LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biffi Gentili: "Serve coraggio per rottamare"
GIAN LUCA FAVETTO
LA REPUBBLICA 13 maggio 2014

BIFFI Gentili, mi d la sua definizione di cultura?

Al massimo posso dire che cos' per me la politica culturale. Prima di tutto, cultura del progetto.

Cio? Un progetto culturale deve produrre senso e dissenso.

Non consenso?
L'idea di cultura come produzione di consenso porta a una sorta di pornografia, che si accentuata negli ultimi anni. La vera cultura, invece, deve avere la capacit di mettere in discussione lo stato delle cose. Se c' una crisi, vuol dire che qualcosa non va. Bisogna capire che cos', affrontarlo e risolverlo, tagliando ci che si deve tagliare.

Non una questione economica di carenza di fondi.

No. Quando parlo di attivit produttiva, intendo una progettazione culturale autonoma e originale, dalle mostre ai progetti formativi. Mentre oggi c' solo marketing e distribuzione di marchi culturale: prendono qualcosa che sanno di richiamo e la ripropongono. Invece bisognerebbe proporre iniziative che guardino al futuro.

Che cosa possono fare gli amministratori?

La prima cosa sanare una situazione scandalosa: devono pagare i debiti che hanno con gli operatori culturali. In certi casi hanno appena saldato i debiti del 2012. Poi devono valutare se non sia il caso di cambiare atteggiamento.

Che cosa intende?
Ci vuole coraggio, ma potrebbero ragionare su un'ipotesi di rottamazione e sostituzione di certe iniziative culturali che ormai hanno perso senso.

Quali?
Beh, alcuni musei, alcune mostre o eventi, potrebbero essere risanati, chiusi e trasformati. Forse il caso che vivano in rete e si aprano solo in certe occasioni e con un'attivit pi concentrata. Ad esempio, trovo poco logica la vicenda del Mao, il Museo di Arte Orientale: costato molto, ha grandi difficolt, non ha possibilit di espansione. Dobbiamo uscire da logiche tradizionali di pura conservazione. Dobbiamo cambiare punto di vista e osare piccole grandi rivoluzioni .

Argomento spinoso e molto attuale, quello della rottamazione e del cambio delle vecchie abitudini.

Non c' dubbio che, nella situazione data, ci sia un eccesso di offerta a Torino. C' una sorta di attrazione quantitativa, di nevrosi di consumo con livelli di attenzione piuttosto basso. Soffriamo di un eccesso di consumo e di spreco. Bisogna ridurre, riqualificare e ridistribuire la programmazione culturale. Durante una crisi, quando ci sono meno risorse, non si tratta di dare meno fondi a tutti, ma di riqualificare la spesa e concentrare gli investimenti su certi prodotti, abbandonandone altri.

Qual la sua proposta concreta?

Adesso le rispondo. Ma le sembra possibile che nel 2015 rischiamo di avere ancora una volta una mostra sull'arte povera e qualcosa che c'entra con Slow Food? Mi pare un atteggiamento di assoluta conservazione. Ma possibile che l'Italia sia diventato un paese di sarti, cuochi e camerieri? Non discuto che siano importanti, ma non bastano. Per forza che poi diventiamo succubi del mercato, e una fiera pur importante come Artissima viene messa sullo stesso piano di Rivoli: abbiamo perso la capacit critica di valutare la natura delle iniziative culturali. Per certi amministratori una realt di mercato assume la dignit di un museo.

Lei cosa propone?
Un confronto organizzato sulle politiche culturali. Manca da un sacco di anni. C' un pensiero unico non pi sopportabile. Ci vuole un dibattito sulle linee di fondo e sui progetti culturali per ridiscutere l'immagine della citt e il suo futuro. Non voglio parlare solo di mostre, ma anche dei grattacieli e della Tav. Il problema non solo di qualche festival o dei dj, ma sulle questioni che condizionano molto pi radicalmente le nostre vite. Per esempio, trovo questa storia dei grattacieli, venduta come modernizzazione e adeguamento di Torino al resto del mondo, frutto di una mentalit novecentesca. E sulla Tav voglio discutere se per forza il dissenso debba essere considerato criminale. Questo c'entra con la cultura pi di un singolo concerto. Ovvero: come si pu rispettare il dissenso?.

Sta dicendo che la cultura ha bisogno di conflitto.

La cultura conflitto. Proprio in un momento di populismo, di frustrazione e di insensatezze, le pubbliche amministrazioni non si rendono conto della necessit di riaprire il conflitto culturale. Conservando e non cogliendo il nuovo, regalano spazi giganteschi a una sorta di eversione dequalificata, non ancora pericolosa oggi, ma non so fino a quando. Bisogna trovare le condizioni per permettere ai pensieri diversi di esprimersi. Non ammettere il dissenso inammissibile culturalmente.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news