LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Il Comune usato come scudo fa arrabbiare il procuratore
FRANCA SELVATICI LUCA SERRAN
30 ottobre 2014 LA REPUBBLICA


Eventi gratis a Boboli ecco perch Acidini deve pagare 270mila euro

MULTIPROMO, ammessa dalla soprintendenza a svolgere eventi gratis nel giardino di Boboli, ha danneggiato il Prato delle Colonne, cancelli e statue con il passaggio dei suoi camion. Cos, per aver concesso il parco monumentale senza corrispettivo, la Corte dei conti ritiene che la soprintendente Acidini abbia a sua volta danneggiato l'erario e le chiede di pagare 270mila euro allo Stato. Di fronte alla censura del procuratore per aver concesso il giardino, Acidini si fa scudo col Comune. Ma il sindaco Dario Nardella non ci sta e mostra lettere e delibere della sua amministrazione: Ho tolto io i soldi a Multipromo.


SOTTO il peso di una richiesta di danni di 270 mila euro, la soprintendente Acidini si fatta scudo, nelle sue deduzioni difensive, anche del sostegno che il Comune di Firenze ha dato negli anni alla Multipromo, della quale ha sostenuto l'attivit, giudicandola un qualificato elemento di promozione turistica e culturale per l'intera citt. Ma l'argomento ha suscitato le severe critiche del procuratore contabile Angelo Canale.

Il Comune di Firenze, sia con l'Amministrazione Domenici sia con l'Amministrazione Renzi, ha sempre condiviso e caldeggiato scrive la soprintendente Acidini l'iniziativa della Multipromo, ritenendola importantissima per l'immagine della citt. Ci sono quattro lettere del vicesindaco Nardella 3 dicembre 2009, 8 febbraio 2010, 15 e 18 marzo 2010 che caldeggiano e sostengono il progetto .

Scrive il procuratore contabile: Il vero, nella vicenda che ora evocata in giudizio, come traspare (senza neppure troppi sottintesi) dalle stesse deduzioni difensive della dottoressa Acidini, che la concessione dello spazio del Giardino di Boboli all'Associazione Multipromo era fortemente "caldeggiata" da un esponente di rilievo dell'amministrazione comunale, che giunse persino ad indirizzare alla medesima Acidini in un breve arco temporale quattro segnalazioni a favore della Multipromo, proprio quando la Sovrintendenza si accingeva ad esperire la procedura di evidenza pubblica per la concessione degli spazi. Il che, alla luce delle severe censure mosse dal Tribunale Amministrativo Regionale alla Sovrintendenza (condanna a risarcire i danni derivanti dalla omessa effettuazione di una corretta procedura di gara), getta un'ombra sull'intera vicenda.

Va peraltro considerato che l'intervento dell'esponente politico, richiamato dalla dottoressa Acidini nelle proprie controdeduzioni quasi fosse una esimente, qualifica pi gravemente la condotta della medesima che, per quanto lascia intendere, pare abbia anteposto la soddisfazione delle richieste formulate dall'esponente politico, e degli interessi (si presumono pubblici) che questi rappresentava, alla tutela del bene culturale affidatole, al dovere giuridico di applicare comunque un corretto canone accessorio, al pubblico interesse ad una legittima procedura di gara. Ruvido giudizio, al quale il sindaco Dario Nardella replica nell'articolo in pagina 3.

L'indagine della Procura contabile e della Guardia di finanza nasce da un esposto presentato il 3 gennaio 2013 dalla Associazione Iko (Italia Konzert Opera), che segnalava presunte illegittimit e irregolarit nell'affidamento della concessione degli spazi di Boboli alla Multipromo per il triennio 2010-2012, sebbene nel precedente affidamento triennale la stessa Multipromo avesse violato ripetutamente le condizioni della concessione e arrecato danni al Giardino. Sulla gara, che si era svolta il 2 marzo 2010, si pronunciato il 14 maggio 2013 il Tar, rilevando varie irregolarit e condannando la Soprintendenza a risarcire la Iko, che fra l'altro aveva offerto di versare al Polo museale un euro per ogni biglietto venduto online e di curare la manutenzione dei luoghi utilizzati per gli spettacoli.

La Guardia di finanza ha ricostruito i ricavi della Multipromo nell'estate 2010, durante la quale furono organizzati spettacoli teatrali per 99 giorni, e nell'estate 2011, con 62 giorni di spettacoli. Secondo gli investigatori, nel 2010 la Multipromo ha incassato dalla vendita dei biglietti 729 mila euro, cui vanno aggiunti vari contributi, fra i quali 50 mila euro dal Ministero, 50 mila dalla Cassa di Risparmio, 40 mila dal Comune di Firenze, 120 mila da Mps, e sponsorizzazioni per 110 mila euro. Nel 2011 dai biglietti venduti la associazione ha ricavato 472 mila euro cui vanno aggiunti circa 245 mila euro fra contributi e sponsorizzazioni (ma nessuno pi dal Comune di Firenze). Se la Soprintendenza avesse concesso il Prato delle Colonne a titolo oneroso, applicando la tariffa minima giornaliera prevista dal Tariffario del Ministero per la concessione degli spazi per spettacoli occasionali, pari a 1.549 euro, il Polo museale avrebbe incassato quasi 250 mila euro.





news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news