LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il gioiello del 700 in preda ai vandali Storia e disastri di Villa Moglia
JACOPO RICCA
04 agosto 2014 LA REPUBBLICA



UN EDIFICIO settecentesco, prima dimora di marchesi e istituto salesiano, poi propriet comunale diventata infine sede di sabba, pi o meno goliardici, di adolescenti annoiati in cerca di brividi da film horror.

Villa Moglia emerge tra i poggi della collina chierese: da un lato campi coltivati a grano turco, dall'altra viti dell'ex istituto agrario Bonafous. Un lungo sentiero accoglie i visitatori, non autorizzati, che si dirigono verso il cancello in ferro ricoperto dall'edera: da lontano si possono vedere ampie porzioni del tetto sfondato. All'ingresso un cartello: Attenzione pericolo caduta oggetti dall'alto. Il parco secolare ormai sembra divorarla, con i rampicanti che ricoprono i muri esterni e infestano le volte affrescate: il patio sul retro invaso dai rovi che salgono fino a raggiungere il terrazzo sopra. Nei seimila metri quadri della villa non c' un vetro intatto, le tubature e bagni sono distrutti. Gli affreschi, danneggiati irrimediabilmente dall'umidit e dai murales, raccontano il passato nobiliare, tra passione per la Cina delle figure rappresentate al piano nobile e l'arte della caccia nelle alte volte del piano terra. Qui file di sedie da cinema testimoniano pure la presenza dei seguaci di Don Bosco che sfruttarono una manica per costruire uno dei tanti teatrini salesiani del Piemonte.

Dagli anni Settanta la struttura entrata nel patrimonio del comune di Torino che l'ha lasciato in stato di abbandono per oltre trent'anni: Da quando stata chiusa non ho pi avuto il coraggio di entrarci. L'ho vista nel suo splendore e poi andare in rovina, racconta il vicino del poggio accanto, un signore sulla sessantina che da sempre abita qui e ha visto morire una dimora nobiliare di cui conosce a menadito la storia.

Nel 2007 un'interpellanza del consigliere comunale di opposizione, Andrea Tronzano parlava di un centro privilegiato di riti irregolari, messe nere, ma dalla scritte vandaliche e anche dalle parole di chi ci vive a fianco sembra esser 'solo' meta di pellegrinaggio di appassionati del mistero e giovani annoiati: Ogni tanto si vede arrivare qualcuno, pi che altro ragazzini dice ancora il vicino Si sente parlare di sette sataniche, ma noi che abitiamo qua non ci siamo mai accorti di nulla. Sulle pareti della chiesa abbandonata invocazioni a Satana in vernice nera ricordano pi gli horror anni Ottanta che quelle dei veri adoratori del signore delle tenebre: Una lacrima amarissima mi scesa nel vedere trasformato in un ammasso in decadenza il luogo dove sessant'anni fa sono stato ordinato , scriveva nel 2012 il missionario salesiano padre Tiziano Sofia.

Il comune di Torino ha fatto diversi tentativi per 'liberarsi' di Villa Moglia e mettere un freno al degrado: prima un bando per la concessione a enti o associazioni che se ne potessero assumere il restauro e la gestione, poi, nel 2005, un'asta pubblica con base a 5 milioni andata deserta e infine la cessione. Nel 2007 il complesso entrato a far parte dei 19 edifici del Fondo Citt di Torino, lo strumento finanziario con cui il comune mette in vendita gli immobili di cui vuole disfarsi.

In questi anni Prelios, componente privata del Fondo, l'ha inserita tra le strutture in ristrutturazione, ma le scarse disponibilit economiche hanno imposto altre priorit: qui si solo circondato il mure esterno con una recinzione per scoraggiare i visitatori che per sembra non aver avuto grande effetto.

Da qualche anno la commercializzazione stata affidata all'Immobiliare Chiusano: interessamenti ce ne sono stati diversi, c' chi ha chiesto anche la documentazione, ma le pessime condizioni e i vincoli della Soprintendenza sull'intera struttura scoraggiano tutti. La destinazione resta quella residenziale, tanto che sul sito del fondo si parla di unit immobiliari, tra i 100 e i 400 metri quadri, che tengano conto della particolare organizzazione degli spazi originari, proponendo soluzioni abitative anche non tradizionali, con ambienti a tutta altezza, soppalchi, quinte per la definizione dei locali, terrazzi e giardini.

Negli anni il valore dell'immobile crollato: Una base d'asta a 5 milioni quasi dieci anni fa corrisponde a un valore pi che dimezzato con il mercato attuale ragiona un agenti immobiliare che si occupa di case di lusso Anche perch ci vorrebbe un investimento ancora maggiore per la ristrutturazione. Solo qualche straniero in questo momento potrebbe sostenere questi costi, ma i russi preferiscono la Toscana o al massimo la Langa, non certo Torino.

Se non ci sar un cambio di strategie del Fondo o l'intervento di qualche mecenate, Villa Moglia rester cos com' ora, immersa nel suo decadente splendore.






news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news