LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colpo di mano contro il Belpaese - Approvazione da parte del Senato di un Commissario e del silenzio-assenso sulle opere pubbliche
Salvatore Settis
La Repubblica, 07/05/2005



DEVE velocemente cambiare idea chi si illudeva che avesse vinto la vasta sollevazione, nella stampa e nel Paese, contro alcune norme del decreto-legge sulla competitivit che, in spregio alla Costituzione, miravano a scardinare i principi della tutela dei beni culturali e del paesaggio.

Come questo giornale ha reso noto per primo il 22 febbraio, i punti "caldi" erano 3:
l'applicazione ai procedimenti di tutela sia del meccanismo del "silenzio-assenso" che della "d. i. a." (dichiarazione d'inizio attivit).

INFINE i poteri in deroga a qualsiasi normativa di tutela, conferibili a un Commissario straordinario alle grandi opere pubbliche.

Si susseguirono allora dichiarazioni confuse e contraddittorie del governo (evidenziate in un secondo articolo su questo giornale l'8 marzo), mentre il 10 marzo una lettera al giornale del portavoce del ministro Baccini, Francesco Sanseverino, smentiva tutto (contro ogni evidenza) e proclamava "l'esclusione dei beni ambientali e paesaggistici dal provvedimento all'esame del governo".

L'11 marzo un comunicato del ministero dei beni culturali dichiar che era stata "definitivamente chiarita la non applicabilit della regola del silenzio-assenso alla delicatissima tutela dei Beni culturali e paesaggistici", e di fronte a nuovi dubbi e proteste un altro comunicato (12 aprile) ribad "che i procedimenti finalizzati alla tutela sono esclusi dai casi di silenzio-assenso previsti dal disegno di legge sulla competitivita".


Il nuovo colpo di mano arriva ieri, 4 maggio, nell'aula del Senato.
Come si pu vedere sull'ottimo sito web dello stesso Senato, la nuova versione del comma 11 dell'art. 5 del disegno dilegge (nr. 3344), approvata come parte del "maxiemendamento", reintroduce in pieno i poteri del Commissario Straordinario alle grandi opere pubbliche, gi presenti in una prima versione e poi ritirati dal governo.

Il Commissario, recita la nuova versione, "per assicurare il rispetto della normativa in materia di tutela ambientale e paesaggistica acquisisce il parere delle competenti amministrazioni, che deve essere espresso entro sessanta giorni dalla richiesta. Decorso tale termine, il Commissario procede comunque nell'esecuzione dell'opera".

Se poi un Soprintendente testardo provasse a opporsi ancora oltre la mannaia dei sessanta giorni, allora il Consiglio dei ministri "pu deliberare lo stato di emergenza, conferendo ai Commissario i relativi poteri".

Questo nuovo travestimento del silenzio-assenso, in vesti anzi ancor pi aggressive, non una minaccia remota: vi sono infatti assoggettati tutti gli "interventi infrastrutturali strategici e urgenti", e in particolare i lavori gi previsti nell'ambito delle concessioni autostradali in tutta Italia.
Occorre dunque ripetere, a orecchie che non vogliono sentire, che questa norma sfacciatamente anticostituzionale, in quanto da la priorit agli interessi economici su quelli della tutela, sancitidall'art. 9 della Costituzione come uno dei principi fondamentali della Repubblica.

Occorre ripetere che una serie di coerenti e cogenti sentenze della Corte Costituzionale hanno ribadito che l'art. 9 comporta "la primariet del valore estetico-culturale", che non pu essere "subordinato ad altri valori, ivi compresi quelli economici", e pertanto dev'essere "capace di influire profondamente sull'ordine economico-sociale" (nr. 151/1986).

Precisamente il contrario della ratio politica e giuridica dell'emendamento pervicacemente reintrodotto nel provvedimento sulla competitivit.

Si conferma dunque la troppo facile profezia che, una volta approvato il Codice dei beni culturali, lo stesso governo ne avrebbe tentato la progressiva demolizione mediante leggi e leggine, articoli in decreti-omnibus, commi di questa o quella Finanziaria, eccezioni e deroghe.

Basti ricordare gli sgangherati condoni in materia paesaggistica e ambientale (approvati) e la proposta di indiscriminata sanatoria per tombaroli e trafficanti di antichit, che si era tentato di inserire surrettiziamente nella Finanziaria 2005, provando per l'occasione a sospendere persino la validit di alcuni articoli del Codice Penale.

Per il momento quel disegno appare sventato, ma l'on. Gianfranco Conte (Forza Italia), che ne il principale fautore, lo ha presentato anche come legge ordinaria, e potrebbe riprovare con un emendamento nella Finanziaria di quest'anno, tanto pi che nel frattempo diventato membro del terzo governo Berlusconi, in qualit di Sottosegretario ai rapporti col Parlamento.

Il nuovo ministro deiBeni culturali Rocco Buttiglione ha appena dato buona prova di s garantendo pubblicamente che intende restituire Palazzo Barberini all'uso museale per cui fu acquistato dallo Stato nel 1949, e che rispettando il patto (1997) col ministero della Difesa il Circolo Uficiali liberer prestissimo la parte che ha occupato fino al 1965 in modo legittimo, e negli ultimi quarant'anni in regime di prorogatio che s' autoconcessa.

Vedremo che cosa accadr, e in che tempi (anche perch intanto il generale Stefanon, che dirige il Circolo, ha dichiarato al Messaggero del 6 maggio che non ha nessuna voglia d'andarsene). Pacta sunt servanda, ha dichiarato comunque Buttiglione: a maggior ragione da sperare che egli si erga ora, come gi aveva fatto il suo predecessore Giuliano Urbani, a difesa dei principi di tutela, parte essenziale non solo del Codice dei Beni culturali, ma prima ancoradel massimo patto che regge la Repubblica, la Costituzione.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news