e che poteva fare Realacci? Poteva fare quel che poteva fare anche Giovanni Legnini: spiegare, sensibilizzare, creare consenso a favore dellambiente dentro i palazzi romani spiegando a chi scrive queste leggi che assurdo rendere la vita ancora pi facile ai petrolieri in un paese come lItalia. Se lo possiamo fare noi cittadini parlando gli uni agli altri, informandoci e creando opinione, lo pu fare anche un politico, facendo lattivista dentro i palazzi romani e magari convincendo gli altri parlamentari a rivedere queste norme trivellanti. Costa fatica, lo so. Meglio non prendersele queste gatte a pelare, vero?

Che dire. Sono sicura che il passaggio al Senato dello Sblocca Italia sar senza inceppi per Renzi e compari. E questo significa ancora una volta che lonere e lonore di difendere il territorio non lo si deve delegare a nessuno n a Renzi, ne al Pd, ne a Legambiente, n a Godot.

Purtroppo tocca a ciascuno di noi, ogni santo giorno.

Qui la lista di tutti i parlamentari della Camera e come hanno votato sullo Sblocca Italia.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/01/sblocca-italia-realacci-perche-hai-votato-si/1184727/


news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news