LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Linee guida Prg tradite e dimenticate
LA SICILIA Sabato 25 Ottobre 2014 Caltanissetta




Linee guida Prg tradite e dimenticate
1994. Sono trascorsi vent'anni dai primi elaborati tecnici prodotti dai progettisti (Lo Re, Provenzano, Rosa, Trombino, Vaccaro) a cui fu affidata la "Variante generale" del Piano regolatore generale della Citt di Caltanissetta. Vent'anni della nostra vita. Anni durante i quali le linee guida elaborate dall'allora Consiglio comunale sono state tradite, dimenticate: "Stop all'espansione a macchia d'olio della citt, recupero del centro storico, riqualificazione delle aree esterne realizzate a partire dagli anni Cinquanta". Linee guida fondamentali, semplici e chiare. In questi vent'anni si fatto tutt'altro. La citt stata tradita, venduta. Sono stati vent'anni di urbanistica contrattata. Da una recentissima ricerca del Forun Pa sulle "citt pi intelligenti d'Italia", Caltanissetta risulta agli ultimissimi posti, mediamente terz'ultima. Sono state monitorate l'economia, la vivibilit, l'ambiente, la mobilit, la cultura, la governance. Ad maiora!
La denuncia sistematica delle pratiche di urbanistica contrattata costituisce uno dei cardini dell'azione di Italia Nostra. La citt un bene comune: un "bene" e non una merce, "comune" in quanto appartiene ad una collettivit che ne deve condividere il progetto e la gestione. L'urbanistica contrattata la causa principale del degrado delle nostre citt, quantomeno per quanto riguarda gli ultimi vent'anni. Citt gravate da fenomeni di speculazione che hanno ridotto gli spazi pubblici, il verde, i servizi, aumentando inquinamento, dissipazione energetica, consumo di suolo e abbassando il livello di qualit urbana e conseguentemente di qualit di vita.
Respingiamo decisamente la logica dell'espansione urbana come traino di un'economia di carta e di mattone, dissipatrice e insostenibile sotto il profilo ambientale, sociale e anche economico e proponiamo la riaffermazione della pianificazione pubblica come unico metodo, strumento in grado di regolare i meccanismi di crescita e trasformazione della citt, attraverso un sistema di regole certe e di garanzie estese. Questi, secondo Italia Nostra, i punti fondamentali, i principi a cui deve ispirarsi una corretta, virtuosa gestione della pianificazione urbanistica.
1) La citt un bene comune e come tale deve garantire gli interessi collettivi, senza negoziazioni con gli interessi privati. 2) Moratoria generalizzata sulle nuove urbanizzazioni per rigenerare citt e campagna. 3) Ripristino della legalit: no ai condoni, no ai piani casa, efficace controllo del territorio. 4) No agli strumenti che vanificano la pianificazione (a partire dagli accordi di programma in deroga) ed esclusione dell'iniziativa privata come impulso alla pianificazione. 5) Ripristino della destinazione originaria degli oneri di urbanizzazione. 6) Applicazione della VAS (valutazione ambientale strategica) e rilancio della pianificazione paesaggistica: Regione Siciliana e SOpRINTENDENZA devono provvedere alla elaborazione e alla rigorosa gestione del piano paesaggistico a norma del Codice (D. lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004). 7) Riaffermazione della tutela dell'identit culturale e dell'integrit fisica del patrimonio storico-artistico quale cardine, anche, della pianificazione urbanistica ordinaria. 8) Recupero delle periferie degradate, cresciute negli ultimi decenni senza regole n qualit urbana, anche con radicali operazioni di ristrutturazione ambientale dell'edilizia abusiva e speculativa e con uso vincolante di tecniche antisismiche e di risparmio energetico adeguatamente certificate, attivando anche processi e interventi di decostruzione e demolizione. 9) Mobilit sostenibile e integrata: incentivazione del trasporto pubblico e contenimento del trasporto privato, valorizzazione dei percorsi pedonali e ciclabili. 10) Ridefinizione delle regole per una effettiva trasparenza e partecipazione (a partire dalle associazioni portatrici di interessi diffusi) nel processo di formazione delle scelte.
Leandro Janni
Presidente di Italia Nostra Sicilia
Ignorata l'edilizia pericolante
E' notizia del 23 ottobre che la Procura della Repubblica di Palermo ha invitato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando per conoscere lo stato dell'arte dell'Amministrazione palermitana sulla messa in sicurezza degli edifici pericolanti presenti nel centro storico.
E la nostra Amministrazione nissena che fa nell'odierna seduta di bilancio? Disconosce il problema nascondendolo come si fa con la polvere sotto il tappeto, ignorando l'accorato intervento del Consigliere Failla, condiviso con tutta la seconda commissione consiliare urbanistica e lavori pubblici di stanziare delle somme per gli interventi pi urgenti, classificati nella "carta del rischio" approvata dal civico consesso il marzo scorso, che istituzionalizzava il problema dell'edilizia pericolante rendendolo obiettivo prioritario per le azioni future.
Ci chiediamo come ha potuto l'Amministrazione omettere lo stanziamento anche di un solo euro su una voce di costo che il Ragioniere Generale defin l'anno passato come "strutturale", essendo conseguente all'irreperibilit dei proprietari degli immobili del centro storico, che a causa di ci continueranno a crollare con possibili gravi conseguenze per persone e cose.
Vediamo mortificato un processo che ci vedeva all'avanguardia nel contrasto al fenomeno, e che siamo certi, ci vedr presto "commissariare", con un comportamento che espone il Civico Consesso tutto a gravi responsabilit.
E come contropartita la retorica relazione dell'Assessore Pastorello che ci vuole convincere: che Campisi sta continuando ad amministrare fino alla fine dell'anno dichiarandosi non responsabile della previsione dei sette mesi di amministrazione della Giunta Ruvolo, dei quali ormai quasi cinque gi trascorsi; che alla Scat vengono pagate "plusvalenze", confondendole verosimilmente per uno strumento finanziario contrattato in borsa; che si sta occupando di fare "decollare" l'avvocatura comunale "dimenticando" di chiarire quale stato il suo contributo in qualit di Consigliere dell'Ordine degli Avvocati nel predetto "mancato decollo", oggetto per altro di specifica interrogazione; che provveder al pi presto a fare il regolamento per la gestione del fondo spettacoli per 100.000 euro, dimenticando che l'anno sta gi finendo e le predette somme non potranno pertanto essere spese, e saranno portate in "avanzo" l'anno successivo avendo integrato solo maggiori imposte per i cittadini; che abbiamo a disposizione 101 mila euro per il microcredito, briciole che si sarebbero potute moltiplicare con il ricorso all'Agenzia Nazionale per il Microcredito che abbiamo pi volte sollecitato.
Il coordinamento cittadino Nuovo Centro Destra
S. Caterina, appalto non condiviso
Signor Sindaco di Santa Caterina, con questa lettera aperta intendiamo esprimerle il nostro dissenso e la nostra amarezza in merito alla decisione di qualche giorno fa di ricorrere all'espediente amministrativo dell'affidamento diretto di un lavoro riguardante la sistemazione delle caditoie di Via San Giulio per un importo di circa 30 mila euro. Premettiamo innanzitutto che non facciamo parte di nessun gruppo politico e che a scriverle sono padri di famiglia che operano nel settore dell'edilizia che stremati dall'ormai gravissima mancanza di lavoro, si trovano nella terribile condizione di valutare qualsiasi opportunit lavorativa che si presenti nel nostro piccolo paese, specie quando questa di evidenza pubblica, una briciola che serve per lenire lo stato di disagio che affligge le nostre imprese. Signor sindaco, vorremmo tanto sperare che ad indurti a questa decisione e cio di permettere al suo ufficio tecnico di ricorrere all'affidamento diretto dei lavori in oggetto, siano stati la necessit e l'urgenza e che ella non abbia avuto il tempo di avviare le normali procedure che regolamentano una normale gara di appalto. Il nostro dissenso, e ci teniamo a precisarlo, non rivolto al collega affidatario dei lavori, persona proba che stimiamo e apprezziamo, ma riferito alla sua specifica funzione di primo cittadino garante dei diritti di tutti i caterinesi a sostegno dei quali dovrebbe essere lei la roccaforte inespugnabile. Stante alle evidenze, signor sindaco, a noi purtroppo non sembra cos, e sono i fatti a indurci a pensarlo. L'esclusione aprioristica di tutti a favore di uno basta secondo noi per creare legittimi dubbi sulla reale necessit di agire in funzione di questi lavori. Certamente 30mila euro non risolvono nulla, non cambiano il destino di una famiglia e non fanno certo la fortuna di una impresa, ma se un padre ha dei figli e solo un pasto da somministrargli, quel padre che ha nel cuore il destino di quei suoi figli non sceglie di dare il pasto ad uno solo di essi.
Una volta capitava spesso quando ancora in paese si lavorava in certe famiglie, dopo aver finito i lavori non era raro avvertire un certo disagio specie quando si trattava di presentare il conto. Magari si era capitati nella casa del padre del fidanzato di una nostra cara amica di famiglia e capir bene l'imbarazzo che noi provavamo a fargli pagare il prezzo corrente di quei lavori, ma noi spiegavamo che c'era di mezzo il pane, che era il nostro lavoro e che il prezzo richiesto era corrispondente alla prestazione lavorativa messa in opera. Spiegavamo che non si poteva fare alcuno strappo perch c'era il pane dei nostri figli in discussione; ovvio che ogni riferimento all'esperienza succitata puramente casuale. Sulla correttezza e sulla certezza di quanto lei abbia, signor sindaco, tutti noi non abbiamo ormai alcun dubbio. Nella speranza e nell'attesa che ci possa illuminare e farci capire perch il suo ufficio abbia scelto che per la realizzazione di questi lavori andava esperita la somma urgenza e quindi l'affidamento diretto, le inviamo i nostri pi deferenti saluti.
Un gruppo di operatori edili di Santa Caterina


25/10/2014



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news