LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alzano Lombardo. ALT. Il Museo chiuso, ma larte non si ferma
Corriere della Sera - Bergamo 30/7/2014

Lultimo post sulla piattaforma Facebook risale al 23 dicembre 2013 e dispensa ai follower gli auguri di Natale; il sito online risulta inaccessibile e promette la riapertura in versione aggiornata; lingresso, nellopificio ottocentesco di Alzano Lombardo, non esibisce altro che una scritta: ALT. Non si tratta di un monito a fermarsi, e nemmeno di un sinistro avvertimento, bens dellacronimo di Arte Lavoro Territorio: 3.500 mq di spazi espositivi per un incubatore e un display delle energie eccellenti della creativit della zona. Lunica cosa che si pu fare sembra davvero fermarsi davanti alle mura della cattedrale del cemento divenuta inaccessibile cattedrale dellarte, in quanto persino la dimensione social, incaricata di aggiornare il pubblico della generazione tecnologica e dei giovani, sembra aver tagliato i ponti, dato forfait. Peccato, ma tutto si spiega. Il patrimonio darte contemporanea che vi esposto non richiede, come il tesoro dei 40 ladroni, una formula magica per essere disvelato e contemplato, bens una telefonata. Le visite sono possibili solo su prenotazione: questa la prassi imposta dalla crisi. ALT, associazione culturale e spazio non profit, nasce il 27 giugno 2009, grazie al sogno e allintuizione di un architetto e collezionista, Tullio Leggeri, che nel 2000 chiese allimprenditore e appassionato darte Fausto Radici, di aiutarlo a salvare il complesso industriale dismesso dellItalcementi dalla demolizione. Lidea era quella di realizzare uno spazio per atelier, uffici e loft, che potesse accogliere conferenze, esibizioni, eventi e una mostra darte contemporanea in pianta stabile. Sembrava unidea folle, ma Fausto Radici, elettrizzato dallimpresa, rispose con una frase che larchitetto Leggeri ancora oggi ricorda: Sei matto, ma lo facciamo!. Cos ha preso forma, negli anni, uno spazio polifunzionale allinterno del quale convivono, con le opere di arte contemporanea della collezione privata dello stesso Leggeri, le pi svariate manifestazioni ed eventi. I proventi di questi ultimi sono stati lunica fonte di sostentamento per lintero progetto e per le spese di manutenzione delle opere, per la visione delle quali, nonostante la crisi, larchitetto dichiara ancor oggi di non esigere un centesimo. Pezzi unici di artisti come Man Ray, Klein, Duchamp e molti altri, si offrono gratuitamente alla contemplazione di un pubblico che rischia di perdere lattenzione per la bellezza e larte. La mostra, infatti, nasce per essere contaminata dalle persone, per essere espressione, dunque, di unidea di arte ben diversa dalla concezione estetico-decadente di arte per larte.
Nel 2009 e negli anni a seguire le visite si sono tenute ogni sabato e domenica, a ingresso gratuito. Oggi, invece, il museo chiuso e per entrare necessaria una prenotazione anticipata.
Il principale pubblico restano gli studenti, per i quali sono stati pensati percorsi interattivi per apprendere divertendosi. Ho sempre pensato che fosse la frequentazione a indurre un cambiamento nelle idee sul nuovo, e la mia speranza che qualcuno si fermi a pensare, e pensando metta in discussione le sue convinzioni e cambi il suo giudizio, spesso basato su pensieri fugaci e senso comune. Non mia intenzione imporre un consenso, quanto dare inizio a un processo di critica, discussione, dibattito sulla ricerca e sul nuovo. Queste le parole di Tullio Leggeri, questo il sogno di un uomo amante dellarte, unarte concepita nella sua componente non autoreferenziale, unarte portatrice di significati.
Nellottica di un sogno e di un obiettivo di questo tipo, i fondatori sottolineano come ALT debba essere letto con spirito costruttivo e come miccia in grado di accendere iniziative culturali che dovrebbero essere prospettive per il territorio e per tutte le diverse vocazioni, produttive e soprattutto didattiche. Il condizionale dobbligo, poich, fin dallapertura, il museo privato non solo non ha mai ricevuto contributi, ma non neppure stato oggetto dinteresse della vecchia amministrazione comunale, che, fin dai tempi doro e nonostante i successi del progetto, ha mostrato si dice allALT , se non disapprovazione, totale indifferenza. Questo fattore, congiunto alla crisi che negli ultimi anni ha colpito tutti i settori e ancor di pi quello artistico, ha costretto la mostra darte contemporanea a sospendere lappuntamento fisso dei fine settimana e ad aprire le porte solo su richiesta, continuando, nel frattempo, ad offrire i propri spazi a eventi e manifestazioni, grazie ai quali soltanto, ALT si autosostiene. ALT ha rischiato di perdere la propria T, il territorio, sullintersezione con il quale, il progetto si basa, e lha fatto per via di un disinteresse del territorio stesso. A cosa dovuta lindifferenza sfuggente della vecchia amministrazione? Forse ai contenuti della mostra stessa, talvolta bizzarri, di non chiara lettura? Come le innumerevoli mani fotografate o la scultura di un Napoleone che, stringendo tra le mani degli zuccherini, cerca il suo perduto cavallo bianco. Eppure proprio in quanto poco chiare che Leggeri le ha scelte: Compro dice le opere che non capisco. Ora sembra che le cose stiano cambiando. Speriamo di ripartire come prima sin da dopo lestate afferma larchitetto , la nuova amministrazione sembra pi vicina al contemporaneo e disponibile ad avviare una collaborazione e a favorire lintegrazione e la diffusione del progetto tra i giovani. Il nuovo assessore alla Cultura, Simonetta Fiaccadori, conferma e dichiara fiduciosa: Intendiamo valorizzare il patrimonio culturale e artistico del nostro territorio e in questottica lappoggio ad ALT fondamentale. Confidiamo di avviare presto una collaborazione che permetta lapertura, allinterno dello stabilimento, di una serie di laboratori rivolti ai ragazzi, in prospettiva di una maggiore intersezione tra arte, individui e territorio.
Laura Nai



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news