LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Palazzo Venezia quando nacque la galleria di Reni e Giorgione
CLAUDIO RENDINA
26 ottobre 2014 LA REPUBBLICA



IL MERAVIGLIOSO Palazzo di Venezia in cui ha sede l'omonimo museo stato costruito a partire dal 1455, quando il cardinale veneziano Pietro Barbo, papa con il nome di Paolo II, fu nominato titolare della basilica di San Marco. Durante il suo pontificato ampli il palazzo costruendo tre saloni monumentali e il Viridarium, un giardino porticato situato all'angolo tra le attuali piazza San Marco e piazza Venezia. In diversi periodi successivi il palazzo fu utilizzato, oltre che come residenza papale, come ambasciata della Repubblica di Venezia, da cui il nome del palazzo. Dal 1797 pass in propriet agli austriaci, e divenne sede dell'ambasciata austriaca, ma dal 1867 ambasciata di Austria-Ungheria, Nel 1909, nell'ambito della sistemazione di piazza Venezia, fu decisa la demolizione del Palazzetto, che, smontato dalla sua posizione all'angolo sudorientale del Palazzo, venne ricostruito addossandolo alla sua facciata meridionale, fra piazza San Marco e via degli Astalli. La ricostruzione del Palazzetto non fu fedele, perch ne fu regolarizzata la pianta trapezoidale e venne ridotto il numero delle arcate prospicienti il cortile interno. Dal 1916 pass allo Stato italiano, che il 26 ottobre vi inser un museo, anche se il 16 settembre 1929 Mussolini lo profan insediando sede del proprio quartiere generale nella sala del Mappamondo. Il museo, che pure conserv formalmente la sua denominazione ed il suo ordinamento, fu praticamente chiuso e divenne visitabile solo dietro autorizzazione degli organi di Pubblica Sicurezza.

Palazzo Venezia ospita ora il Museo Nazionale di Palazzo Venezia e la Biblioteca di Archeologia e Storia dell'Arte, punto di riferimento a livello mondiale per gli studi di archeologia e storia dell'arte, con entrata all'odierno numero civico 3 della piazza. Nel museo inizialmente confluirono gli oggetti provenienti dal disperso Museo Kircheriano, dalla Galleria Nazionale d'Arte Antica nonch le collezioni raccolte a Castel Sant'Angelo per l'Esposizione Internazionale d'Arte del 1911. Nel 1921 si aggiunsero altre prestigiose raccolte d'arte: le armi del conte Carlo Calori; le porcellane e i dipinti del principe Fabrizio Ruffo di Motta Bagnara; le medaglie di Paolo II dell'antiquario Scipione Bonfili; i dipinti medievali e rinascimentali del lascito di Enrichetta Hertz, passati dal 1978 alla Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo. Un successivo allestimento nel 1929 ebbe breve durata, poich l'ingresso del regime fascista ne caus lo spostamento nell'Appartamento Cybo e nel Palazzetto.

Nel 1933 conflu nel museo la cospicua collezione dei coniugi Henriette Tower e George Wurts, costituita da dipinti, pastelli su carta, sculture lignee, ceramiche, arazzi, ventagli, stoffe, mobili, argenti. Nel secondo dopoguerra il museo raggiunse l'estensione pi ampia in seguito all'arrivo delle importanti collezioni di sculture in bronzo e terracotta Il nuovo percorso di 43 sale dislocato su tutto il piano nobile si arricchito inoltre, nel 1957, di sculture di Gianlorenzo Bernini, maioliche, statue lignee, porcellane, bronzetti, terrecotte, mobili, armi. A partire dalla fine di questo mese di ottobre, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citt di Roma ha organizzato un ciclo di visite guidate all'interno dei Saloni Monumentali del Museo del Palazzo di Venezia. L'appuntamento previsto nelle seguenti date: domenica 26 ottobre, sabato 1 novembre, domenica 2 novembre, sabato 8 novembre, domenica 9 novembre alle ore 11.00, presso la biglietteria del Museo di Palazzo di Venezia, via del Plebiscito 118. Un appuntamento da non perdere per conoscere un pezzo della storia quattrocentesca nel cuore di Roma. Dallo scorso luglio l'ingresso al museo gratuito la prima domenica di ogni mese.







news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news