LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Donazione da Treviglio al museo della Shoah
Letizia Bonetti
Corriere della Sera - Bergamo 16/9/2014

Il collezionista trevigliese Roberto Malini ha donato al Museo della Shoah 170 opere reperite in tutto il mondo

Una collezione di oltre 170 opere realizzate da artisti ebraici scomparsi nellOlocausto o sopravvissuti ai lager, raccolte in pi di 10 anni di ricerche in tutto il mondo, sono state donate al Museo nazionale della Shoah di Roma da Roberto Malini, scrittore e attivista dei diritti umani che abita a Treviglio. Il progetto si chiama Artisti dellOlocausto e ha contribuito a far emergere dalloblio, causato dalle leggi razziali e dai campi di sterminio nazisti, il lavoro di artisti yiddish gi noti ai critici darte prima dellascesa al potere di Hitler, ma anche le opere di elevata qualit realizzate da autori finiti nelloscurit o mai emersi a causa della persecuzione antisemita. Un pezzo importante della storia dellarte europea che ha rischiato di svanire per sempre, ma che grazie al collezionista trevigliese tornato a nuova luce. La raccolta, che comprende disegni, dipinti, incisioni, statue e anche libri, lunica collezione di arte della Shoah in Italia. E sar il cuore della mostra permanente di Villa Torlonia, la residenza romana di Mussolini che sta per essere trasformata nella sede del Museo della Shoah. La prima opera lho acquistata nel 2000 a Parigi: un disegno a matita realizzato da David Weiss nel 1939 racconta Malini . Ero in Francia per presentare in una galleria un portfolio di trenta mie incisioni sui bambini ebrei deportati. Un esponente della comunit ebraica decise di regalarmi questo disegno, ma ho insistito per pagarlo. Da qui lidea di far riscoprire gli artisti ebraici stroncati dallOlocausto e, tessendo relazioni e amicizie per raggiungere anche i pochi pittori viventi, Malini inizia a raccogliere pezzi in tutto il mondo. Era come frugare tra le ceneri della morte. Ho iniziato a contattare mercanti, famiglie e collezionisti. Per realizzare il mio sogno ho rinunciato a molte cose, investendo tutti i guadagni del lavoro. Lattivit di recupero di Malini, che ha antiche origini ebraiche, raccontata in un capitolo del libro Operazione salvataggio di Salvatore Giannella, che come spiega il sottotitolo racconta le storie di eroi sconosciuti che hanno salvato larte dalle guerre. Malini, 55 anni, un personaggio poliedrico: poeta, scrittore, sceneggiatore, pittore e autore di documentari, ma anche attivista dei diritti umani con il gruppo EveryOne, che ha contribuito a fondare. Dallinizio degli Anni Ottanta si dedica alla ricerca e alleducazione sulla Shoah, pubblicando diversi testi in collaborazione con i pi importanti musei e centri di ricerca internazionali. Ha scritto per la regia di Dario Picciau che cofondatore di EveryOne , documentari e cortometraggi televisivi. Le sue ricerche e lattivismo riguardano anche il popolo Rom: grazie anche alle sue letture di poesie, ha ottenuto il sostegno del Consiglio dEuropa e dellUnicef. E tre processi giudiziari in Italia: Sono stato assolto da tutti con formula piena perch il fatto non sussite, precisa.
Linteresse per lOlocausto nato negli Anni Settanta quando, allora dodicenne, ascolt dai banchi della scuola media i racconti di una sopravvissuta ad Auschwitz. Era la scrittrice Elisa Springer che, come racconta Giannella, ripeteva ai giovani che incontrava nelle scuole di mezza Europa di non dimenticare la tragedia dellOlocausto e diventare testimoni di pace. Parole che sono diventate una delle missioni di Malini, folgorato da ragazzino anche dalla lettura del Diario di Anna Frank. Proprio alla celebre ragazzina ebrea olandese si ispirato per scrivere Le 100 Anne Frank, un libro con prefazione di Gad Lerner che racconta le storie di cento donne ebree che si chiamavano come lautrice del Diario. stata mia nonna Noemi che, quasi clandestinamente perch ormai la famiglia si era da tempo convertita al cristianesimo, ha trasmesso a noi bambini la bellezza e lanima dellantica tradizione ebraica racconta . Quando ho capito che raccogliendo le opere pi significative di artisti ebrei perseguitati dal nazismo potevo fare qualcosa per non far dimenticare la Shoah, ho trovato la mia missione di vita. Poi ho deciso di donare tutto perch questa testimonianza deve appartenere allumanit. Certo non stata pura generosit, ma anche lappagamento di un grande sogno. la prova che ogni essere umano pu fare la differenza: servono una grande fede e la disponibilit al sacrificio. Malini si avvicinato alla poesia allinizio degli Anni Settanta spronato dal suo mentore, il filosofo Fulvio Papi, e a partire dagli Anni Ottanta ha tenuto letture pubbliche delle sue opere, sempre ispirate ai diritti civili delle minoranze (ebrei, rom e anche omosessuali) in tutta Italia. Lultima opera letteraria di Malini, che lanno scorso ha anche scritto i testi di tre libri per bambini ispirati alle favole di Esopo con il patrocinio dellUnicef, si chiama Dichiarazione: una raccolta di poesie ispirate allattivismo per i diritti umani, con prefazione della scrittrice ed ex parlamentare europea olandese Els de Groen, perch la poesia deve uscire dai salotti, strapparsi il lauro della vanit dal capo e divenire un motore vivo del cambiamento sociale. Ha ottenuto diversi riconoscimenti il libro di poesie Il silenzio dei violini, scritto a quattro mani col poeta statunitense Paul Polansky, che presenta la cronaca della persecuzione ma anche lanima del popolo sinti. Tutto ci che scrivo fa parte del mio vissuto dice . Sono un ribelle, ma sempre allinsegna della non violenza.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news