LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trieste. Il pi grande museo della cattiveria
Corriere della Sera 27/7/2014

Bombe e treni, cartoline e divise: lossessione di Diego de Henriquez realt

Tutte le sere, negli ultimi anni, il marchese triestino Diego de Henriquez si piazzava sul viso una maschera da samurai, si calava sulla testa un elmetto prussiano e si sdraiava per dormire in una cassa da morto: Cos i pensieri notturni non mi sfuggono e la mattina, al risveglio, li ritrovo l, sotto lelmo e la maschera.
Certo non gli sarebbe comunque scappato via il pensiero numero uno. Il suo chiodo fisso. La sua ossessione: dare vita al pi grande, inquietante, tragico museo della cattiveria umana.
El mato dei canoni, lo chiamavano i triestini. Cos strambo da mangiarsi ogni sua ricchezza per mettere insieme la pi spropositata collezione privata al mondo di oggetti di ogni genere che avessero a che fare con il mondo militare, le armi, la guerra.
Erede di una nobile famiglia dorigine spagnola che destinava da generazioni il primogenito allAccademia della Marina imperiale dellimpero austroungarico, Diego de Henriquez aveva cominciato a raccogliere il suo materiale comprando nei mercatini antiche cartoline, vecchie mostrine e fotografie sgualcite. Divorato via via dalla febbre di avere tutto (Lintera produzione mondiale non in grado di soddisfare le mie esigenze, scrisse) arriv a farsi dare dagli Alleati perfino un ponte dacciaio costruito sul canale della chiesa di SantAntonio Taumaturgo. Ponte poi venduto come ferrovecchio per pagare un po dei debiti che lo avevano ridotto in miseria consegnandolo agli strozzini.
Verso la fine, scrisse il giornale Bora, viveva come un barbone in un polveroso magazzino dove custodiva nel disordine totale i suoi cimeli e tirava avanti ordinando nelle bettole piatti di 6 o 9 fagioli che accompagnava, dopo una vita da astemio, con bevute cos abbondanti da spingerlo addirittura a raccogliere secchio su secchio la pip che faceva perch voleva scoprire quanto minge un uomo in un anno.
Quando mor nel 1974 nellincendio del magazzino in cui dormiva, incendio cos misterioso da lasciare per anni il sospetto di un omicidio compiuto per impedirgli di rivelare gli appunti di un quaderno dove aveva annotato le accuse ai collaborazionisti lasciate sui muri della risiera di San Sabba dagli ebrei passati per il camino (scritte presto cancellate con una mano di bianco), Diego de Henriquez lasci tutto al Comune. Che si ritrov con un ammasso enorme di pezzi unici e insieme cianfrusaglie da discarica.
Cerano treni blindati e pipe dipinte con scene belliche, spadini settecenteschi da cerimonia e giganteschi pezzi dartiglieria come Anie, il cannone atomico di Hitler, maschere antigas per i cani e sommergibili tascabili, la divisa dellimperatore Franz Joseph e gamelle di latta dove i ragazzi in trincea avevano inciso frasi tipo Cara Giovanna aspettami che arrivo, enormi carri armati e soldatini di piombo, di legno, di carta, di plastica, di pasta, di stagno.
E poi dodicimila libri (dai codici militari di tutto il mondo agli antichi manuali sui sistemi di fortificazione), 24 mila fotografie (anche top secret come quelle sulle atrocit italiane in Libia e in Abissinia), 470 carte geografiche e topografiche, 150 quadri con immagini di guerra e bandiere, stampe, spade, manifesti, fucili
Ci ha messo quarantanni, il Comune di Trieste, per venire a capo della donazione. Immensa e generosa almeno quanto caotica e ingombrante. Ma domani, nellex caserma Duca delle Puglie nella zona dellippodromo, apre finalmente il Museo della Guerra per la Pace Diego de Henriquez. La data scelta per linaugurazione non casuale: il 28 luglio ricorre il centenario dellinizio della Prima guerra mondiale. Che lacer la citt e i suoi abitanti, da sempre a cavallo tra la cultura italiana e quella mitteleuropea: Fino a quel momento Trieste era il porto di riferimento di una parte di Europa, ricorda il sindaco Roberto Cosolini. E l cominci il lungo tunnel che avrebbe visto condensarsi qui tutti gli orrori del Novecento, persecuzioni razziali, campi di sterminio, Foibe. Un periodo nero che priver Trieste, per quasi tutto il Novecento, della sua funzione naturale quale luogo di incontro di idee, comunit e merci.
I ragazzi triestini vennero dilaniati dalla frattura etnica. Una parte pass il confine e si arruol nellesercito italiano, una parte fin in divisa austroungarica sul fronte galiziano. Anche per questo, spiegano la direttrice Maria Masau Dan e lo storico Lucio Fabi che ha curato il parto del museo, destinato ad ampliarsi fino a diventare uno dei pi grandi dEuropa, tutti i pezzi esposti, ciclopici o minuscoli che siano, non saranno divisi per nazione ma solo per tema. Che senso ha, oggi, rinvangare lodio e le divisioni piuttosto che lo strazio vissuto da tutti, di qua e di l, allo stesso modo?
Uno dei pezzi forti in esposizione sar un carro funebre identico a quello che cento anni fa, tra una folla commossa e consapevole della guerra incombente, port le salme di Francesco Ferdinando dAsburgo e sua moglie Sofia dal porto alla stazione ferroviaria, da dove part il treno per Vienna. Poi un obice 305 capace di sparare a 17 chilometri proiettili di 440 chili che costavano allora mille lire, una enormit. E uno di quei carri speciali che portavano le barche con cui venivano costruiti i ponti provvisori. O ancora un carro ippotrainato uso ambulanza.
C un vecchio filmato in bianco e nero su YouTube. Il marchese Diego de Henriquez, in giacca e cravatta, elegante erre moscia di buona famiglia, non ancora ridotto in miseria e svuotato dalle delusioni e dallalcol, mostra alla telecamera alcune delle sue armi pi spropositate e minacciose spiegando il suo sconcerto: Da un lato la poderosit dei mezzi di distruzione come questo cannone, dallaltro la povert dei mezzi di salvataggio come questa piccola pompa dei pompieri. Oppure, appunto, quello sgangherato carretto ambulanza Che importava dei soldatini, agli alti ufficiali di allora? Lontano, ecco laria dolente di antiche canzoni di trincea: O vigliacchi che voi ve ne state / tra le coltri su letti di lana / schernitori di noi carne umana / maledetti sarete un d.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news