LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - "Tenere in buona salute il territorio la grande responsabilit dei produttori"
SIMONA POLI
03 settembre 2014 LA REPUBBLICA - FIRENZE





AGNOLETTI insegna all'universit di Firenze e dal 2007 coordinatore del gruppo di lavoro che al ministero definisce gli indirizzi sul paesaggio.

Variet del paesaggio e rendita economica possono andare d'accordo nella campagna del Brunello e del Chianti ?

Direi piuttosto che devono. Il paesaggio entra a far parte degli obiettivi del piano nazionale di sviluppo rurale nel 2007 e la legge che consente il recupero dei terreni abbandonati stata realizzata dal ministero delle Politiche Agricole e poi regolamentata dalle Regioni. In fondo la Toscana non ha "inventato" nulla, solo stata pi rapida ed efficiente mettendo a punto anche un Piano paesaggistico, che recepisce gli indirizzi dello Stato. Ci sarebbe da augurarsi che il settore rurale sentisse per primo l'esigenza di un paesaggio di qualit. Nondimentichiamochel'agriturismolegato proprio all'attrazione esercitata su un certo tipo di visitatori da un territorio variegatissimo, caratterizzato da molte colture.

Finora si parlava di degrado paesaggistico in riferimento a brutti insediamenti urbani o industriali. Mai a vigneti.

Ecco l'errore. Edilizia e agricoltura sono ambedue attivit produttive che stanno sul mercato e contribuiscono alla qualit del territorio. Il paesaggio rurale riguarda pi del 95 per cento della superficie regionale e non con un'agricoltura qualsiasi che si costruito il nostro paesaggio, c' una storia millenaria alle spalle dell'immagine che vediamo oggi.

I produttori di vino devono essere quindi "custodi" del paesaggio? Loro hanno molto da obiettare al Piano Marson.

Non dimentichiamo che una piccolissima quota della popolazione, i proprietari terrieri, oltre che tenere in buona salute il territorio - e vanno sostenuti se lo fanno - possono anche contribuire a degradarlo, E' una grande responsabilit. La Toscana ha 2 milioni e 300.000 ettari, su un milione di ettari di boschi quasi il 90 per cento privato, le aziende coltivano 800.000 ettari di superficie agricola.

L'ampliamento dei vitigni pu davvero essere un rischio?

L'idea che conservare sia contrario ad innovare obsoleta e usata spesso in modo strumentale. Ad esempio coltivare su un terrazzamento richiede entrambe le cose. Certo la loro gestione pi onerosa ma gli studi di economisti indipendenti mostrano che sul prezzo finale della bottiglia i costi aggiuntivi sono del 10 per cento in pi. Un costo sostenibile pensando ai contributi che arrivano. Spesso si scorda che in atto un patto fra societ ed agricoltura. Parte delle tasse dei cittadini vengano date agli agricoltori per le insostituibili funzioni che essi svolgono per la societ. Fra queste vi anche la produzione di paesaggio.




news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news