LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Intervento di Giuliano Volpe. Fuochi incrociati sulla riforma MiBACT: spesso basati su scarsa o nulla conoscenza del testo

Dal blog di Giuliano Volpe
http://www.giulianovolpe.it/it/14/Fuochi_incrociati_sulla_riforma_MiBACT:_spesso_basati_su_scarsa_o_nulla_conoscenza_del_testo/380/

Fuochi incrociati sulla riforma MiBACT: spesso basati su scarsa o nulla conoscenza del testo

Su La Repubblica di oggi ho letto un articolo di Carlo Ginzburg, grandissimo storico e raffinato intellettuale, sulla riforma del MiBACT. Colpisce, per, che si parli di tale riforma per sentito dire, sulla base di anticipazioni giornalistiche assai poco documentate, senza conoscere il testo di legge, sia pure non nella sua forma definitiva, che ovviamente sar quella approvata in Consiglio dei Ministri.

Pertanto assistiamo alle reprimende di chi, come il prof. Antonio Paulucci, continua a parlare di manager a capo dei musei (ancora oggi in una sua intervista), mentre mai nessuno ne ha parlato, e in ogni occasione pubblica anche il ministro Franceschini ha precisato che si tratta di figure di specialisti della materia (archeologia, storia dellarte, etc.) con specifiche competenze in campo museale, assunti con concorsi aperti, di livello internazionale, per far vivere i nostri musei (tutti i musei e non solo i 19 selezionati per avere autonomia e un direttore di livello dirigenziale), come dice il testo di legge, con un forte progetto culturale in modo da garantire omogeneit e specificit di ogni museo, favorendo la loro funzione di luoghi vitali, inclusivi, capaci di promuovere lo sviluppo della cultura, e con elevati standard qualitativi nella gestione e nella comunicazione, nellinnovazione didattica e tecnologica, favorendo la partecipazione attiva degli utenti e garantendo effettive esperienze di conoscenza. Cosa ha che fare tutto ci con i manager che vengano da McDonald? E allora perch si continua con questa litania dei musei gestiti dai manager e non pi da storici dellarte o da archeologi. O un museo va bene solo se diretto dal soprintendente o da un funzionari, ma non va bene se lo dirige un altro specialista archeologo, storico, storico dellarte, dello stesso MiBACT, magari selezionato per le sue documentate competenze nel campo della gestione, della valorizzazione, della comunicazione, come accade un po in tutto il mondo?

Oppure, perch, come fa il prof. Ginzburg, si continua a dire che si intende smantellare le soprintendenze? La riforma prevede che in ogni regione resti una soprintendenza archeologica (pi quelle speciali di Roma e Pompei), esattamente come chiedevano i soprintendenti archeologi. Certo sono state unite le soprintendenze architettoniche e quelle storico-artistiche (ma in alcune regioni questo tipo di soprintendenze gi esistevano; e nelle regioni in cui cerano 2 o pi soprintendenze ai beni architettonici o a quelli storico-artistici, resteranno 2 o pi soprintendenze miste). Cosa successo di cos scandaloso? Si sono finalmente unite la tutela dei muri e quella degli affreschi che li rivestono, del paesaggio con gli insediamenti! E allora? Personalmente avrei unificato anche le soprintendenze archeologiche in organismi unici, multidisciplinari, a base territoriale, capaci di esprimere una tutela unitaria, organica, olistica, del patrimonio culturale e dei paesaggi. Ma questo gi un passaggio in tale direzione, come dimostra la creazione delle Commissioni regionali per il patrimonio culturale, organismi collegiali nei quali siederanno tutti i soprintendenti della regione, per amalgamare le politiche di tutela e di valorizzazione, per superare lassurda frammentazione attuale, per cercare di parlare con una voce sola, invece di emettere spesso pareri discordanti tra le soprintendenze, alla base di tanti conflitti, di tanti ricorsi, di tante perdite di tempo inutili e spesso dannose per i cittadini. E perch il prof. Ginzburg parla impropriamente di sottrazione delle competenze di tutela alle soprintendenze affidate a comitati regionali formati da persone spesso prive di competenza specifica che decideranno della sopravvivenza di opere, di edifici, di equilibri paesaggistici fragilissimi. Prof. Ginzburg, quei comitati saranno costituiti dagli stessi soprintendenti, e sono certo che lei non possa considerarli persone prive di competenza specifica! Saranno questi stessi comitati a rivedere il parere di una singola soprintendenza, nel caso di opposizioni da parte di Enti pubblici (non di privati), spesso provocate da pareri divergenti di soprintendenze sorelle, che per parlano assai poco tra di loro. Ma allora dov il problema? Tale organismo collegiale, coordinato da un segretario regionale, sulla base del lavoro istruttorio delle soprintendenze, impone vincoli, dichiara linteresse culturale, lavora alla redazione dei piani paesaggistici, etc. e soprattutto coordina e armonizza lattivit di tutela e di valorizzazione nel territorio regionale, favorisce lintegrazione inter- e multidisciplinare tra i diversi istituti, garantisce una visione olistica del patrimonio culturale e paesaggistico, svolge unazione di monitoraggio, di valutazione e autovalutazione. Il prof. Ginzburg afferma e condivido totalmente la sua visione che la la caratteristica principale della storia dItalia il policentrismo e, infatti, il nuovo impianto conserva intatto e anzi rafforza lapproccio territorialista, la presenza regionale del ministero, facendo snellire nel numero di dirigenti il centro a tutto vantaggio della periferia, ma al tempo stesso rafforza il ruolo dei musei, sia grandi che piccoli e piccolissimi, ora inseriti in sistemi museali regionali, e cerca di affermare una maggiore capacit aggregativa. Inoltre, ed un altro aspetto di non poco conto, sviluppa laspetto legato alla formazione, alleducazione al patrimonio culturale, e alla ricerca (con una specifica DG), in particolare sviluppando rapporti di stretta collaborazione-integrazione tra universit e soprintendenze.

Certamente ci sono punti deboli, aspetti da migliorare e precisare. Ma soprattutto molto dipender da come la riforma verr applicata (sempre che vanga approvata e non stravolta, se superer il fuoco incrociato cui sottoposta, da vari fronti opposti e convergenti), e dalle risorse che si riuscir a mettere in campo soprattutto per ricominciare ad assumere i giovani.

http://www.giulianovolpe.it/it/14/Fuochi_incrociati_sulla_riforma_MiBACT:_spesso_basati_su_scarsa_o_nulla_conoscenza_del_testo/380/


news

01-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news